Immagine
 Il letto di MT... di Carvelli
 
"
Siamo oggi senza ombra e senza mistero,/ In una povertà che lo spirito abbandona;/ Restituiteci il peccato e il sapore della terra/ Perché il nostro corpo si emozioni, tremi e si dia.

Louis Brauquier
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 21/11/2006 @ 14:47:08, in diario, linkato 1319 volte)

"Non so se gli animali hanno un’anima, ma di sicuro non penso che siano solo oggetti viventi. Quando metto in queste situazioni ho il dubbio che stiano vivendo l’esperienza dell’opera d’arte. Secondo me un’opera non ha bisogno che chi la vede conosca l’arte, o abbia la coscienza di stare guardando un’opera d’arte, l’opera funziona comunque. E quindi ho il dubbio che questi animali abbiano visto un’opera d’arte".Così Paola Pivi a Laura Cherubini. Approfondisco e scovo un'intervista del Macro. Qui.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 21/11/2006 @ 14:34:16, in diario, linkato 672 volte)
Dall'altra parte della porta c'è una recita perfetta di andature. Il passo è al corpo e al grado. Il passo è il corpo e il grado. Non tutti i gradi corrispondono al corpo. E viceversa. Per fare una regola o una legge servirebbe un incrocio di varianti ed è un tabella che ancora non ho fatto.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 20/11/2006 @ 14:21:45, in diario, linkato 618 volte)

"Alfine liberato, dopo la vittoria con Nadal, dalla impotentia tennistica parziale, Roger Federer ha di fatto sodomizzato il suo sventurato avversario, James Blake". Così Gianni Clerici tributando il giusto onore al tennista svizzero. E' bello sapere che Wong Kar-wai sta per uscire con un nuovo film in cui si parte da una Norah Jones piegata su un tavolo con il baffo di panna di un dolce appena consumato (perché mai inizi così dolci nei film?). E le performance artistiche di Paola Pivi in un'intervista interessantissima in cultura: peccato non essere a Milano e vedere di persona... e non saperne di più...(qui sotto Paola Pivi - cover#3 dalla Fondazione Nicola Trussardi)

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 20/11/2006 @ 08:33:11, in diario, linkato 1042 volte)
Credevo che i termini della questione fossero tutti lì. La morte. Credevo che la morte fosse, appunto, il termine della questione nel senso doppio della fine stessa e della spiegazione della fine. E, in effetti, non sbagliavo. Non credo che sbagliassi. Ma non bastava. Qualcosa mi diceva che non bastava, che c'era altro. Dopo, ho pensato che si muore anche quando si è distratti dalla vita, quando non si ha abbastanza attenzione alla vita. Successivamente che si muore quando non si uccide qualcosa o qualcuno che ci uccide anche lentamente o che ci distrae dalla vita, dalla miglior vita. E, per esempio, che muore Mario se non uccide la faciloneria, Cristina se non elimina la paura, Rita se non uccide la madre (non in senso letterale, no, per carità!), Luca se non elimina (almeno in parte) i suoi soldi (non nel senso di spenderli: già lo fa e non sarebbe un vero eliminarli) Pietro se non fa fuori l'arroganza, Roma se non elimina il traffico, l'occidente se non fa fuori la guerra e prima ancora l'interesse, il bisogno di dominio, il senso di superiorità, le religioni se non cancellano il loro assolutismo, il pianeta se non uccide l'inquinamento...e così continuando. Insomma, ognuno deve uccidere qualcosa o qualcuno per continuare a vivere o solo per vivere veramente bene che è lo stesso. Questo pensiero mi lascia un po' sospeso, mi dà serenità ma un po' mi fa soffrire e - penso - mi uccide. Ma non è così - penso poi - è la paura di non farcela (ad eliminare quello che ci fa soffrire) che mi uccide e decido di farla fuori.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 17/11/2006 @ 09:01:25, in diario, linkato 1462 volte)

Forse non è neppure mio. E infatti ad annotarlo c'è una scrittura altra. Di chi, non so dire. Il libro L'altrui mestiere (Einaudi) è di Primo Levi che non è uno scrittore mio. L'ho letto tardi e, ovviamente (ma come faccio a saperlo?!), non mi ha fatto quell'effetto che deve fare sui banchi di scuola, all'età delle cartelle e delle merende. L'altrui mestiere è il titolo della raccolta di scritti e il primo è La mia casa che così mi fa riprendere il discorso di ieri. Inizia così: "Abito da sempre (con volontarie interruzioni) nella casa in cui sono nato: il mio modo di abitare non è stato quindi oggetto di una scelta".  Poi: "la mia casa si caratterizza per la sua assenza di caratterizzazione". Ed è questo un tema con cui già mi sono confrontato in Kamasutra in Smart e anche fuori). Levi parla di Torino e di una casa da cui ma si è spostato. Non ci sarà di sicuro un giusto e uno sbagliato dell'abitare e c'è di sicuro una gamma di sfumature e di scelte tra un luogo e un altro. Il pezzo di Levi si conclude così: "Abito a casa mia come abito all'interno della mia pelle: so di pelli più belle, più ampie, più resistenti, più pittoresche, ma mi semrbrerebbe innaturale cambiarle con la mia".

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 16/11/2006 @ 14:25:20, in diario, linkato 570 volte)
La prima musica che ci ascolterai. Le prime parole dette, le prime sussurrate. Il primo rumore. Lo strillo numerouno. L'odore del primo sugo. Alla fine una casa è una storia d'amore.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 15/11/2006 @ 09:38:20, in diario, linkato 711 volte)

"Cinquanta centimetri vi separavano. Con la mano, allungandola, avresti potuto prenderla per la vita e avvicinarla a te. Lei avrebbe potuto sciogliere la cinta dell'accappatoio e sconvolgerti con la bellezza del suo corpo. Vi sareste presi con violenza. Con insaziabile desiderio. Dopo, ci sarebbe stato un dopo. Trovare le parole. Parole che non esistono. Ma poi, l'avresti persa ugualmente. Per sempre. Perché te n'eri andato. Senza un arrivederci. Senza un bacio. Ancora una volta". Rileggo di nuovo CASINO TOTALE di Jean-Claude Izzo. Con l'emozione di chi scopre che (alle volte è solo un retropensiero), di come un grande libro possa essere (sembrare) un libro di genere. Potrei fare altri nomi, dire di altri grandi autori erroneamente creduti di genere...Rileggere poliziesco o fantascienza alla luce di certa autorità. Autorialità. Ma non lo faccio. Preferisco pensare alle tante occasioni perdute. Ai gesti fatti senza un seguito. Ai gesti mai fatti e che mai faremo o avremmo fatto. E che non facciamo. Ancora una volta.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 14/11/2006 @ 08:35:37, in diario, linkato 689 volte)
Ieri, non si dice gli anni ché erano tanti, il mio (non il mio) compleanno più numeroso. Ma poi niente sonno e così ho finito per fare il gioco dell'accendere e spegnere la luce e del leggere e non leggere. E nel gioco sono entrati la rilettura delle prime pagine de L'educazione sentimentale di Gustave Flaubert, quindi battello e fiume la descrizione di qualche personaggio e poco più e la (ri)lettura integrale di un racconto dalla prima raccolta di Giulio Mozzi Per la pubblicazione del mio primo libro (in Questo è il giardino). Di tutta questa dilazione del tempo (notturno) rimane una confusa ridda di parole e un pensiero. Il pensiero della lettura. Non credo di averlo mai scritto (ma se sì, mi ripeto) ma uno dei miei demoni più pericolosi è proprio la interruzione della lettura. E' un demone insidiosissimo che tende a fermarmi anche solo ad una manciata di pagine o righe dal fatidico (una volta si componeva alla fine del volume quasi sempre) FINE. E ho ripreso in mano Il corsaro Nero piange! di Riccardo Schwamenthal  e Michele L. Straniero che è un libro della mia vecchia biblioteca dedicato agli explicit di romanzi famosi o meno. Tra tutte mi sono imbattuto nelle parole che chiudono Madame Bovary, così forse per esorcizzare il pericolo di questo demone della non-fine.  "Recentemente ha ricevuto la croce d'onore" e mi ha fatto ripensare alla scritta finale di molti film che riassume il dopo della pellicola segnando le tappe importanti di uno sviluppo più spesso biografico. 
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 13/11/2006 @ 17:30:28, in diario, linkato 605 volte)
L'unica cosa da curare è l'atteggiamento...se credi che ci sia un atteggiamento giusto e uno sbagliato ti sbagli. Nessuno di noi può dirsi dispensatore di quello giusto e fustigatore di quello sbagliato in quanto unico depositario dello stesso...L'unica cosa che c'è è un atteggiamento positivo e benefico e uno che ci danneggia. Ahinoi tutti siamo sotto il sole e sotto le ombre di entrambi... essere compagni amici persone che hanno cura delle altre persone vuol dire solo aiutarci vicendevolmente indicandoci quelli che in un momento ci sembrano soli e non sono o ombre e non sono...da troppo vicino le cose non si vedono...da troppo lontano pure...stai sotto alle cose ma non troppo...non troppo da non vederle più né troppo lontane da intravederle appena....è tutto un problema di visione...di avere la visione giusta...se io potrò ti dirò quando la tua visione (la tua posizione rispetto all'oggetto) è sbagliata e spero che tu farai altrettanto. Perché alla fine è solo che dall'esterno si vede meglio la visione.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 13/11/2006 @ 08:43:51, in diario, linkato 505 volte)
Mi scrivi che la distanza ti ha curato. Che ora una città ti rende felice e libera e io continuo a pensare alle tue parole. Cosa ci cura? (mi domando) L'aria di un'altra città? Essere altrove? Rifugiarsi dove nessuno ci può trovare (proprio nel momento in cui ci inseguono tutti)? Ecco perché bisogna volere bene ai luoghi. Ecco perché bisogna avere cura delle case. Una casa, una città non sono solo un ricovero ma sono spesso una salvezza e i loro sacerdoti sono le guide, gli intermediari di questi santuari. Non esistono proprietari. Non delle case. Non delle città. I luoghi possono solo essere officiati, comunicati, messi in circolo, attraversati. Nessuno ne è detentore. E persino le case non sono altro che templi aperti ad un pubblico piccolo. Che qualche volta siamo stati noi quando ne avevamo bisogno.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 879 persone collegate

< ottobre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020

Gli interventi pił cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie pił cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








29/10/2020 @ 08:02:00
script eseguito in 595 ms