Immagine
 Il letto di Sabrina... di Carvelli
 
"
"Ho vissuto solo così a lungo che tutto quello che mi circonda è personale, privato. Non mi meraviglierei se non ci fosse più nessuno in grado di capire quel che dico". "Io ti capirò," disse con tenerezza. "Dammi solo un po' di tempo... e capirò tutto quello che dirai." Si strinse nelle spalle. "Ho anch'io un mio modo personale di scherzare..." "Da oggi in avanti..." dissi, "uniremo di nuovo i nostri codici privati e ricostruiremo un'intimità a due". "Sarà molto carino," disse. "Ancora uno stato a due," dissi. "Sì," disse.

Kurt Vonnegut
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 20/06/2005 @ 11:16:01, in diario, linkato 635 volte)

Su Repubblica un'intervista splendida a Bono Vox degli U2: non aggiungo altro. L'intervista preannuncia un libro che sarà in libreria da domani per la S&K. Queste due battute sul suo rapporto argenteo con la moglie mi sembra che valgano doppie dalla bocca di un rocker per quanto non in divisa (o solo in divisa).

 


... Nella tua vita c'è una cosa che trovo straordinaria e insolita per una rockstar. Sei monogamo da 25 anni.
"Non ero programmato per il matrimonio. Non ero quello che gli amici avrebbero definito "un buon partito", ma ho incontrato una donna straordinaria e non potevo lasciarmela scappare. Sento di non conoscerla ancora del tutto. Fra noi esiste una distanza quasi creativa, che Ali riesce a mantenere. I rapporti vanno gestiti. E lei ha un incredibile rispetto per la mia vita, oltre a uno spirito molto indipendente. Non so quanti sarebbero riusciti a rimanere sposati così a lungo, ma io l'ho fatto. Non so come abbia fatto tu, o chiunque altro, ma è così... Sono ancora innamorato".

Innamorarsi di un'altra persona capita a tutti. Sono sicuro che è successo anche a te. Quale forza interiore ti ha impedito di rompere il matrimonio?
"Rompere il matrimonio? Forse un forte senso di sopravvivenza. Non ricordo con esattezza la citazione, ma c'è una frase di Jean Cocteau che dice più o meno che l'amicizia è più alta dell'amore. Qualche volta si tratta di un amore meno appariscente, o meno passionale, ma più profondo e saggio. Alla base del rapporto con mia moglie c'è una grande amicizia. In realtà per molti versi è la chiave di tutte le porte importanti della mia vita: la band, il matrimonio, la comunità in cui vivo. Per me è quasi come se i due sacramenti fondamentali fossero la musica e l'amicizia"...

www.repubblica.it/2005/f/sezioni/spettacoli_e_cultura/intebono/intebono/intebono.html

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 20/06/2005 @ 09:08:44, in diario, linkato 794 volte)

Grugnire invece di dire sì. Gridare per affermare. E strappare, pretendere, chiedere senza volere. Avere avere avere. Impossessarsi invece di ottenere. Rubare, sgraffignare, sottrarre invece di conquistare a fatica. Inciaffare, arronzare, rimediare invece di fare come va fatto. Dire di sì per non dire no o non sapere cos'altro dire e no per offendere, mettere nell'angolo, sbugiardare, mortificare. Insomma un altro mondo.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 17/06/2005 @ 12:55:49, in diario, linkato 717 volte)

Non guarderà più al polso pensando al ritardo. Non si tirerà su la manica del giaccone per vedere quanto manca all'appuntamento. Se qualcuno gli chiederà per strada l'ora, si pescherà nella tasca il telefonino e fisserà il display multicolore e poi leggerà le quattro cifre senza tradurle. Non si dirà più mezziogiornoemezzo o "la mezza" o unquartoalledue. Forse solo "mezzanotte" resisterà come un cancello verso il mistero, uno spartiacque orario verso qualcosa che nessuno è sicuro se serrare o lasciare aperto. E che nel dubbio socchiude.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 17/06/2005 @ 09:59:06, in diario, linkato 768 volte)


Questo è il giardino 

di Giulio Mozzi

riesce per Sironi Collana indicativo presente. Ne ho avute nel tempo due edizioni. Una, la storica Theoria, con IV di Marco Lodoli (da qui scoprivo anche la poesia di Claudio Damiani... il titolo è da un suo verso, infatti...) che se non vado errato era stata scritta in un 14 gennaio (ed è una data che non dimentico), rimane un ricordo indimenticabile e macchiato di tante letture. L'altra un minimini mondadori con bella foto di Ghirri in copertina. Vado a memoria. A mio avviso è una delle cose più belle che siano state scritte in questi ultimi anni e mi fa piacere che ripubblicarlo lo renda un classico. Io credo che di ogni scrittore in libreria... di certi scrittori in libreria si debba trovare tutto o che certi libri non debbano andare mai esauriti, anche a costo di ristampe numerate o cessioni veloci dei diritti a chi ama veramente i libri. Mi sembra ferocemente onesta questa attestazione del suo autore: un'autorecensione che vale una recensione.
«Se nei libri successivi Mozzi ha probabilmente dimostrato di essere un bravo scrittore, tuttavia solo in Questo è il giardino è avvenuto, del tutto a sua insaputa, il piccolo miracolo: la scrittura e il racconto si rivelano vie di salvezza e felicità della vita.
Questo lo scrivo io, che sono Giulio Mozzi, e che quella felicità, da allora, non l’ho più ritrovata.
»

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 16/06/2005 @ 15:30:40, in diario, linkato 727 volte)
Il mio account  Cosa c'è nel carrello  Acquista  
  Home page » Catalogo » Narrativa » Il mio account  |  Cosa c'è nel carrello  |  Acquista   
Collane
Saggistica (12)
I Libertari (4)
Narrativa (2)
In evidenza Altro
La comunità che non c'è
La comunità che non c'è
3.50EUR
Ricerca veloce
 
Usa parole chiave per trovare il prodotto
Ricerca avanzata
Informazioni
Spedizioni e Consegna
Privacy
Condizioni d'uso
Contattaci
Avviso
Nonluoghi
è anche un sito
di informazione
critica: clicca e vai!


Bebo e altri ribelli 9.00EUR 5.00EUR
Bebo e altri ribelli
Clicca per allargare la finestra
Bebo e altri ribelli
Clicca per allargare la finestra

ROBERTO CARVELLI
BEBO E ALTRI RIBELLI. LA RIVOLUZIONE SPIEGATA ALLE COMMESSE
Narrativa, marzo 2002, 128 pagine,

Non bastano le voci di milioni di adulti a rendere la voce di Bad Boy Bebo, né i quartieri di infinite città a rendere quelle della piccola borgata di Torreverde, sintesi di ogni periferia metropolitana, dove il ribelle protagonista matura il frutto della sua rivoluzione.
Non romanzo a episodi né saggio ma entrambi, anzi al di là delle consuete separazioni di genere, la voce del «malfattore» BBB ti obbliga ad esplorare la verità oltre ogni sovrastruttura.
Oltre i dogmi, in un mondo in cui l’occhio del rivoluzionario si confonde con quello fiabesco dell’enfant terrible, e tutto merita di essere messo in dubbio e riconsiderato. I protagonisti sono la gente semplice che coltiva la rivoluzione che non ti aspetti, quella del cuore, e le vecchie signore della porta accanto diventano le pasionarie del significato ultimo di tutte le ideologie per cui hai sempre combattuto nonostante l’accusa di essere un intollerabile bambino cattivo. Dietro il bancone della sua merceria, nei dialoghi con le colleghe commesse e negli incontri con il Doctor e gli altri amici picari, Bebo ci accompagna fra rabbia e utopia nell’eterno cammino di un sognatore.
Roberto Carvelli (Roma, 1968) ha pubblicato racconti su Maltese, Fernandel, Delitti di Carta e Tratti; nel dicembre 2001 è uscito il suo poema in prosa “Letti” (Kerosene, Roma).
Il sito dell'autore: www.carvelli.it

Per altre informazioni e approfondimenti, vai a questa pagina.
Questo libro è stato aggiunto al nostro catalogo giovedì 10 marzo, 2005.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 16/06/2005 @ 08:53:46, in diario, linkato 732 volte)

Con pochissime ore di sonno alle spalle e molte davanti agli occhi, con il cervello in pappa e le membra stanche, lancio un'OPA al riposo, sperando di diventarne azionista se non unico principale. Butto tutta la mia stanchezza in un letto e la impasto coi sogni per fare delle ore della non-veglia una festa cinematografica. Ché serva a dirsi vivi invece che morti o almeno viventi e non vissuti.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 15/06/2005 @ 09:15:34, in diario, linkato 666 volte)
Tu sputi in aria e imprechi contro il vento. Che non si impreca controvento già lo sai - e non bisogna ridirtelo che lo sai già - che la rabbia non serve questo pure sai - ma bisogna ricordartelo - che la vita prende e dà. Tutto sai ma lanci la tua saliva sempre più lontano e ti lamenti che è tutto così ingiusto che quello che ti fa arrabbiare ti offende pure. E miri al cielo ma piove saliva come se fosse pioggia. L'acqua tua come un boomerang dall'azzurro nitido di un disegno di bambini. Sei veloce a schivare la pioggia imprevista ma dal tuo viso bagnato si capisce che sputo chiama sputo come una legge ingiusta del taglione. Si capisce. Ma tu non la capisci. Forse perché è ingiusta. Per te.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 14/06/2005 @ 10:10:04, in diario, linkato 1095 volte)

Desumo da www.scaruffi.com  questo intervento che mi sembra di interesse oggi che si parla di Michael Jackson e della sua assoluzione.

 

 

 

La crisi della sfiducia nella giustizia

Al tempo stesso il pubblico sembra credere sempre meno nella giustezza delle leggi. Negli anni '90 dilagano i casi delle giurie che fanno giustizia non somministrando la giustizia. I casi piu' spettacolari sono quelli del 1994: Lorena Bobbitt, che evira il marito reo di averla violentata (e viene assolta per insanita' mentale, benche' sia chiaro che e' sanissima), e i fratelli Menendez, che uccidono i genitori rei di averli sottoposti ad umilianti violenze fin da piccoli (e vengono assolti per la stessa ragione). Ma un principio analogo era stato applicato per assolvere nel primo processo i poliziotti di Los Angeles che avevano picchiato Rodney King e per assolvere poi i neri che durante i disordini successivi avevano picchiato quasi a morte un bianco. Nel 1995 O.J. Simpson viene assolto nonostante le prove schiaccianti a suo carico.

In tutti questi casi il crimine era evidente e persino confessato, ma in ciascun caso la giuria ha ritenuto di non dover applicare la legge ma il proprio buon senso.

Giudici sempre piu' eccentrici si antepongono alle leggi. Fa epoca Walter Williams, un giudice di colore di Chattanooga (Tennessee), che commina pene quantomeno bizzarre: una sculacciata al ragazzo colpevole di un furto, penitenze varie ai rei di vandalismo, e infine la sua specialita', l'obbligo di prendere un diploma ai giovani delinquenti senza titolo di studio (piu' di 500 condanne di questo tipo a tutt'oggi).

D'altronde, come ha fatto notare un sondaggio presso quegli elettori del Colorado (il primo stato ad approvare una legge contro gli omosessuali), non e' piu' chiaro a nessuno perche' mai non si possa discriminare contro gli omosessuali, o contro i mussulmani o contro i neri o contro le donne, ma si possa invece discriminare contro le prostitute, i drogati, gli adulteri e persino i fumatori. In un certo senso il messaggio e': o tutti o nessuno; o tutti hanno eguali diritti, o nessuno li ha.

"Affirmative action" e' il nome dato a un programma federale per favorire l'integrazione dei neri (e delle minoranze in genere) nella societa' americana. Fu uno dei due frutti principali delle lotte civili degli anni '60, del processo di de-segregazione che pose definitivamente fine a secoli di schiavitu'. L'altro fu il "Civil Rights Act" del 1964, che proibisce la discriminazione sulla base di razza, sesso, etnia e religione. E' ironico che negli anni '90 il secondo venga usato per tentare di abolire il primo.

Secondo i suoi critici, l'"affirmative action" ha fatto il suo tempo e oggi punisce ingiustamente i bianchi. In innumerevoli professioni i neri non sono per nulla svantaggiati rispetto ai bianchi. Alcuni neri sono persino ricchi. Eppure, applicando quelle norme, hanno diritto prima loro al posto di lavoro. Fra i critici si conta tutto il gotha del Partito Repubblicano: Pete Wilson, il governatore della California, Bob Dole, il principale candidato repubblicano alla Casa Bianca, Newt Gingrich, il portavoce del Congresso, e Rush Limbaugh, il commentatore televisivo piu' ascoltato d'America.

Wilson e' il promotore del primo referendum in materia, che si terra' in California nel 1996: il referendum dice semplicemente che al governo dovrebbe essere proibito discriminare sulla base di razza, sesso, etnia o religione, ovvero cio' che prescrive il "Civil Rights Act". Soltanto che questa volta la minaccia non e' diretta ai bianchi, ma ai neri.

Sono infine innumerevoli i casi di cause intentate per ragioni frivole, ma che pure finiscono per far muovere cifre colossali. Il sistema legale degli Stati Uniti funziona anche troppo bene, al punto da indurre molti a tentare di approfittarne. In questo modo il concetto di giustizia perde un altro po' di senso.

L'altra grande componente di scetticismo riguarda la credibilita' delle forze dell'ordine. Non sono soltanto gli estremisti (di destra e di sinistra) a dubitare della parola di poliziotti e giudici. E' ormai sentimento comune che l'F.B.I., la C.I.A., la D.E.A., e le varie polizie locali costituiscono dei corpi separati che combattono le loro piccole guerre private all'insaputa, e talvolta alle spese, dei cittadini. La polizia di Los Angeles viene (giustamente o ingiustamente) incriminata per il pestaggio di King, l'F.B.I. viene biasimata pubblicamente dal Congresso per l'assedio di Waco in cui persero la vita ottanta fanatici religiosi, e cosi' via.

E' curioso che siano piu' le destre che le sinistre a montare questa campagna di diffamazione nei confronti del governo. Negli anni '60 erano le sinistre ad accusare le istituzioni di comportamenti irregolari e le destre a difendere un sistema che sostanzialmente le proteggeva. Negli anni '90 le sinistre non sono praticamente visibili, sempre piu' zittite da una maggioranza silenziosa che vuole soprattutto ordine e un ritorno ai valori morali. Le destre invece sono entrate in rotta di collisione con il governo, forse perche' il loro potere di prevaricazione e' stato drasticamente ridotto.

 

Nell'estate del 1995 la marea di reclami contro le autorita' diventa inarrestabile. L'F.B.I. accetta di pagare tre milioni di dollari di danni a Randall Weaver, il suprematista bianco che ingaggio' un duello con la polizia sulle montagne dell'Idaho durante il quale i poliziotti uccisero sua moglie e un suo figlio, e infine Timothy McVeigh e Terry Nichols, i responsabili dell'attentato di Oklahoma City, sfruttano il momento propizio dichiarandosi innocenti e vittime di un complotto del governo. La fiducia nella giustizia ha toccato il nadir.

Il processo al giocatore di football O.J. Simpson, accusato dell'omicidio della moglie Nicole Brown, diventa il principale spettacolo del 1995, teletrasmesso in diretta da diverse reti televisive. Quello spettacolo riassume un po' tutte le contradizioni del sistema giudiziario. La prima morale che se ne ricava e' che chi ha soldi difficilmente viene condannato: avendone i mezzi, si possono assoldare i migliori avvocati del mondo e protrarre il processo al punto da rimettere in discussione tutte le prove. Al posto di Simpson un povero diavolo sarebbe stato condannato nel giro di pochi giorni, ma l'esercito di avvocati assoldato da Simpson segue tutte le piste e finisce per creare quantomeno il dubbio nel pubblico.

A forza di scavare, gli avvocati trovano anche un tesoro: una serie di nastri in cui il detective che ha condotto le indagini, Mark Fuhrman, confessa di aver commesso ogni sorta di bassezze nella sua carriera, compreso manomettere le prove, e si rivela un razzista e fascista della peggior specie; quanto basta per sospettare che abbia fabbricato lui tutte le prove ai danni del nero Simpson (e che questa sia l'abitudine della polizia di Los Angeles).

In ogni caso il processo viene trasformato in un grande circo in cui tutti, avvocati, giurati e testimoni, fanno a gara nell'accaparrarsi l'attenzione delle telecamere, nonche' contratti esclusivi per interviste, libri e film. Dopo qualche mese il pubblico ha praticamente dimenticato che questo e' un caso di omicidio, in cui e' stata ammazzata una donna. Lo spettacolo del processo non e' insomma molto edificante.

Fuhrman e' soltanto la punta dell'iceberg. A New Orleans dal 1993 al 1995 sono stati arrestati cinquanta poliziotti per crimini che vanno dallo stupro al traffico di droga. Uno, Len Davis, e' stato persino colto in flagrante dall'F.B.I. mentre ordinava l'omicidio di una donna, Kim Groves, che lo aveva appena denunciato di brutalita'. Nel 1995 Antonoinette Frank e' stata condannata a morte per aver rapinato un ristorante e ucciso tre persone, fra cui un collega che era di guardia (Frank fu uno dei primi agenti inviati sul luogo per le indagini del caso e, se un testimone non fosse sopravvissuto, non sarebbe mai stata scoperta).

A Philadelphia sei poliziotti hanno confessato ogni sorta di scorrettezza, compresa quella di aver fatto incriminare degli innocenti. A New York nel 1995 vengono spiccati decine di mandati di arresto contro poliziotti sospettati di traffico di droga ed estorsione. Il loro cervello, Michael Dowd, organizzava i raid contro i trafficanti e poi istruiva i compari su come smerciare la droga. Sempre nel 1995 sei poliziotti vengono arrestati ad Atlanta, incriminati da una cinepresa che li ha ripresi mentre infilavano freneticamente nelle uniformi il denaro confiscato in un'operazione antidroga.

Gene Lomazoff, poliziotto di Philadelphia, e' stato condannato all'ergastolo per una serie di rapine. Gregory Becker, poliziotto di Chicago, e' imputato dell'omicidio di un senzatetto di colore. A Philadelphia un nero di nome Abu-Jamal e' in attesa dell'esecuzione della condanna di morte nonostante uno dei principali testimoni abbia rivelato di essere stato costretto con la forza dalla polizia ad accusarlo e un altro sia una prostituta con alle spalle piu' di venti condanne rimessa in liberta' subito dopo aver testimoniato contro di lui. In West Virginia il nero O'Dell Harris e' stato rimesso in liberta' nel 1994 dopo aver trascorso sette anni in un penitenziario di massima sicurezza per un omicidio che non aveva commesso: ma un perito chimico della polizia, Fred Zain, aveva falsificato i risultati del test di DNA per farlo incriminare (si scoprira' che aveva compiuto lo stesso crimine in diverse altre occasioni ed e' ora in attesa di giudizio).

Quando la polizia funziona, e' invece la giustizia a non funzionare. In qualche caso il criminale ci guadagna addirittura. E' il caso di Tanya Harding, rea di aver fatto bastonare la rivale Nanci Kerrigan per vincere il campionato nazionale di pattinaggio, che accetta di pagare un'ingente multa per evitare il processo; ma quella multa e' una frazione minima di tutti i soldi che lei guadagnera' grazie alla pubblicita' del caso. La colpevole se ne va libera e ricca, senza aver trascorso neppure un giorno in carcere.

Sono innumerevoli i casi di criminali che sono stati rilasciati ripetutamente senza processo finche' hanno commesso un omicidio.

A San Francisco (una delle citta' piu' "generose" con gli arrestati) nel 1988 uno psicopatico di nome Michael Briggs, che aveva gia' alle spalle numerose condanne, venne arrestato per aver violentato, sodomizzato e seviziato una donna; venne rilasciato quasi subito per "mancanza di prove" (benche' la polizia lo avesse trovato ancora addormentato nudo nel letto della donna con al suo fianco tutto l'arsenale che aveva usato per torturarla); nove giorni dopo violento' un'altra donna, dopo averla accoltellata con un cacciavite e averle tagliato un occhio, e il giorno dopo violento', sodomizzo' e uccise una terza donna. La polizia, pur riconoscendo il suo stile, non lo sospetto' fino all'ultimo, dando per scontato che si trovasse ancora in carcere.

Quell'anno il pubblico ministero di San Francisco rilascio' senza processo piu' della meta' degli arrestati. Briggs fu soltanto uno dei tanti che tornarono nelle strade a commettere gli stessi crimini.  

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 14/06/2005 @ 09:15:48, in diario, linkato 932 volte)

Leggere le carte, i barometri, i termometri. Studiare i venti e agire di conseguenza. Senza far cadere le cose. Le intenzioni. Far piovere i dispiaceri dove se pure bagnano non fanno cataclismi. Bisogna imparare arti antiche ma come se fossero innovazioni. Scoperte. È necessario che nulla più cada per distrazione nostra, ma neppure mancanza di attenzione ai nembi, alle tempeste. Perché è triste stendere le lenzuola sotto i fulmini di sabbia o lasciare ad asciugare le foglie di the sotto le nuvole. Né ci si abbronza sotto uno squarcio di sole pallido tra i cirri, né c’è gioia ad addormentarsi sotto i raggi di agosto che tatuano sulla pelle brutte pitture di colore rosso. Sono mestieri dimenticati ma l’inutilità è un errore di valutazione, un salto nel tempo troppo tempestivo. Tempo/tempestivo. La radice della fretta è una frustrazione.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 13/06/2005 @ 09:10:17, in diario, linkato 739 volte)
Un gorgo. Che viene risucchiato in un buco. Precipitosamente. Un'uscita improvvisa. E il vuoto. Tutto rimane senza niente. Tutto non è più niente. Un flusso portentoso che precipita nei tubi e non rimane altro che un senza. Tanto. Per niente. Sembra impossibile che sia passato tanto se non rimane niente. I tubi che restano come se fossero un'innovazione impossibile da usare. Ed è incredibile che tutto accada dopo il pieno.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 3738 persone collegate

< agosto 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








06/08/2020 @ 00:29:00
script eseguito in 575 ms