Immagine
 Il letto orange a Odawara... di Carvelli
 
"
La storia si ripete sempre due volte: la prima volta come tragedia, la seconda come farsa.

Karl Marx
"
 
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 09/01/2004 @ 13:01:30, in diario, linkato 879 volte)

Mentre stupor si fa pregare e sembra ormai chiaro che NU FEMMINONE è politically correct, saluto il ritorno al cinema (da sceneggiatore) dell'amato (anche dal femminone) Kureishi... Il sesso non ha età, l'ho capito da mia madre... dice Hanif a proposito di THE MOTHER in uscita italiana... In realtà questo del sesso adulto è un tema a lui caro, una fantasia, un topos, in genere anche la lateralità del sesso vedi Intimacy, Beautiful Laundrette ecc. ma anche Il corpo... She falls in sex, interessante espressione usata da K. in luogo di fall in love... speriamo bene... è un tema che io amo molto spero di non rimanere deluso dall'evidenza dei luoghi comuni, la sovraesposizione, la macchietta... Intanto un saluto a tutti i kureishiani e alè alè alè... solo una curiosità (e una delusione) di quando in una recente intervista di H. lessi che lui non legge più "non ho tempo" disse e si scusò dicendo dei figli (sembra sia lui l'uomo di casa) e degli impegni di scrittura. Sarà vero? A me dispiacque anche se ora... pensandoci... mi viene alle volte da dire SI VEDE e mi riferisco ad una certa universalità, le storie-simbolo, una metafisica (anche assai fisica)..., chiarezza, scrittura antica (spesso cita, anche qui alla Bignardi, la tragedia classica), senza neologismi (bisognerebbe chiedere al suo bravo traduttore Ivan Cotroneo)... chissà forse fa bene, o forse non è vero boh... chi sa parli! 

 
Di Carvelli (del 09/01/2004 @ 10:33:21, in diario, linkato 1920 volte)
Sì. Non sono un grande recensore. Il mio modello è però il papà di S. di iconoclasta maestria. Tipo: La cena di Scola "...Inizia con una cena e finisce con una cena"... Mi sembra un bel tributo all'essenzialità  e vorrei (se si potesse) usarlo come inviato speciale del mio blog (CHIEDERE A S.) Sul cinema mi sembrerebbe doveroso lanciare invito al mio amico STUPOR VACUO il cui link è qui di lato a ripetere il discorso fatto al pub melenso dell'altra sera sulla CiNEMATOGRAFIA ITALIANA io dirò solo cquella francese mi sembra stia bene, particolarmente bene, per varietà di temi generi stili e autori. Sere fa visto per esempio sulle mie labbra di cui non dire altro se non che è interessante se non  straordinario... Dài stupor...il tuo pensiero sul cinema italiano...
 
Di Carvelli (del 08/01/2004 @ 23:03:19, in diario, linkato 2012 volte)

Ecco qua... tipo la televisione...io tutto sommato ne parlo poco perché ne vedo poca anzi diciamo pure vicino al niente. Ma oggi sull'inserto TV del Corsera c'era sta tipa qui di cui so poco che comunque consigliava libri...tipo il mio amato Kureishi e allora non c'ho visto più...e ho detto ma guarda un po' questa ...mica male... poi siccome sono un tipo profondamente democratico e interclassista e con vocazioni pop dico mo' gli scrivo un tributo. Poi è di Brindisi e il tributo glielo faccio doppio, poi ho detto... così inauguriamo una faccia un po' più trash del blog/sito e invece alla fine è solo pretesto per lanciare una piccola classifica femminile... così per ansia classificatoria. Dei generi femminili la Setta qui su appartiene al tipo che io chiamo con militanza NU FEMMINONE di cui vorrei magari risposta o chiose altrui... anche magari sapere se è alla fine così scorretto politicamente...usare per esempio questo violentare col maschile un nome femminile a tutti gli effetti... i linguisti e i dialettologi mi rispondano... Io dico solo EVVIVA U FEMMINONE!!!

 
Di Carvelli (del 08/01/2004 @ 10:44:50, in diario, linkato 842 volte)
Letto ieri...Italia Oggi...le dieci tendenze del futuro secondo l'autorevole (sempre autorevoli sono i sondatori!) Euro RSCG...Ho scoperto di essere un "metrosexual"... giovane (insomma) single maschio metropolitano...dedito (non combacia) ad acquisti cosmetici... Nel futuro grandi scelte o pro mussulmani o contro, gay o contro insomma guerre di stili. Sempre più sarò segmento di mercato e di consumi. Ce la metterò tutta per non farmi fregare in un ruolo. Giuro.
 
Di Carvelli (del 08/01/2004 @ 00:00:26, in diario, linkato 746 volte)
Con D., al cinema: Vodka lemon. Freddo freddo fuori. Il cinema è tiepido, accogliente. E’ vecchio, frusto. Bello. Pure il film che c’ha tanta neve. Tanta. Poi riuscendo di nuovo freddo freddo. Il film ci è piaciuto. Sì ci è piaciuto. E’ un film sulle separazioni. Su quanto un corpo si può staccare da un altro. Qui c’è la morte. Quella che separa dalle persone amate. Ma che poi quasi naturalmente fa da calamita ad altri corpi. A noi non piace parlare della morte. Cioè a noi non piace pensare alla morte. Diciamo che generalmente a noi non piace pensare alla fine. Così ognuno fa le cose sue per esorcizzarla. Intanto la fine fa sempre il suo viaggio parallelo. Bisogna imparare a viaggiarci vicino ad un passeggero così scomodo. Poi penso a quanto poco tempo possa fare tanto spazio tra due stati d’animo. Per esempio tra amore e disamore c’è molto. Per esempio tra stima e disprezzo. Magari sono fatti naturali questi che sono difficili da teorizzare, riassumere in una formula. Ma sono fatti che succedono nonostante poi noi non li capiamo e passiamo la vita a trovare la formula esplicativa di questi bruschi cambiamenti di stato. Tipo che eravamo piccoli e studiavamo le leggi del passaggio dallo stato liquido al gassoso o al solido. Ma in fondo, come si dice, questo era un film. Un film, nulla più. E fa freddo.
 
Di Carvelli (del 07/01/2004 @ 13:23:05, in diario, linkato 774 volte)
Quello che non sarà più almeno per ora è una rivista mensile più o meno di fumetti e altro (act+pop+politics recitava il sottotitolo) di cui siamo stati responsabili io dario morgante alessandra sabatini e luisa montalto...Tante recensioni, interviste un po' di copie vendute ma non abbastanza per dare la gioia del caso al nostro povero editore Francesco Coniglio...intanto è un sito e se potete andate a dargli un'occhiata.... (continua) www.lostile.org
 
Di Carvelli (del 06/01/2004 @ 18:30:57, in diario, linkato 835 volte)

“La forma peggiore di alto tradimento,” disse Minton, “è affermare che gli americani non sono amati ovunque vadano e qualunque cosa facciano. Claire cercò di spiegare che la politica estera americana dovrebbe imparare a riconoscere l’odio anziché immaginare l’amore.” "Suppongo che gli americani siano davvero odiati in un sacco di posti.” “Tutta la gente è odiata in un sacco di posti. Claire fece notare nella sua lettera che gli americani, nell’essere odiati, non facevano che pagare lo scotto per essere delle persone, e che era stupido da parte loro pensare di avere il diritto di essere esentati da quel pagamento.”

Kurt Vonnegut - Ghiaccio nove - 1963

 
Di Carvelli (del 06/01/2004 @ 09:50:40, in diario, linkato 1297 volte)

 

Io cammino
di notte da sola

poi piango poi rido
e aspetto l’aurora
Ed è una realtà
tutta mia
e una strana atmosfera
pervade la mente
di sera

Io vivo
a volte infelice
a volte gaudente
talvolta vincente
o perdente
Ed è una vita d’artista
così altalenante
ma quello che creo
è importante per me
Io cammino
di notte da sola
poi piango, poi rido
poi parlo, poi rido
poi grido

 

Finalmente Amalia Grè. Forse anche a nome suo. Finalmente, dopo tante ricerche, dopo tanti ascolti radio. Anche un’intervista in cui sembra una persona normale. Finalmente una persona normale. Una che sa cantare e che ce lo fa notare. Finalmente. Non come altri hanno scritto: troppi gorgheggi, arrangiamenti sbagliati. Sì sì sì. Commenti. Questa è una che è arrivata a 39anni39 al primo CD. Con una voce della Madonna (non la cantante). E’ una che si è fatta un culo (pardon) in giro per il mondo, che ha cantato con gente enorme che sono stati ad ascoltarla, lei, pugliese, in USA. Sì meglio tardi che mai. Ora fatele fare dischi, uno dietro l’altro. Per recuperare il tempo perduto. Ora, se volete, arrangiatela meglio, mettetegli vicino fiordimusicisti. Fate, fate pure. Ma lasciateci gridare soddisfazione davanti a questo CD fatto di Chissà come deve sentirsi questa non più ragazza, sicuramente ancora ragazza, beneficio delle vite dure e lente ("Sogno/ questa storia sembra un sogno/ ho bisogno di asciugare/ gli occhi miei” e “Vedo scorrere le immagini/ del film della mia vita/ ora è fiorita/ E mi accorgo che la vita/ mi ha lodata/ quasi osannata/ le sono grata”). Lei ha una faccia ferina ma pure infantile. Bella. Le musiche sono melodiose, seduttive. La voce dolce onirica, minosa, dicono. Una bellissima versione di “Estate” da Bruno Martino. A parte la nostra apertura “Io cammino di notte da sola” bella “Profondo” (lei quasi sempre musiche e parole, italiane o inglesi): “C’è una cosa che/ non ti ho detto mai/ vivere per te/ quando non ci sei/ Quando tu sei qui/ anche l’ombra tua/ mi assicura che/ niente cambierà/ Nel tuo sguardo/ c’è una profondità/ intensa e irremovibile/ che mi calma l’anima/ Quello sguardo tu/ non lo sporcare mai/ lascialo così/ e non solo per me”. Forse sarà meglio sentirla in concerto (ci proverò). Il librino che accompagna il disco è verde e celeste, prati e cielo, grande senso di libertà con autoritratti pc painting, uno su base letto (Grè by night) che non può non affascinarmi per definizione. Finalmente Amalia Grè.
 
Di Carvelli (del 05/01/2004 @ 22:31:41, in diario, linkato 1347 volte)

 

Che certi bambini nascono rane che poi diventeranno principesse e anche questo succede a furia di baci. Che si nasce soli ma che da subito si ha bisogno di qualcuno. Che poi si cresce ma non cambia. Che i genitori per definizione si preoccupano e che continueranno a farlo e che avranno difficoltà a smettere. Che è la vita e che nonostante tutto sarà sempre così perché è così da sempre e sempre lo sarà.  Che certi bambini finiscono dentro un terrario riscaldato coi buchi per cambiare i pannolini. Che si piange da subito. Che si ha fame da sempre e sonno. E che altro sonno rimane e rimarrà. Stasera ho visto Chiara.

 
Di Carvelli (del 04/01/2004 @ 16:06:24, in diario, linkato 842 volte)

Ieri concerto di Stefano Bollani. Ho capito una cosa. Divertimento e struggimento. Note e istrionismo. Il pianoforte (solo) suonato come una batteria o come il corpo amato. Il pianoforte suonato come pianoforte. Ne è valsa la pena. Anche del freddo e della fila. Riempire la sala grande dell’Auditorium è stata impresa. Segno di stima e passaparola. E io la ripasso. Andateci appena vi capita. Non vi tolgo la sorpresa di andarci e scoprire che, e scoprire come. Andate appena potete. Nella sbornia dei riconoscimenti contemporanei… non capita a tutti, fra un po’ ne parliamo… ma l’importante che capita, anche tardivi e postumi purché arrivino… Dicevo… ho capito una cosa: che il talento, quello forgiato dallo studio duro, non fa sconti, non cerca scorciatoie e che solo la mediocrità insegue parole dolci, pacche e sorrisi. Solo la sicurezza di uno sforzo continuo e al limite della (im)possibilità dà la sicurezza del lavoro e anche la sana gloria personale, quella non frutto di egotismo.

 
Ci sono 3666 persone collegate

< ottobre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








24/10/2020 @ 19:53:11
script eseguito in 683 ms