Immagine
 Il letto di ML (particolare)... di Carvelli
 
"
In un certo senso, avere una dipendenza è sinonimo di intraprendenza. Una bella dipendenza come si deve toglie alla morte l'elemento sorpresa. Perciò si può progettare la propria fine, eccome. (...) La verità è che il sesso non è sesso se ogni volta non lo fai con un partner diverso. La prima volta è anche l'unica in cui uno c'è dentro completamente, con la testa e con il corpo.

Chuck Palahniuk
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 22/09/2005 @ 14:34:10, in diario, linkato 722 volte)

Mi permetto di citare una poesia da un blog http://mattatoia.clarence.com/ che seguo con attenzione, uno di quelli più belli in cui mi imbatto da mesi e che voglio segnalarvi. Chi lo scrive ha talento e futuro. Non è la prima poesia che leggo e non so se è la migliore ma è quella di oggi e mi piace.

 

Andate via per sempre
per sempre
lasciate cadere
per terra
tutte le cose
come giocattoli guasti
la colpa commessa, ma ai danni di chi?
Perpetrare il danno – questa infelicità.
Questa infelicità domestica,
nel caffè,
nella porta di casa tutti i giorni alle spalle…
Non mancava il coraggio, è mancata la fortuna, il tempo…
Maturano le parole sopra il foglio bianco
e si scelgono tra loro per restare insieme
io così, aspettavo i giorni giusti,
io la sposa io l’amante, cosa sono stata,
cosa altro ancora posso diventare?
E se adesso io non ci provassi più
a sollevarmi dal letto la mattina…
Per cosa vale la pena ancora,
per questo disperato buio,
per il posto vuoto al mondo
il posto dei figli che non ho, che non verranno mai,
io per sempre qualcos’altro
– o niente
andare via per sempre,
come una bella giornata,
in ottobre,
sono per sempre
un calendario trascorso,
un giorno
finito
non so dove

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 22/09/2005 @ 14:13:03, in diario, linkato 689 volte)

In ascensore. In un vecchio ascensore. Un anticho regolamento del produttore. Stigler. Regola n.1

CHI USA L'ASCENSORE LO FA A PROPRIO RISCHIO E PERICOLO

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 22/09/2005 @ 08:51:32, in diario, linkato 923 volte)
 
 

Mi è giunto un prezioso regalo. Duplice. I libri di Pierluigi Cappello che vanno sotto il titolo di Amôrs e Le nebbie (entrambi editi da Campanotto) e da quest'ultimo traggo questa poesia:

 

In questo appartamento

in questo occidentale

e cauto isolamento

un solo, principale

 

pensamento, mia sola

ragione: ogni argomento

è vano, ogni parola

fola, ventre di vento.

 

E scrivo; tuttavia.

E canto controtempo

se cerco l’armonia:

 

maledizione forse

è secondarlo il tempo

rincorrerne le corse.

Nel film La messa è finita di Nanni Moretti che stanotte ho sognato (eravamo in una stanza e io avrei letto a sorpresa una sua cosa da un librino) si citava una frase che non ho mai ritrovato (qualcuno dice San Paolo) e che è bella Io sono un uomo fortunato perché sono stato molto amato.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 21/09/2005 @ 09:10:06, in diario, linkato 744 volte)
Ci sono dei blog scritti davvero bene. Ci sono e c'erano (ahimé). Ci sono dei talenti e sarebbe curioso sapere se quel talento è (o possa diventare) talento narrativo, letterario o solo uno sfogo che brucia lassù e lassù muore. D'altronde esiste un IO letterario (presunto falso e sperato vero) e un IO autobiografico dato per vero (ma falso o presunto verosimile). Insomma, le cose non sono mai chiare. Anche IO, IO IO, quando dico IO non è che poi dica sempre Roberto Carvelli in carne e ossa e spirito (per quel che ne rimane). Dal punto di vista di quello che scrivo, invece, la fruizione diversa credo che inevitabilmente determini una scrittura diversa. Ma questo non vuol dire che una sia più vera e una meno. E' sempre così...che le cose non sono mai facili.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 20/09/2005 @ 15:52:40, in diario, linkato 700 volte)
A chi non capita, direte voi. Ci sono giorni (questi, per esempio) che di una frase sbagliata su tre io dico quella. Un commento fuori posto? Lo faccio io. Un’offesa? L’ho pensata ma me ne vergogno, giuro che non la dico e poi…bam…l’ho detta. Scrivo male gli sms, interpreto male gli altrui, scrivo mail incomprensibili (sai che novità!), do consigli (ma chi me li ha chiesti!) sbagliati. Ci sono giorni in cui sarebbe meglio che me ne stessi a casa coi cellulari staccati, nessuna forma di comunicazione con nessuno… al limite mi affaccio e grido giù il nome del mio vicino di casa che lui sale, garantito. Invece, vanità delle vanità, mi pregio anche di instaurare nuove amicizie con risultati tragici o di perpetrarne di novelle e antiche con peggiori. Ho preso una risoluzione: prima di dire alcunché scrivere un breve protocollo d’intesa con la/le persone in questione. Farsi precedere da una missiva, farsi tutelare da un avvocato, un prestanome, un sensale. Insomma, in quattro parole: evitare di vedere alcuno.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 20/09/2005 @ 08:58:09, in diario, linkato 785 volte)
C'era Benigni e c'era il canto di Paolo e Francesca e il corpo morto cade. Ricordi? Ricordatelo ora che precipiti nella cefalea su un letto di novalgina. Si striscia per arrivare alla fine del giorno. Si striscia per arrivare alla fine della vita. E non è un male se l'altra possibilità sarebbe il rimanere inerti a terra. Meglio un giorno strisciante di cento fermi. Poi pensi che vorresti essere lì e che non ne hai il coraggio. Che vorresti essere un po' più in là e invece a furia di strisciate chissà quando ci sarai. E allora benvengano questi piccoli cambi di posto. Questi minimi scarti. La giornata si mastica tutto il tuo tempo: ingrassa il lavoro, ingrassa chi ti sta vicino, lo Stato, il Comune, l'alimentari sotto casa e tu non dimagrisci. Sembra tutto pesante, tutto faticoso e strisciante e ti domandi come mai sia tutto difficile... capire e farsi capire. Ti stupisci di come quel che è chiaro si oscuri e si confonda con il residuale nero che ti porti appresso. Poi, come se nulla fosse, tutto passa e brilla di nuovo un sole piccolo. Una luce breve, un ultimo fioco lampo su tutto.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 19/09/2005 @ 08:57:38, in diario, linkato 741 volte)
Michel Houellebecq © Pierre FerbosSto leggendo LA POSSIBILITA' DI UN'ISOLA, il nuovo libro dello scrittore francese di cui avevo letto (tutto) e ammirato Estensione del dominio della lotta e, un poco meno, Le particelle elementari. Per ora mi sta piacendo. Un po' esagerato leggerlo con una mano in mezzo al casino del tram. Risulta irritante, a chi non respira neppure, tutta quest'ansia di lettura. In autobus legge più gente di anni fa ma sempre poca (poca rispetto a...) e ti guardano tutti con un'irritazione dubbiosa. A nessuno interessa cosa ma perché leggi. Chissà se hanno visto il titolo, se sanno chi è lo scrittore. Chissà se hanno letto la IV che dice CHI, FRA VOI, MERITA LA VITA ETERNA? Chissà se credono alla vita eterna e se esiste soprattutto.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 16/09/2005 @ 08:49:52, in diario, linkato 723 volte)

Avete presente quelle persone che spolverano con il piumino multicolore la loro vecchia FIAT 124 (o simili)? Con cura maniacale. Togliendo granelli di polvere infinitesima. Sorprende la perfezione della carrozzeria, l'assenza di ruggine, lo sguardo immobile, la mano leggera, il tempo immobile, l'oggi come ieri. E' un buono o un cattivo rapporto col tempo quello che muove questi gesti?

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 15/09/2005 @ 08:41:47, in diario, linkato 682 volte)
Stamane nell'aria quieta (in alto) e azzurra (in alto) di Piazzale Labicano (in basso) un gabbiano ha fatto una strana manovra e poi ha preso la via della Stazione Termini come se si fosse ricordato di dover partire.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 14/09/2005 @ 08:50:47, in diario, linkato 702 volte)
Oggi Repubblica ci delizia con una serie di posture che incentiverebbero l'amore (toccarsi i capelli, dondolare la scarpa in punta, mostrare i polsi per lei; spostarsi al cravatta in attesa che la mano innamorata la risistemi per lui) e tradirebbero le bugie. Come al solito l'articolo si ispira alla pratica scientifica degli americani. Come al solito occupa un paginone. Un altro paginone è un dialogo tra Cacciari e il patriarca di VE Scola. Un'altra Cocciante. Un'altra/e per la riforma elettorale dei nostrio padroni. Una su Bankitalia. Un'altra il caro-libri scolastico. Ben 16 (2 affacciate) di pubblicità che dicono della fragranza delle fette biscottate, della frequentazione dei propri polli di un noto allevatore, libri in vendita, Jovanotti...Telefonini e macchine piovono anche dalla pubblicità televisiva. L'altro giorno una lungo degente mi domandava: ma perché ci sono solo pubblicità di macchine (era iniziato il tormentone SENZA PAROLE)?
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 1064 persone collegate

< agosto 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








05/08/2020 @ 04:27:28
script eseguito in 593 ms