Immagine
 Il letto londinese di Lorenzo... di Carvelli
 
"
“Cos’è questa? Tristezza? Chissà, forse./ Un motivo che conosco a memoria./ Che sempre si ripete. E sia./ Che continui così./ E risuoni anche nell’ora estrema,/ come la gratitudine degli occhi/ e delle labbra per ciò che qualche volta/ ci costringe a guardare lontano./ E fissando in silenzio il soffitto,/ perché visibilmente la calza resta vuota,/ capirai che tanta avarizia è solo indizio/ del diventare vecchio./ È tardi ormai per credere ai prodigi./ E sollevando lo sguardo al firmamento/ scoprirai sul momento che proprio tu/ sei un dono sincero.”

Josif Brodskij
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 22/03/2004 @ 07:39:09, in diario, linkato 892 volte)
 Sono entrato nel sito della opac.sbn.it e da lì ho saputo che il mio libro si trova nelle seguenti biblioteche: Biblioteca civica di Belluno, Biblioteca nazionale centrale di Firenze, Biblioteca comunale di Mirandola (Modena), Biblioteca nazionale centrale di Roma (eccola in foto...quanti ricordi!!!), Biblioteca universitaria Alessandrina (Roma) Biblioteca civica Quarantotti Gambini di Trieste, Biblioteca comunale di Soriano nel Cimino (Viterbo). Non sono molte ma sono. Mi domando come suia arrivato nelle piccole. per mano di chi. Per scelta di chi. In nome di quali budget, di quali desiderata o segnalazioni. In realtà da assiduo frequentatore di biblioteche e da amante dei cataloghi e delle consultazioni sono anche un po' contento, è bello come anche il book crossing che un libro vada in prestito o venga letto su un tavolo a fianco di altri che leggono altri libri.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 22/03/2004 @ 07:35:31, in diario, linkato 1151 volte)

 

 Primavera. Ma solo sui rami. Fioriti. Il cielo è nero da giorni. Non piove magari ma cileo nero. Poi piove ma poco e cielo nero ancora. La casa torna la casa e le sue piccole mura infatti accolgono come prima visitatori di amicizia.

 

Sabato manifestazione ieri derby al centro sociale Intifada. Pace è una parola apocrifa. per molti e a più latitudini. Alal manifestazione non molta gente o almeno meno del solito. Pochi ragazzi e poco diessismo arcismo ufficialità di sinistra. Salvo Fassino che forse doveva attendersi schiaffoni anche se...dice una mia amica...la parola Pace non esiste per dirla con Calopresti. La sua assolutezza dovrebbe stimolare pensieri assoluti e  invece... Gandhi, dice sempre la suddetta, aveva una marcia in più perché aveva una filosofia, una religione non la politica...e chi ha tutto quel materiale dentro l'assolutezza della parola pace la incarna meglio. detto questo forse Fassino era meglio che se ne fosse stato in finestra considerato che quell'assolutezza la sanno in pochi.

Io un po' di pensieri nostalgici e coerenti alle prime manifestazioni anni 80 tardi con C. per dirla con Branduardi, anzi con Esenin "...il cuore ed i pensieri son gli stessi..."

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 18/03/2004 @ 08:07:24, in diario, linkato 800 volte)

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 16/03/2004 @ 08:03:33, in diario, linkato 803 volte)

E’ un po’ un periodo di delusioni al cinema o di contenute emozioni. Non mi entusiasma Tim Burton (fa molto fico dire il regista in luogo del film sottintendendo “l’ultimo di…”…): un filmetto piccolo di quei B-movie americani che di solito proietta TVR-Voxson circuito 7. Un film con emozioni (appunto) telecomandate e con effetti tutto sommato di poco peso e mi viene un po’ di nostalgia pensando a quanto ancora dovremo attendere un nuovo dei F.lli Coen premiata ditta divertimento, azione, contenuti…in una parola (e non per essere didascalici) CINEMA. Colgo dei segnali di novità (soprattutto nelle riprese ed in una recitazione circolare che i due registi dicono aver realizzato grazie al palcoscenico continuo di tre camere digitali) in MOVIMENTI che però ha una faccia altezzosa spocchiosa e autocompiaciuta tipica degli intellettuali che fanno cinema pensando ai critici che li guarderanno. Nonostante questo è ben recitato dalla coppia Dazzi-Gifuni

                                      

                                                   

e da un duo che mi piace ma faccio ammenda non li conosco (per capirci i due che hanno l’affare pugilato in corso). Come ci viene da dirci then anche grazie al prodigioso intervento critico di un ragazzo che ritorna sui propri passi per intervistarci (a me sembra una piccola comparsa del film stesso, ma non approfondisco) e come segnala Super Antopat un film piatto dove i personaggi alla fine sono migliori di quello che erano prima (in base a che…) chi non suonava il sax ora lo suona con compiacimento (è l’elemento di spicco del film e nonostante la contiguità di anni non mi entusiasma ma mi attrista e m’incazza), chi non si ama però si sposa perché aspetta un figlio o si riprende la sua non-donna per orgoglio di razza (e qui ci siamo… siamo così tanto spesso noi quei cazzoni inetti che manco Svevo… davvero un grande il triestino, ci ha fatto l’oroscopo a lungo termine)… Insomma senza che succeda nulla a parte una notte (ma è proprio quello… una notte che li cambia…ma vaffanculo) … Insomma la Dolce Vita anni 2000 non ha nulla a che vedere con quelle sere tormentate e vaghe e con Fellini e Svevo chiuderei con due inviti alla profondità e alla non-indulgenza degli artisti. Ieri all’IKEA fino alla chiusura musica bassa e dolce: canzoni d’amore e riciardclaiderman per indurci in un clima sereno e speranzoso di arredamento alla coppia e all’acquisto affettuoso nonostante noi inetti anzi soprattutto perché inetti. Incredibile la presenza di coppie ultragiovani… Ci hanno venduto anche lo stare insieme?

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 15/03/2004 @ 10:32:06, in diario, linkato 900 volte)

Prova di carattere della Spagna che non cede alle lusinghe dell'ATTENTI AL LUPO e annuncia di voler ritirare le truppe dall'Iraq. Ci auguriamo tutti che rafforzandosi il fronte della politica fatta senza soprusi si riesca a riaprire un dialogo fruttuoso (non di interessi petroliferi) con il medioriente. Fanny Ardant (dire bella sembra un incidente di significazione) dichiara in una bella intervista a proposito di L'ODORE DEL SANGUE film di Martone in uscita da Goffredo Parise postumo, un libro che sicuraemnte nelle mani del regista napoletano avrà suggestioni e sensualità, colore appunto. La Ardant dichiara di credere nell'amore eterno ma di considerare il tradimento non una colpa: "Non ho mai dato importanza alla fedeltà. E non ho mai capito perché all'infedeltà siano legati tanti drammi. La fedeltà non merita ammirazione e l'infedeltà non giustifica lo scandalo." I drammi è probabile non sono legati all'infedeltà ma alla sua scoperta (fattore esterno) o al senso di colpa (sua mancata sublimazione interna).

                                              

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 12/03/2004 @ 08:15:15, in diario, linkato 863 volte)

Non è sempre anzi molti l'annullano l'abitudine della quarta con foto (sicuramente meglio la bandella, la III di copertina o l'altra, la II). Eppure fa piacere vedere la faccia che ha (forse bisognerebbe dire la faccia che fa). La faccia che fa. E infatti ci sono dei tòpoi fotografici per gli scrittori. Tipo la faccia pensosa, la sigaretta (s)fumante (in disuso nel post Veronesi/Sirchia), la mano sotto il mento. Delle volte non serve molto perché gli scrittori (che ca va san dire possono essere degli emeriti stronzi) hanno spesso sguardi ricchi di profondità da loro e non hanno bisogno di un fotografo che glielo dica "più pensoso!" (non gli diranno certo "pensi!"). Ma c'è chi ha facce strane e penso soprattutto a chi non c'è più e che magari per uno scarto di anni abbiamo in pochi scatti. Album poveri. Ma poi certo nella sovraesposizione dell'oggi può accadere di tutto. Posare nudi? Farsi fotografare in posti strani ma significativi? O classicamente ancora davanti ad una biblioteca o discalicamente con un libro in mano? pensavo valesse la pena da un po' fare una pagina così poi ieri ho letto D'Orrico su SETTE e mi sono ancora di più incentivato. Si lamentava delle foto brutte di uno scrittore nuovo (con simpatia criticava il non togliersi il giaccone, semplice accorgimento che avrebbe dovuto sospingere almeno il fotografo) ma interessante nonostante l'aria da Pierino (il pierino toscano e riccioluto che sostitui Alvaro Vitali di cui non ricordo il nome) della foto. Il dilemma: metterla o no metterla? Il sospetto: si pubblicano facce non libri, facce interessanti accattivanti affascinanti, personaggi scatti servizi di moda...

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 11/03/2004 @ 10:43:32, in diario, linkato 791 volte)

Democrazia vuol dire libere elezioni? (chiedono all'economista nobel Sen, oggi cultura la Repubblica) RISPOSTA di Amartya Sen:

"No. Da sole le elezioni non bastano a stabilire una democrazia. Le faccio l'esempio di Stalin, che come è noto otteneva quasi il 100 per cento dei voti, a volte più. In tutti i regimi dittatoriali si sono svolte elezioni, dove la gente andava a votare per paura, non per scelta o convinzione. La democrazia è una cosa più complessa."

Ieri Berlusconi dall'enterteiner Vespa. Senza nessun contraddittorio.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 11/03/2004 @ 08:03:02, in diario, linkato 625 volte)

 Nella non casa in cui vivo il caffè è un non caffè e guai ad aspettarsi qualcosa di diverso. Il non caffè è il nescafè (nessuna pubblicità volontaria) che in definitiva a parte che andrebbe boicottato come la nutella per la nota campagna antinestlè non è tutto sommato male. Quindi c'è questo non ragazzo con il suo zaino ferrino verde che porta la sua casa, che sta in una non casa e beve un non caffè ed è mattino, questo sì per davvero. Per cui negazione per negazione questo è un non periodo (non un periodo no) per dare voti e stellette ai caffè...ma...se proprio ve lo devo dire credo che non ci sia soluzione migliore moka a parte che farsi il giro dei bar e provare. A volte si scopre l'acqua calda...ad esempio che Illy è imbattibile (ad esempio ieri nuovo caffè al nuovo bar nazionale a via nazionale) salvo rari manutentori di ricettari antichi e miscele con cura...rari. Sempre più spesso vedi questi baristi alzare il gomito dei loro bustoni sul trituratore e alla fine c'è da chiedersi  che chicchi contenga quell'offerta speciale da braccio... Che poi sì si può ripiegare sul caffè alle macchinette... si può...specie se sono nuove, ché di solito i primi caffè che fanno li fanno da manuale salvo poi pisciare nero nei bicchierini di carta, non dare lo zucchero e la volta dopo due, lo stesso coi cucchiaini e salvo spesso però far piasciare caffè fuori dalla tazza del suscritto bicchierino. Ma poi c'è la moka di cui già detto e di cui cos'altro dire se non che è quella casa (in Irlanda mi ricordo un team di giovani napoletani - sembra una barzelletta - a portarsi dietro moka e caffè dall'Italia) non basta un letto un bagno un...

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 10/03/2004 @ 08:57:13, in diario, linkato 747 volte)
Non dico perché e per chi dico questo, ma è illusorio chiamare a raccolta il sociale, i tempi, la società, il clima politico dei quegli anni, l'ambiente in cui sono vissuto, la mia famiglia. In termini tecnico-giuridici queste sono attenuanti (da "attenuare"). Non si chiamano bagni purificatori, cancellini... Ed è semplicemente perché non scagionano, attenuano. E' triste? No, è illogico, illusorio e mendace chiamare a raccolta il passato come per materializzare sabbie mobili nelle quali non avremmo non potuto rimanere invischiati. Dov'è la persona, il libero arbitrio, il volere? E se non è paura e se non siamo altro che pavidi è possibile che non ci accorgiamo di quanto qualsiasi logica non ci fornisca la benché minima base di appoggio? Temo le filosofie del sociale, del gruppo, perché hanno risvolti deresponsabilizzanti e partizioni di doveri (non di diritti). Le filosofie dovrebbero essere fatte da una prima parte dell'individuo e per ricavo di una seconda del gruppo. Il contrario è infantile sofisticazione.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 09/03/2004 @ 22:41:42, in diario, linkato 708 volte)

Generalmente la frequentazione degli ospedali fa bene. Non mi riferisco all'uso delle cure né tantomeno alla disposizione verso i malati. Niente affatto. O meglio sì, se volete. Ce l'ho con quella felice conseguenza che ci vuole rasserenati come se ogni passo di corsia tenesse l'annullamento di un pensiero.

                                                

E allora eccoli questi metri e metri a seguire una striscia colorata che ti porterà al reparto giusto. Normalmente la gente si aspetta che all'ospedale si sia fratelli, ci si dia una mano. La gente pensa più o meno così. Dicono (il posto generalmente avvicina due urgenze, due dolori, due bisogni e spesso due impossibilità): questa signora mi aiuterà. Lo dicono persino i maschietti così poco adusi a deporre le scimitarre del faccio tutto da me. E invece alle volte (davvero è raro e lo dico per interposta esperienza) c'è questa donna che davvero non gliene frega niente. Sì poi magari se glielo chiedi ti aiuta ma... Sta due giorni e si è portata (si è fatta portare) non - bada bene - ha affittato ma si è fatta portare un televisore. Due giorni e un televisore. Che già dice molto della mentalità del senso di adattamento e di come ci spaventi da morire perdere abitudini usi ecc. vabbè tutta questa premessa per dire cosa? Che invece l'ospedale offre a chi la sa cogliere l'opportunità di una rilassatezza estemporanea, e così tanto innaturale da parere perfetta, sublime pur conservando penuria, squallore, freddezza. Gli orari anticipati (pranzo 12, cena 18) questi pattinatori o maratoneti di corsia con tenuta pigiama, i colori verdacqua: tutto sembra remare contro e invece? Si tratta solo di perdersi un po'. Magari è un discorso da fuori (di fuori) magari è un discorso da star bene e poi farlo. Magari sono solo belli gli ospedali. Certe volte.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 1369 persone collegate

< agosto 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








05/08/2020 @ 07:01:42
script eseguito in 615 ms