Immagine
 LondonLetto... di Carvelli
 
"
Salta giù dal letto di primo mattino e si mette in cammino solo quando ha lo spirito netto, il cuore puro, il corpo leggero come un abito estivo. Non si porta dietro provviste. Berrà per strada aria fresca e respirerà salubri odori. Lascia le armi a casa, gli basta tenere gi occhi bene aperti. Gli occhi gli servono da reti dove le immagini verranno ad imprigionarsi da sole.

Jules Renard
"
 
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 22/12/2011 @ 10:36:16, in diario, linkato 650 volte)

Di un simpatico ritornello

Di un simpatico ritornello
di cui ti faccio oggetto,
le mani, le risposte incerte,
un tappo di sughero,
una ruota di bicicletta (bucata),
e un silenzio.
Anzi due.
E tu?
(non te lo chedo più).

 
Di Carvelli (del 21/12/2011 @ 12:52:07, in diario, linkato 453 volte)
 
Di Carvelli (del 21/12/2011 @ 09:13:45, in diario, linkato 397 volte)
La parola di oggi è: sollecitare e il suo strano etimo (http://www.etimo.it/?term=sollecito). Contrariamente a quel che potete pensare la uso spesso e più spesso "mi viene" usata. Di frequente all'imperativo. Sollecitalo! O locuzioni: fagli un sollecito! Che faccio? Lo faccio?
 
Di Carvelli (del 20/12/2011 @ 15:14:16, in diario, linkato 364 volte)
 
Di Carvelli (del 20/12/2011 @ 10:02:44, in diario, linkato 662 volte)

Billy Collins - Balistica

IL FUTURO

Quando alla fine ci arriverò –
e ci vorranno molto giorni e molte notti –
mi piace pensare che ci saranno altri in attesa
e che vorranno perfino sapere com’era.

E così mi abbandonerò al ricordo di un cielo particolare
o di una donna con un accappatoio bianco
o della volta in cui ho visto uno stretto molto angusto
dove si era svolta una famosa battaglia navale.

Poi squadernerò su un tavolo
una grande mappa del mio mondo
e spiegherò al popolo del futuro
dagli abiti sbiaditi com’era –

come le montagne si alzavano tra le valli
e questa era detta geografia,
come le navi cariche di merci percorrevano i fiumi
e questo era detto commercio,

come il popolo di questa zona rosa
si spostava in questa zona verde chiaro
e come incendiava e uccideva chiunque trovasse
e questa era detta storia –

e loro ascolteranno, con lo sguardo gentile e in silenzio,
mentre altri arriveranno a unirsi al cerchio,
come onde che non si allontanano,
ma si muovono verso un sasso lanciato in uno stagno.

                   Billy Collins - Balistica - Fazi

da www.subliminalpop.com/?p=3975

 
Di Carvelli (del 19/12/2011 @ 14:02:29, in diario, linkato 435 volte)
 
Di Carvelli (del 19/12/2011 @ 12:38:41, in diario, linkato 346 volte)
Dominerį il colore rosso, la calca nei negozi, la fretta e gli spintoni alla cassa. Per sbrigarsi, per non perdere la buona abitudine di essere primi anche se questi sono i giorni degli ultimi.
 
Di Carvelli (del 19/12/2011 @ 11:37:27, in diario, linkato 455 volte)
 
Di Carvelli (del 19/12/2011 @ 10:33:35, in diario, linkato 530 volte)

"Smoke" in via Tagliamento
di Roberto Carvelli

Questo l’ingresso del Piper Club su via Tagliamento. Un giorno canonico: il sabato pomeriggio. Quello in cui il locale è la discoteca dei ragazzi, uno spazio divertimenti che ha traguardato epoche. Da quelle ampiamente storicizzate di Patty Pravo all’odierna. In mezzo la mia epoca. E sì, a questo punto mi vedo costretto a riconoscerlo, ho anch’io un’epoca. Di attese senza biglietto fuori. Attese di qualcuno che ci girasse una riduzione o un pass per l’interno. Nell’epoca delle tessere vip per pochi fortunati che Mister Franz – morto qualche anno fa – concedeva per simpatia e molte indiscrezioni al riguardo. Leggende metropolitane o no, noi non entravamo. O solo quando avevamo messo insieme le lire che servivano e di cui, spesso, non disponevamo. O negoziando una riduzione, un due per uno. Qualcosa che considerasse le magre fortune di non essere figli di papà. Ma anche se non entravamo eravamo lì fuori a verificare i nostri motorini significativamente modificati con espansioni varie e marmitte che parevano bazooka attorcigliati. La speranza era quella di veder uscire uno che imbonisse i buttafuori con un permesso, un lasciapassare medievale. La nostra vita ha conosciuto da subito i vantaggi e gli svantaggi di fare (o non fare) parte di una cerchia ristretta e fortunata, privilegiata. Ma anche l’amicizia. Quella di chi si sa fare compagnia con nulla nella cattiva sorte. Ricordate Smoke, il film di qualche anno fa dalla sceneggiatura di Paul Auster? Un tabaccaio scattava ogni giorno alla stessa ora una foto a cavalletto davanti al suo negozio e così fissava e conservava in maniera un po’ situazionista il passare del tempo. Il Piper avrebbe dovuto fare altrettanto per salvare in un album di foto epoche e stili, mode di tutta questa attesa davanti a sé. Prima che si risolvesse nella discesa infernale nella catacomba dei decibel o si sciogliesse la sospensione in una fuga in sì o ciao verso il centro a spendere l’unica cosa che avevamo: miscela (nell’epoca in cui i benzinai la smerciavano a percentuali), poche lire per un pezzo di pizza e soprattutto tempo. Tanto tempo: ci sembrava allora. Ecco faccio parte di questa generazione: quella che avrebbe voluto ma neppure tanto. Che trovava il modo facile e divertente di sfangarla con poco. Divertendosi resistendo alla povertà delle possibilità. E di questo – ora mi tocca ammetterlo – non posso che riconoscerne il merito, anche inconsapevole, ai miei genitori “braccine corte”. Ma allo stesso tempo mi sento di ringraziare non loro ma qualche entità soprannaturale – il vento nei capelli sul motorino allora senza casco? Il Dio della chiesa tutta mosaici all’angolo su piazza Quadrata o Buenos Aires che dir si voglia? Il blando sole invernale? – per tutta quella attesa. E’ stata quella, ora penso, la formazione più importante per la mia adolescenza impaziente. La considerazione che anche senza quelle aperture – le uniche che ricordo con piacere – con i Talk Talk di Life’s what you make it si poteva passare lo stesso un bel pomeriggio girovagando da un bar all’altro a cominciare dal chioschetto in piazza, quello del lemoncocco. E poi turbinare sgasando e smarmittando imprecati lungo via del Tritone per poi risalire e andare a vedere l’uscita dei fortunati all’ora giusta. Avevano rimorchiato? Ci avrebbero presentato qualche ragazza – come un avanzo della tavola a cui non avevamo avuto l’onore di sedere? Andavamo a vedere. Ora che lo guardo, in questo pomeriggio di sabato molto vuoto e senza i capannelli degli sfortunati tipo me al tempo, penso che il Piper, come altre discoteche, ha due posizioni: aperto e chiuso. E due situazioni: esterno e interno, fuori o dentro. E quest’ultimo più che un pensiero spaziale, è proprio una legge della Vita.

http://www.paesesera.it/Societa/Smoke-in-via-Tagliamento

 
Di Carvelli (del 16/12/2011 @ 16:31:20, in diario, linkato 671 volte)
 
Ci sono 3151 persone collegate

< settembre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
       
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020

Gli interventi pił cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie pił cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








30/09/2020 @ 09:03:50
script eseguito in 696 ms