Immagine
 Il letto di Reykjavìk (altro)... di Carvelli
 
"
Una volta mi disse che a New York l’arte del farsi strada dipende da quanto si è bravi a esprimere il proprio malcontento in modo interessante. L’aria è satura di rabbia e lagnanze. La gente non ha pazienza di stare ad ascoltare uno che si lamenta dei propri problemi, a meno che non lo faccia in modo divertente.

Don De Lillo
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 10/02/2010 @ 11:37:46, in diario, linkato 563 volte)

Il racconto si intitola STORIA DI UNA RUGA ed è uscito sul numero 82 di TRATTI.

tratti 82

www.mobydickeditore.it/rivista.html

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 10/02/2010 @ 09:10:08, in diario, linkato 1480 volte)

Premetto. Che ho sempre difeso Muccino-regista contro Muccino-autore (non perché non ci piace il mondo che racconta non possiamo apprezzarne le doti). Che in fondo un regista veloce fra tanti registi lenti...non che bisogna fare le maratone ma... ha un suo perché, il ritmo, la buona direzioni degli attori, una certa fluidità nel girare e montare. Che vado al cinema osservando indistintamente basso e alto e facendo a mente una mia classifica per genere che non mi impedisce di apprezzare il buono in entrambi. Che quando ho sentito parlare bene di questo film ("nonostante non ci piaccia Muccino") non mi sono identificato neppure in questo atteggiamento salvifico. Che quando ho visto che il mio critico di riferiemnto Roberto Escobar sul domenicale del Sole lo stroncava mi sono trattenuto dal leggerlo (qualche volta è capitato di essere in disaccordo). Che all'entusiasmo di altri recensori, invece, non ho fatto seguire entusiasmo mio. Che, insomma, mi sono tenuto ad equidistanza da tutto e tutti. Anche da me stesso.

Prima i salvati che i sommersi. La Puccini (attesa alla prova difficile del dopo Mezzogiorno) non ha fatto rimpiangere l'attrice che l'ha preceduta. Anzi. Un'aria infantile ma buona, isterica ma comprensiva donano al suo personaggio la forza delle variabili che in altri sfuggono. Con lei la canzone di Lorenzo Jovanotti e solo l'unica altra nota davvero positiva del film ma ero così irritato da non avere voglia di attenderla tanto mi sono detto...e infatti l'ho ascoltata stamane in navetta.

I sommersi. Non so se sia educativo un film come forse non lo è neppure la televisione e quindi non farei questioni di lana caprina se venga prima il male tv del male grande schermo. Di certo se avessi un figlio temerei a equidistanza che veda e approvi i temi di questo film come di tanta tv. Ma lascio ai sociologi e agli psicologi l'ingrato e inane compito e dico. 1 il personaggio interpretato da Favino è una macchietta e lo è anche quando non vuole esserlo. 2 il personaggio "sua moglie" è imbarazzante e mi fa dire (non solo per lei) che il film possa essere in effetti raccontato come biecamente maschilista se non misogino. 3 Che molti matrimoni falliscano ci sta ma che falliscano tutti nei film di Muccino... 4 Che il personaggio del riemerso da viaggi tossici sia una macchietta tout court lo lascio alle leggi della fisica più che alle interpretazioni della critica (che non esercito non essendolo io né rappresentandolo questo sito in sé). 5 Se due su due aspettano un figlio (un figlio...che sono due... desiderati) ed entrambi nati da rapporto extra (intra nel caso di Accorsi) coniugali rende la scena del racconto una barzelletta che così dovrebbe iniziare "ti do due notizie...questa è quella bella, sono incinta....quella brutta è....che non è tuo" e avrei aggiunto risate finte che tanto in sala tutti ci sbellicavamo lo stesso nonostante il preteso pathos) 6 A una che torna dall'obitorio per andare a vedere un amico che si è tolto la vita il compagno chiede "come è andata?"... e come deve essere andata? 7 test tuscolano...a proposito di Santamaria aspirante suicida...a un certo punto il pubblico incitava... daje ammazzate! (inviterei Muccino a mandare un visionatore come si fa nel calcio all'Atlantic). 8 se i personaggi sono ben disegnati narratologicamente alla moglie di Favino non dovrebbe toccare l'odio del suo nuovo compagno. Ingiustificato, ridicolo, fuori tono anche rispetto alla delicatezza (malata) di lei e risiamo a un'immagine fortemente problematica della donna 9 il battito del cuoricino all'ecografo è un po' a rischio (si frequentano da un mesetto)...ma passiamola 10 Cocci finisce in una spiaggia esotica...finisce? non so che augurarmi, augurargli. 11 ma quando nasce (si vede nascere) un bambino si gioisce come ad un gol mentre con l'altra si riprende con la videocamera (ammetto il mio debole senso materno e la poca tifoseria)? 12 il cinema muscolare di Muccino ci ha abituato (troppo) all'isteria, alle reazioni, al lancio dei telefoni (saranno sponsor i vari venditori di cellulari?) tanto che ora raggiungono l'effetto opposto (in sala tutti ridevano al momento sbagliato e questo mi ha dato la certezza che c'è un problema di comunicazione). LAST. La famiglia felice Accorsi-Puccini potrebbe salvarci ma siamo così sommersi che alla fine è meglio nuotare a riva delle nostre semplici (che semplici non sono) vite.

Concludo. Il problema grave di questo film mi sembra proprio nelle funzioni. E' satira senza far ridere e dramma senza far piangere. Inoltre: un film per sentire una canzone è un po' poco. specie se bisogna attendere due ore. farsi intristire sulla impossibilità di un amore non credo che sia benefico. In una vi invito al paranormale forse la vita vi si allargherà di più. Spaventosamente.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 09/02/2010 @ 14:31:15, in diario, linkato 660 volte)

Settimane fa mi sono imabattuto in una lettera con risposta della posta di Umberto Galimberti su D di Repubblica che dopo aver declinato a rispondere sul particolare di una relazione amorosa e aver citato l' Ars amandi psychoanalytica di Hans Sachs, allievo di Freud, si domanda attraverso di lui "che cos'è la vita a due? Una combinazione di forze per sopperire alla propria debolezza, un'opportunità per possedere una casa propria, una modalità socialmente accettata per allontanarsi dai propri genitori, una fuga dalla solitudine, un effetto indotto dalla fascinazione o dall'ammirazione, un sedativo contro l'eccesso passionale, un'anticamera della separazione, un espediente per sentirsi normali, una casa di piacere, una camera di tortura? Probabilmente tutte queste cose diversamente dosate a seconda dei casi. Ma se il rapporto si fa troppo problematico o soffoca nell'intreccio di troppe domande che lo assediano senza dargli respiro, allora conviene dire addio, senza conferire al congedo una drammaticità troppo solenne. Anche perchè frequenti sono le insoddisfazioni nelle cose d'amore, come scrive sempre Hanns Sachs, "un destino comune non diventa eccezionale per il solo fatto di esserne colpiti personalmente". Quando le relazioni non funzionano i segnali ci sono e si fanno sentire nella perdita della tranquillità interiore, che va ascoltata prima che la relazione distrugga il sistema nervoso e poi quella cosa che lei chiama amore".

Mi ha fatto pensare a una frase di De Lillo che campeggia qui a fianco random rispetto al lavoro. Insomma credo che lamentarsi in modo divertente sia quello che quantomeno dovremmo chiedere a chi si sente eccezionalmente male. Per qualsivoglia ragione. 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 09/02/2010 @ 11:49:09, in diario, linkato 512 volte)
Guardate un po' chi e cosa? Chet Baker e Arrivederci di Bindi english version con tromba finale in un film italiano (e se guardate bene ci sono anche altre sorprese).
">.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 09/02/2010 @ 09:59:43, in diario, linkato 656 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 09/02/2010 @ 08:41:27, in diario, linkato 542 volte)
Ieri (io e la mia amica D.) siamo andati a vedere lo spettacolo di Sidi Larbi Cherkaoui e del Cedar Lake Contemporary Ballet  intitolato "Orbo Novo" e ci è piaciuto. A me in particolare e mi riprometto di farlo piacerebbe approfondire la relazione tra ictus, relazione e reazione tra le sfere del cervello e nirvana. Mi rendo conto che il tutto può apparire un po' faticoso per iniziare la mattina ma non è detto che sia un "compito per oggi".

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 08/02/2010 @ 10:28:56, in diario, linkato 584 volte)
Sabato sera ho partecipato nella parte del Folletto Magichino alla lettura teatralizzata di una fiaba sulla diversità del mio amico G. Fiaba per e con disabili. In una casa del Tuscolano ci siamo radunati con alcuni/e bambini/e e uomini e donne non udenti non vedenti (scusate ma non sono confortable al discorso, alla correttezza o eventuale scorrettezza ma è poca dimestichezza) e abbiamo letto la fiaba, divertendoci forse più che divertendo. Qualcuno leggeva, molti ascoltavano, molti mangiavano. Questo ho fatto sabato sera.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 08/02/2010 @ 09:02:58, in diario, linkato 598 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 08/02/2010 @ 08:44:03, in diario, linkato 491 volte)

Fatto

Tartare di maremmana sceltissima con cipolla, cetriolini, capperi, prezzemolo, tabasco, worchester, senape.
Crostata con marmellata di chinotti e mandarance (tutto in casa).
Un'ora di bici con il mio amico A.
Il discorso del volante a D. In sintesi: se vai a sbattere e guidava un altro non te la puoi prendere con l'altro. Se continui a sbattere e guida sempre un altro domandati se non sia il caso che la prossima volta sia tu a guidare.
Letto (soprattutto la Oates e un curioso racconto di Poe sull'amore a prima vista e l'uso degli occhiali)
Visto The single man di Tom Ford.
Rivisto Match point e visto L'era glaciale 2.
Bevuto il perfetto vino DONNALUCE grazie alla consulenza online di A.

Non fatto

"Ascoltare la mia pelle"
Ricucire rapporti (in parte sì, in parte no)
Dividere la crostata.
Non dire tutto quello che so alla persona interessata (in parte no).
Andare al cinema 3 giorni su tre (che in parte era meglio).

Cose che spero di non fare più

Sbagliare i campi, confondere i piani, sbagliare i colori, spostare i tempi.
Dire alla persona interessata una cosa che la riguarda e che riguarda anche un'altra persona (a meno di averne chiesto il permesso a questa seconda).
Smettere di idealizzare, sovrastimare, edulcorare le persone (qualche persona va bevuta senza zucchero).

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 05/02/2010 @ 12:39:09, in diario, linkato 606 volte)

Come finisce Lost in traslation? Qual è la verità finale?
questa http://www.youtube.com/watch?v=xgkZHHKSYzQ
o questa http://www.youtube.com/watch?v=-qoCUcgsJW0
Come mi era stato predetto l'effetto di ritorno di questo film dopo il ritorno Jap è stato commovente. LIT è un film che non mi è piaciuto la prima volta che l'ho visto, mi ha un po' infastidito anche se avevo apprezzato il primo film della Coppola. La seconda volta e poi le volte successive l'ho apprezzato e post nippo l'effetto positivo non si è stemperato. Anche se non so la verità finale. Dico non la so. ma la so benissimo. More than this there is nothing.
">.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 1570 persone collegate

< settembre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
       
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








27/09/2020 @ 16:14:52
script eseguito in 730 ms