Immagine
 Letto di L... di Carvelli
 
"
Com'è, o Mecenate, che nessuno vive contento della sorte che la ragione gli ha dato o il caso gli ha gettato davanti, e tutti invece non fanno che esaltare chi persegue una vita diversa?

Orazio
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 24/01/2004 @ 11:08:42, in diario, linkato 935 volte)
L’altra sera per caso mi sono imbattuto in un discorso d’Alba. Lei generalmente mi piace, dice cose intelligenti (come è prammatica, o pragmatica per chi preferisce sound ancient greek, dire se stangona parla), anche se talvolta mi dispiace quel suo dirlo tutto scomposto e polemico, esagitato ma alla fine dico “ok Alba alla fine è una ragazzona un po’ sciamannona e per questo ci piace” si accalora fa dice disfa polemizza e sempre con questi occhi da invasata. E sia. Ieri parlava e diceva tricche tracche …”paradossalmente” a quel punto si blocca e dice (interrompendo la sciamannata) che tricche e tracche lei poi dice sempre paradossalmente e quindi no non lo vuole usare. Beh a me ha colpito tutto questo autoascolto, anche questa capacità di metterlo in piazza, condividerlo, alla fine mi piace questo di una persona, sapersi processare all’esterno anche come direbbe un mio amico ‘epicizzare i propri difetti’. Qualità rara e fraintesa.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 23/01/2004 @ 16:13:58, in diario, linkato 824 volte)

Mentre si assottigliano le speranze di andarlo a vedere con qualcuno (continuo a ricevere telefonate-recensione) credo che per me si avvicini il tempo di THE MOTHER e temo sarà il finesettimana. Ora mi sento di affermare che lo spettacolo prescelto adatto è quello delle 16,30: garantite centinaia di cappellini di lana. Contestualmente e a giustizia della grazia del titolo (a sua volta ingraziosito da moi) suggeritami da una delle recensioni di cui sopra passa ad una breve elencazione delle stesse:

“Insipido… una stronzata… non mi ha detto nulla” (mio fratello, uno di poche parole)

“Un vociare continuo, una delusione, un film per vecchie represse…” (D. anche per lei due parole sono troppe)

“Una tristezza, vedevi tutte queste donne anziane con una malinconia dell’uccello che ti veniva una pena… il film nel complesso è brutto” (S. sempre troppo attenta al pubblico come la sua odiata Amelie)

 …ora tocca a me... senza piastrine e plasma today...

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 23/01/2004 @ 08:04:44, in diario, linkato 882 volte)
Come si dirà di un triciclo a quattro ruote o a sei? Ormai sembra chiara la coazione alla sconfitta. Non voglio essere eccessivamente grave ma credo che ormai i giochi siano fatti. Staremo a vedere. Probabilmente (mi riferisco ad un precedente post) l’appalto è tratto, imbellito dalla dieta e lucente d’occhi l’eroe è tornato. La sua assenza non ha offerto il destro a nessuna salda decisione, a nessuna presa di coscienza, a nessuna compattezza, a nessun ‘insieme per un unico scopo’. Sono parole di militanza che stonano in eserciti avulsi. Armi diverse, generali diversi, divise diverse. Si giocherà come da ragazzini “tutti contro tutti”. Di qua. Di là: (almeno sembra) ancora “tutti per uno e uno per tutti.”
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 23/01/2004 @ 07:58:34, in diario, linkato 1084 volte)
Recentemente intervistato da TTL de La Stampa, a proposito de “I ventitré giorni della città di Alba pubblicato da Fenoglio nel 1952 Giampaolo Dossena ha detto: “Un capolavoro assoluto. Non è un racconto, una novella, una fiction: è un frammento di uno storico greco e in questo senso Alba è la più grande città della letteratura italiana del Novecento. Un capolavoro creato in un angolo della provincia italiana…” Cerco invano nei miei pezzi di libreria della casa sfaccendata l’amato Una questione privata e concludo che è troppo tardi per ripensare ai libri prestati. Sono lacrime di coccodrillo e premesse che non rispetto. O forse è solo che sono molto disordinato. Molto?! Un po’. Fenoglio fu uno degli autori più riservate e in disparte della nostra letteratura. Curiosamente è uno dei più ricordati. Sarà per la leggerezza della sua avanguardia e per il peso antico delle sue parole. Classiche appunto. Sta bene con Silvio D’Arzo (“Casa d’altri” è la mia inutile e per nulla originale indicazione di lettura obbligata) con Tozzi, con Delfini e con tutti quegli scrittori su cui il tempo è passato veloce prima e ora non passa più.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 22/01/2004 @ 08:59:26, in diario, linkato 878 volte)
"Mi serve un padre che mi faccia da modello, non un ragazzino arrapato che spruzza nelle mutande quando porto un'amica a casa dopo la scuola. Che schiappa! Qualcuno dovrebbe aiutarlo a smettere di soffrire." Inizia così grosso modo American Beauty, film criticato e amato. Film sulla schizofrenia del bene costruito come forma sociale. Appartenente ad un genere che non legittimamente ha perso cittadinanza quello della satira. Qui tutti hanno (giustamente) da ridire sugli altri ed è quindi un film sulla difficoltà del cambiamento e su quanto la stasi possa portare ad un punto di non ritorno. Proprio perché appartenente al genere satira è un film fastidioso e perciò criticatissimo. Oltre ad un certo stile leccato e preciso che però rivela un'ammirevole capacità costruttiva. Invidiabile appunto. VOGLIO VENDEE QUESTA CASA OGGI è l'autopreghiera della madre in carriera. Mentre il NON C'è NIENTE DI PEGGIO CHE ESSERE UNA QUALUNQUE è la preoccupazione della biondina aspirante modella. Ritratti impietosi e fastidiosi come quelli di Muccino. Di un sarcasmo che infastidisce per l'adesione pretestuosa alla realtà ma...
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 21/01/2004 @ 11:09:11, in diario, linkato 1595 volte)

Alla Sardegna sono affezionato molto almeno per due buoni motivi. Il secondo è che ci ho passato un’estate favolosa ed era il primo incontro con questa terra delle meraviglie. A margine di questa passione mi sento di fomentare la visione del film bellissimo (uno dei migliori della stagione) di Mereu “Ballo a tre passi” che ha rinverdito e di molto le pur belle prove di Cabiddu (“Disamistade” e “Il figlio di Bakunìn”). Il film di Mereu ha grazia e forza, fantasia e senso della concretezza, della terra che pur così sardi hanno respiro universale (immaginarci un italico Kusturica? Staremo a vedere). A margine ancora la scoperta del grande Atzeni, una parabola breve ma significativa che merita riletture… per ora arrivo qui

PS Dice Capuccetto Rosso "Che cartina grande che hai!" E' per vederti meglio (in basso Capoterra, in cui eravamo di stanza senza sapere che aveva dato i natali ad Atzeni.)

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 21/01/2004 @ 08:04:38, in diario, linkato 898 volte)

Quando scrivo è mattina, magari c’è da stirare una camicia o come oggi gira la lavatrice. O come sempre mi faccio la colazione e c’è la radio accesa, la musica i radiogiornali. O come spesso mi faccio barba e capelli con la macchinetta, poi ancora un the e intanto batto i tasti e c’è un grande vuoto, silenzio. Fa luce a due tre mosse ed è giorno come uno scacco matto che poi capisco che è finita e devo partire per il lavoro. E il silenzio è sempre (per fortuna): non squilla il cellulare né arrivano messaggi, né suona il telefono, non citofona nessuno. E io scrivo. E’ una scrittura domestica questa, quotidiana. Non è quella del finesettimana, né quella del ritorno da lavoro. Ora però vi leggo una poesia che mi piace ed è di Claudio Damiani, un poeta che ho scoperto per caso e che ho voluto conoscere, anni fa cercandolo su un elenco telefonico come si cerca un negozio. La poesia è ne “La miniera” (Fazi) e fa così (che preludio da canzonettista estemporaneo) e grosso modo fa così:

“Che bello che questo tempo/ è come tutti i tempi,/ che io scrivo poesie/ come sempre sono state scritte,/ che questa gatta davanti a me si sta lavando/ e scorre il suo tempo,/ nonostante sia sola, quasi sempre sola nella casa,/ pure fa tutte le cose e non dimentica niente/ - ora si è sdraiata ad esempio e si guarda intorno -/ e scorre il suo tempo./ Che bello che questo tempo, come ogni tempo, finirà,/ che bello che non siamo eterni,/ che non siamo diversi/ da nessun altro che è vissuto e morto,/ che è entrato nella morte calmo/ come su un sentiero che prima sembrava difficile, erto/ e poi, invece, era piano.”

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 20/01/2004 @ 10:48:57, in diario, linkato 791 volte)
Alla fine anche l'omicidio di Potenza è rifiuto (amore che non corrisponde). Anche qui l'arma, il fuoco. Ogni volta che leggo una notizia di questo tipo mi domando: e se non ci fosse stata un'arma (d'ordinanza, da caccia...) sarebbe finita così? O meglio, mi chiedo se la personalità violenta (è violento possedere un'arma?) non sia il vero omicida e non la relazione problematica, tradita, delusa sofferente. Una specie di Moore dell'amore. Una Columbine dei sentimenti.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 19/01/2004 @ 18:47:42, in diario, linkato 3153 volte)

A parte quello che c'è sotto (copiato) quello che so è che mi piacciono e che è stata una bella serata e che le due amiche francesi di Anna Laura e Matteo erano simpatiche e magari abbiamo gli stessi gusti, anche che so che quelle sono francesi (Muriel e Letizia...ricordo bene?) e quelli no ma boh sono diversi pure loro, pure noi. Gli autori:

Bernd Becher (German, 1931- ) Hilla Becher (German, 1934- ) Bernd Becher, born in Siegen Germany, studied painting and lithography at the Staatlichen Kunstakademie, Stuttgart, and studied typography at the Staatlichen Kunstakademie, Dusseldorf, from 1957-1961. Hilla studied photography in Potsdam (where she was born) and painting at Staatlichen Kunstakademie. After they married in 1961, the Bechers began working together as free-lance photographic artists. The focus of their photographic art is the documentation of architectonic culture by creating forms of architectural typologies framed with a serial quality. Both artists are photography instructors at the Staatlichen Kunstakademie, Dusseldorf. - Joyce Roetter Selected Bibliography Andre, Carl. "Anote on Bernhard and Hilla Becher." New York: Artforum, (December 1972). Vaizey, Marina. The Artist as Photographer. New York: Holt, Rinehart, and Winston, 1982. Jenkins, William. New Topographics: Photographs of a Man-Altered Landscape. Rochester, New York: International Museum of Photography, George Eastman House, 1975.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 19/01/2004 @ 18:29:07, in diario, linkato 826 volte)
Appuntamento a Belleville. Film di una grazia e di una raffinatezza che ti sembra di non meritare. Troppa anche per noi. Chissà i bimbi. Ma esiste una categoria “film per bimbi”? Opera di poesia estrema e di cura del disegno (le ombre delle gocce sul manto del cane!!!). Di treni e biciclette (vero godimento solipsista e fissazione..sì… mi rendo conto!) di piccole malattie incurabili della nostalgia, del fado e della saudade (a un certo punto la nonnina suona portoguesa). Quelle che fanno dimagrire troppo (Champion) o ingrassare molto (il cane) con medesima ostinazione al male di vivere. Film francese al cubo. Che dire? Grazia suggestione e siamo in un’atmosfera onirica e piena di ritmo come a dire che una musica si seppellirà o… ci salverà. Domenica sera, una delle sere più oniriche esistenti. Pioggia, e così nostalgia per definizione (ma anche piacere puro e bagnato) e poi… Guardate il sito: www.lestriplettesdebelleville.com
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 847 persone collegate

< settembre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
       
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








18/09/2020 @ 11:45:00
script eseguito in 592 ms