Immagine
 Il letto di Katia... di Carvelli
 
"
In un certo senso, avere una dipendenza è sinonimo di intraprendenza. Una bella dipendenza come si deve toglie alla morte l'elemento sorpresa. Perciò si può progettare la propria fine, eccome. (...) La verità è che il sesso non è sesso se ogni volta non lo fai con un partner diverso. La prima volta è anche l'unica in cui uno c'è dentro completamente, con la testa e con il corpo.

Chuck Palahniuk
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 11/07/2005 @ 17:06:08, in diario, linkato 751 volte)

Leggo in estasi di profumi e colori questo libro.

Creaturine

Si dice di orfani e volatili, di fughe e di perdite. In una lingua clamorosamente viva e pregna. Un libro che potrebbe stare con voi anche sotto l'ombrellone o nelle pieghe di un qualsiasi caldo estivo. Per sognare.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 11/07/2005 @ 14:09:39, in diario, linkato 750 volte)

E' una poesia. Di Gottfried Benn. Il titolo emblematico. QUELLI Sì SONO UOMINI. E dice: "(...) Infinito è l'affanno dei cuori/ e universale,/ ma se quelli abbiano/ (fuori del letto)/ mai amato,/ bruciando, struggendosi, come deserti assetati/ d'un succo di pesca per il palato/ da una bocca lontana,/ naufragando, annegando/ nell'incongiungibilità delle anime -/questo non lo sappiamo, neppure/ al cameriere possiamo chiederlo,/ lui che al registratore di cassa/ segna la nuova birra,/ avido del tagliando,/ per estinguere un'altra sete,/ diversa sì, ma profonda."

locandina del film LE RICAMATRICIIeri ho visto LE RICAMATRICI un film che mi ha fatto pensare a quanto la solitudine sia una condizione soggettiva. Orribilmente e oscuramente soggettiva. A quanto breve sia il passo invece ad un'oggettiva unione (la cui percezione rimane purtroppo soggettiva). A quanto l'universo F sia una meravigliosa commistione di forza e amore solitari. E non perfetti, e neppure coerenti ma terribilmente e saldamente importanti nelle scelte fatte e da fare, soprattutto quelle che hanno a che fare con la vita. Per esempio: a cosa pensa una ragazza per quanto giovane mentre sta per fare l'amore? A cosa un uomo per quanto adulto? Quale è un atto creativo e quale un atto amoroso? E quali sentimenti debbano muovere l'uno o l'altro? Per l'uno (M) e per l'altra(F)? Domande da fare al cameriere.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 07/07/2005 @ 09:04:02, in diario, linkato 685 volte)
Continuo a portare avanti una indomita e missionaria attività recensoria su BLUE. Le pagine nel frattempo aumentate si chiamano L'INSANO TESTO. E proprio ora mi trovo a ragionare su cose che riguardano il recensire, il silenzio sui libri eccetera. Mentre in edicola c'è una recensione dei nuovi di DANIELA GAMBINO, SANDRO CAMPANI, AMELIE NOTHOMB e ALBERTO RAGNI, presto uscirà una recensione di PERCEBER (LEONARDO COLOMBATI) e una breve sul libro di MILENA BELLIARDO. Ma a prescindere bisognerebbe ragionare sul leggere e recensire. Sul saper formare uno zoccolo duro di commentatori e selezionatori nel poco e spesso gratuito spazio che il latitante interesse dei giornali ci regala. Far conoscere un libro, anche promuovere il libro di un amico ha un suo senso e ancor più lo ha se si ha molto da fare e se questa funzione di talent scout o alla peggio di fratellanza avviene nella penuria degli spazi e dei compensi. Dovrebbe essere un punto d'onore (per come la vedo io) battersi in questo sahara per strappare al silenzio le pagine dei buoni libri. E' una sorta di Fahrenheit 451 molto camuffato questo che ci costringe a gettare una ciambella ai libri (specie a quelli piccoli). Non bisognerebbe accorgersene quando si pubblica e si scopre il silenzio di chi non ti recensisce.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 06/07/2005 @ 14:09:03, in diario, linkato 784 volte)
Stamane mi sono svegliato tardi, tramortito e con le unghie sporche di un sapore ferroso di sangue. Per quanto ne so io ieri sera non è successo nulla. Ma potrei anche aver ucciso qualcuno senza essermene accorto. Un cadavere stamattina non c'era. A parte il mio, intendo.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 06/07/2005 @ 09:05:06, in diario, linkato 732 volte)
Mi sembra fosse nell’intervista a Valerio Magrelli (in Perdersi a Roma). Si diceva di quanto viga a Roma una sorta di imbarazzo a negare ai pullman l’ingresso nel cuore della città. Aggravo: a Santa Maria Maggiore (se non è Centro poco ci manca, ma poco poco davvero) stazionano fissi ogni mattina i pullman dell’Appian line. Una ditta privata la cui fermata coincide con la nevralgica svolta di macchine dirette verso via Cavour (e quindi la stazione, i fori), via Nazionale. La cosa è ormai data per acquisita e prevede la doppia fila (non esiste una vera fermata dedicata!) o la tripla. Il tutto con gran detrimento del traffico e di bestemmie (che – non per dire – in una città vaticana come la nostra dovrebbero essere imbargate). Spiegami tu Stato italiano… arringava Verdone…
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 05/07/2005 @ 15:53:47, in diario, linkato 795 volte)
Non ci sarà più lo scalpicciare festoso di comitive improvvisate, le domande frustrate alle ragazze. Gli amori a termine. Le stanze a ore per le fidanzate in trasferta. Il ritorno in caserma col cuore in gola, le furbate, i capanni, le ingiustizie, i nonni, i vecchi. Le case e i fratellini più piccoli. I cinema porno, le lettere scritte ai tuoi. Le telefonate dalle cabine, quelle da un cellulare prestato. I lacci e il grasso per ammorbidire gli anfibi. I baci e i giuramenti. Cose inutili e cose che non capisci per la prima volta nella vita. Il sacco al letto, il cuculo. Le camerate tuttiletti. Chi firma senza lettere, chi estrae un libro dalla mimetica e legge. Chi ha gli occhiali e l'armadietto tuttotette. Chi è più grosso di te e chi è un fuscello. Non ci sarà più una città sconosciuta, da cui non trovare nemmeno una cartolina per dire dove si è. Una regione che non conosci, una paese mai sentito, vicino ad una città di cui non sai nemmeno la sigla. Nemici mascherati da superiori e amici che durano una vita. Non sapere di chi fidarsi. Avere paura, contare i giorni al contrario come se dovessi morire o scappare. La differenza tra serietà e scherzo: incomprensibile e nuova. Tante altre cose non ci saranno e sarà un bene e una male, come sempre. Per dire: non ci sarà più il servizio di leva obbligatorio.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 05/07/2005 @ 08:51:29, in diario, linkato 779 volte)

Scrivevo una mail e dicevo

Cara** sono contento del tuo orgoglio meno di questa precarietà e difficoltà che mi racconti. Come sai io sono un inguaribile ottimista ma della volontà non della realtà...anche se uno sforzo di vederla più bella la realtà non fa male. In tutti i casi vedere bello (migliore di come appare così da lontano) quello che vogliamo è imprescindibile per una sua (felice) realizzazione.

E altre cose. Insomma: ottimismo. Non è una parola di moda e non a torto. Suona male l'ottimismo. Forse perché è (o viene assunto come) indicibile. Dirlo è venir meno a questo principio sotteso. Ottimismo non è parola da dire, da suscitare. Nominarlo è una specie di harakiri. Più o meno deve suonare come un augurio fatto ad un teatrante prima della scena. Non è questione di scaramanzia ma di definizione. Ottimismo non si dice, si pratica. Come una religione. Si deve vedere non si deve dire.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 04/07/2005 @ 11:40:13, in diario, linkato 820 volte)

Essere magri in Italia. Antologia di racconti bulimici

 

 

Titolo Essere magri in Italia. Antologia di racconti bulimici
Prezzo
€ 5,00
Dati 63 p., brossura (cur. Morgante D., Armati C.)
Anno 2005
Editore Coniglio Editore
Collana I lemming

Oltre al mio (“Il culo più grande che ho visto”) racconti anoressici di matteo b. bianchi antonella lattanzi rosella postorino michele governatori giò selva daniela gambino francesca genti andrea malabaila genea e fabrizio venerandi.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 04/07/2005 @ 10:26:08, in diario, linkato 839 volte)

 

SIAMO LEGATI

Siamo legati
dalla miseria della vita.
Ci parliamo piegandoci controvento.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 04/07/2005 @ 08:56:07, in diario, linkato 720 volte)

Ma la differenza non sta nelle labbra quanto negli occhi. Un po' le mani, un po' le braccia ma soprattutto gli occhi. Esistono baci-ciao e baci-addio. Esistono saluti del mattino che ritornano come un boomerang lanciato in queste prime ore del dopo-risveglio e ritorneranno la sera stessa con un'esattezza aborigena. E baci che lo sperano ma non lo dicono o né lo sperano né lo dicono. Semplicemente ci sono baci che sigillano tanti "per ora" e poi magari basta. E poi ritornano. Ma a sopresa. Senza nessun lancio australiano. Dati come in un "per sempre" che magari accetta ripetizioni. Ma oggi. In questo mattino di motorino. In questo addio dopo la notte dell'amore. Senza sapere cosa altro dire. Esistono baci così, persone così, amori così. Ma anche no.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 5367 persone collegate

< settembre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
       
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








29/09/2020 @ 08:53:29
script eseguito in 665 ms