Immagine
 Il letto di sarisari... di Carvelli
 
"
Qui l'attenzione raggiunge forse la sua più pura forma, il suo nome più esatto: è la responsabilità, la capacità di rispondere per qualcosa o qualcuno, che nutre in misura uguale la poesia, l'intesa fra gli esseri, l'opposizione al male. Perché veramente ogni errore umano, poetico, spirituale, non è, in essenza, se non disattenzione

Cristina Campo
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 09/07/2010 @ 09:10:38, in diario, linkato 474 volte)
Scegliere il tempo giusto per esserci e per andare. Avere talento per individuare il momento che è ora. Nei suoi occhi la breve ombra della gratitudine. Fra poco sarà altrove. Per sempre. Potrebbe essere anche l'ultima volta che ci vediamo. Uno di qua e uno di là sulla cartina del mondo. Penso a cosa ho fatto per lui. Solo esserci. Poco più di una piccola disponibilità. Solo un minimo mettermi a disposizione e poi via. Cercare nuove sfide. Non stare troppo nel posto in cui sono stato. Lasciare un buon ricordo. Fare quello che è giusto. Niente di più o di meno di quello che si è chiamati a fare. E andare.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 08/07/2010 @ 10:17:24, in diario, linkato 530 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 08/07/2010 @ 10:00:12, in diario, linkato 516 volte)

BLACK SEA

One clear night while the others slept, I climbed
the stairs to the roof of the house and under a sky
strewn with stars I gazed at the sea, at the spread of it,
the rolling crests of it raked by the wind, becoming
like bits of lace tossed in the air. I stood in the long
whispering night, waiting for something, a sign, the approach
of a distant light, and I imagined you coming closer,
the dark waves of your hair mingling with the sea,
and the dark became desire, and desire the arriving light.
The nearness, the momentary warmth of you as I stood
on that lonely height watching the slow swells of the sea
break on the shore and turn briefly into glass and disappear…
Why did I believe you would come out of nowhere? Why with all
that the world offers would you come only because I was here?

MARE NERO

Una notte chiara, mentre gli altri dormivano, ho salito
le scale fino al tetto della casa e sotto un cielo
fitto di stelle ho scrutato il mare, la sua distesa,
il moto delle sue creste spazzate dal vento, divenire
come pezzi di trina gettati in aria. Sono rimasto nella lunga
notte piena di sussurri, aspettando qualcosa, un segno, l’avvicinarsi
di una luce lontana, e ho immaginato che tu venivi vicino,
le onde scure dei tuoi capelli mescolarsi col mare,
e l’oscurità è divenuta desiderio, e desiderio la luce che approssimava.
La vicinanza, il calore momentaneo di te mentre rimanevo
su quell’altezza solitaria guardando il lento gonfiarsi del mare
rompersi sulla riva e in breve mutare in vetro e scomparire…
Perché ho creduto che saresti venuta uscita dal nulla? Perché con tutto
quello che il mondo offre saresti venuta solo perché io ero qui?

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 07/07/2010 @ 11:47:28, in diario, linkato 545 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 07/07/2010 @ 10:04:50, in diario, linkato 1163 volte)

laRepubblica — 03 luglio 2010 (da The New Yorker)

PARLIAMO TANTO DI ME
di DANIEL MENDELSOHN (Traduzione di Emilia Benghi)

Nell' agosto 1929, Sigmund Freud rise al pensiero di fare una cosa stupida quanto scrivere un' autobiografia «È ovviamente una proposta impossibile», rispose al nipote che gli aveva fatto pervenire l' offerta di un editore americano interessato a che quel grand' uomo scrivesse la storia della sua vita. «Esteriormente», aggiunse Freud forse con un pizzico di ipocrisia «la mia vita è trascorsa tranquilla e senza episodi degni di nota e si può riassumere in poche date». (...) Freud terminava dicendo che i cinquemila dollari di anticipo offertigli corrispondevano a un centesimo della somma necessaria ad invogliarlo ad un' impresa così avventata. Indecente autoesibizionismo, sgradevole slealtà, inevitabili menzogne, un briciolo di volgare seduzione: il memoir, per gran parte della sua storia moderna, è stato la pecora nera della famiglia letteraria. Come il convitato ubriaco al banchetto di nozze esso mortifica di continuo i suoi parenti più sobri (la filosofia, la storia, la narrativa letteraria) mettendo in piazza segreti di famiglia, imbarazzando vecchi amici - spinto, si direbbe, dal bisogno irresistibile di essere al centro dell' attenzione. Persino i più esimi autori e pensatori, passando all' autobiografia, si sono sentiti accusare di esibizionismo letterario. (segue dalla copertina) UANDO, su consiglio della sorella, Virginia Woolf iniziò, con una certa riluttanza, a comporre un "abbozzo" di autobiografia, si ritrovò, all' inizio inesplicabilmente, a pensare ad un certo specchio in corridoio - scenario, come rivelò un ulteriore scavo nei suoi ricordi, di un' aggressione incestuosa da parte del fratellastro Gerald, un evento che la sua memoria aveva represso e del quale, alla fine, non riuscì a scrivere per pubblicare. Caso volle che la Woolf, che si misurò col memoir, incontrasse Freud, che non ne aveva la minima intenzione, quando entrambi erano ormai prossimi al termine della loro vita; il nipote della Woolf, Quentin Bell, narra che lo psicanalista portò in regalo alla scrittrice un narciso. Quel gesto, qualunque fosse l' intento di Freud, ben simboleggia l' inquietante connubio tra creatività e narcisismo, mai così intenso come quando l' oggetto del creare è il memoir, un genere letterario che espone la vita dell' autore priva della maschera protettiva fornita dall' invenzione. L' egocentrismo, come ci ricorda Ben Yagoda nel suo saggio prodigo di informazioni, se non terribilmente minuzioso, Memoir: A History, non è che una delle accuse mosse ai memoir e ai loro autori nell' arco dei secoli. Le altre sono quelle che alimentavano la diffidenza di Freud: indiscrezione, slealtà, e vero e proprio inganno. Ma ad irritare i critici è stato soprattutto l' apparente narcisismo. Quindici anni fa l' esimio critico William Gass tuonò contro l' intero genere in un saggio pieno di sarcasmo pubblicato su Harper' s magazine, in cui poneva la domanda retorica se esistano «delle motivazioni all' impresa che non siano affette da boria o desiderio di vendetta o volontà di giustificazione. Mettere l' aureola sul capo di un peccatore? Gonfiare un ego già dilatato oltre il limite di sicurezza?». La sfuriata giunse in un momento in cui il fiume in piena di scritti autobiografici nati alla fine degli anni Ottanta si stava trasformando, per dirla con Yagoda, in una "inondazione". (...) Ormai l' inondazione dà l' idea di uno tsunami. Siamo giunti al punto che la miglior recensione che una narrazione personale possa ricevere è - ebbene sì, di non somigliare ad un memoir. (...) Ma, come spiega Yagoda, il memoir, la scrittura confessionale, ha esercitato un fascino irresistibile sugli autori come sui lettori per moltissimo tempo, e pressoché fin dall' inizio ha ricevuto accuse di superficialità, opportunismo, mendacia, slealtà e narcisismo. C' è da chiedersi quindi semplicemente perché l' attuale inondazione di autobiografie dia in qualche modo un' impressione diversa, in un certo senso "peggiore" che mai - più narcisistica e più inquietante nelle sue implicazioni. E può ben darsi che la risposta non stia nel genere - che a dire il vero è rimasto piuttosto fedele ai suoi obiettivi e alla sua struttura da millecinquecento anni a questa parte, ma che vada individuata in un q u a l c h e c a m b i a m e n t o , profondo, intervenuto nel modo che abbiamo di pensare a noi stessi e al nostro rapporto col mondo esterno. (...) L' incapacità, apparentemente dilagante, da parte sia degli autori che dei lettori di distinguere la propria verità dalla verità oggettiva non costituisce una novità nella storia della letteratura moderna; risale direttamente a temi che stavano sfumando nel momento in cui il memoir e il romanzo emergevano nella loro forma contemporanea, all' inizio del Settecento. Yagoda cita come curiosità che Daniel Defoe, il primo grande romanziere della tradizione di lingua inglese, assegnò a molti suoi romanzi il ruolo di memoir, complicando in tal modo un rapporto che è rimasto controverso fino ad oggi. (...) Ma la verità che cerchiamo nei romanzi è diversa dalla verità che cerchiamo nei memoir. I romanzi, si può dire, rappresentano "una" verità riguardo alla vita, mentre i memoriali e le opere di non fiction rappresentano "la" verità riguardo a determinati fatti accaduti. (...) Verità è un termine che sta perdendo rapidamente valore. Prendiamo i reality televisivi: in questi programmi persone "vere", (ossia che non sono attori professionisti) sono poste in situazioni artificiali - si recano ad appuntamenti galanti frutto di elaborata organizzazione, vengono abbandonati su isole deserte, si fanno ristrutturare brutti appartamenti, o vengono gettati in mezzo ai vermi o agli scorpioni per suscitare le "vere" emozioni a cui il pubblico che sceglie quel canale vuole assistere (delusione, desiderio, gioia, gratitudine, terrore). Questa fame di emozioni in diretta, sempre più estreme, (contrapposte, ad esempio, alle emozioni accuratamente studiate che ci offrono il teatro o il cinema) deriva senza dubbio dall' ascesa, negli anni Settanta, dei talk show (...). Questi programmi televisivi contribuirono a creare e diffondere la più ampia cultura di autoanalisi e auto-esposizione senza la quale la recente abbondanza di autori e lettori di memoriali sarebbe impensabile. Cosa più importante per la storia del memoir, quei talk show hanno creato le condizioni per l' immensa popolarità di Oprah Winfrey, che ha usato il suo programma come trampolino per gente intenzionata a raccontare - o in caso di scrittori, a vendere - la storia della propria vita e che, non a caso, è stata vittima di più di una frode. (...) Ma la fame della Winfrey - e, per estensione, del suo pubblico - di belle storie a qualunque prezzo indica anche che i memoriali che narrano di traumi e salvezza, con un percorso narrativo forte e tematiche di immediata comprensione, vanno forse a riempire il vuoto creatosi a causa del graduale spostamento del romanzo dalla posizione centrale che occupava un tempo nella cultura letteraria. Può essere in effetti che programmi come il talk show della Winfrey, che pongono l' accento sulle emozioni "vere", abbiano creato un pubblico per cui le emozioni inventate sono destinate, infine, ad apparire poco più che "drammatizzazioni senza illuminazione". Se puoi guardare una donna vera che spasima per dei bei fusti in un reality show che ti importa di Emma Bovary? (....) Questa infelice confusione tra realtà e artificio collima e al contempo si alimenta di un' altra drammatica confusione: quella tra vita pubblica e vita privata. L' avvento dei telefoni cellulari ha costretto milioni di persone sedute al ristorante, intente a leggere sui treni dei pendolari, oziose nelle sale d' aspetto e mentre sono al cinema, a essere partecipi dei dettagli più intimi della vita di altre persone - la fine delle loro storie d' amore, lo stato delle loro finanze, l' avanzamento del loro percorso psicoterapeutico, le discussioni coni capi, i fidanzati o i genitori. L' esperienza di essere costantemente esposti alle vicende di altre persone è pari solo all' inesauribile desiderio delle persone di raccontare le proprie - e non solo a telefono. Internet è testimonianza cruciale di un fattore che Yagoda analizza nell' ambito dell' esplosione memorialistica nel Seicento (quando i cambiamenti nella tecnologia di stampa e nella produzione della carta resero possibile la pubblicazione su scala maggiore rispetto al passato): l' impatto che i progressi dei mezzi di comunicazione e distribuzione possono avere sull' evoluzione della narrazione personale. Il massimo flusso di narrazioni personali della storia del pianeta ha avuto luogo su Internet; non appena sono esistiti mezzi pratici ed economici per farlo, la gente ha pagato entusiasta per divulgare le proprie autobiografie, commenti, opinioni e recensioni, assumendo allegramente il doppio ruolo di autore e editore. Così se ci sentiamo aggrediti o travolti da un proliferare di narrazioni personali è perché davvero lo siamo; ma la grande profusione di queste storie di vita vissuta non si trova in libreria. Se non altro è difficile non pensare che molta dell' indignazione mirata ad autori ed editori ultimamente non sia altro che frutto del trasferimento di un' ampia ansia davvero nuova circa la nostra abilità di filtrare o controllare la pletora di narrative inaffidabili che giungono da ogni dove. Sulle strade della blogosfera non ci sono curatori editoriali, né revisori né addetti alla verifica dell' affidabilità - le persone contro cui possiamo puntare un dito accusatore quando il memoriale alla vecchia maniera ci tradisce.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 07/07/2010 @ 08:57:03, in diario, linkato 548 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 06/07/2010 @ 14:38:54, in diario, linkato 517 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 06/07/2010 @ 09:06:50, in diario, linkato 12792 volte)

La parola di oggi è: SPATAFFIATA (sentita in ascensore e riferita a una sequela infinita di parole in un foglio). Urge vocabolario
Battaglia: il termine antico spataffiata ‘dichiarazione solenne e pomposa’, derivato da spataffio, voce dialettale per ‘epitaffio’.
Treccani: Una spatafiata è un po' come un papiro, cioè un «Documento, o in genere foglio di carta scritta o stampata, per lo più prolisso e noioso» ma una spatafiata è meno seria di un papiro, e spesso è illogica, incoerente e fuori luogo, oltre che lunga e prolissa in modo incongruo.
Cortelazzo-Marcato (Dizionario etimologico dei dialetti italiani): Spatafiada sf. (lombardo) 'Scritto lungo e noioso con pretese di solennità'. Degradazione del significato del latino epitaphium 'iscrizione sepolcrale'. Il mutamento della i atona in a è per assimilazione, come è avvenuto nel toscano pataffio 'epitaffio' e nel piacentino patafia 'grande cartello attaccato ai muri delle vie' (pataffio anche in italiano). 

Ora che mi ricordi lessi anni fa un libro del primo ottimo Luigi Malerba: Il pataffio. Ma è lo stesso discorso? Controllare.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 06/07/2010 @ 09:06:04, in diario, linkato 517 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 06/07/2010 @ 08:56:54, in diario, linkato 579 volte)

"Oggi nel trascrivere il diario di Levocka, mi sono imbattuto nel seguente brano: 'L'amore non esiste. Esistono solamente l'esigenza carnale della copula e quella razionale di avere una compagna di vita'. Se avessi letto questa massima di L.N. vent'anni fa non l'avrei mai sposato". Così la contessa Tolstoj del marito (14.XII.1890)

"Meglio una fine amara che un'amarezza senza fine". Così lascia il marito, uno dei protagonisti di About Elly, (visto ieri e trovato tutto sommato un film ben fatto anche se leggermente scampanato nelle mosse verso il finale), la moglie tedesca di un iraniano.

Stante le considerazioni di ieri (ho poi letto l'articolo con commento della Saraceno) sulla contagiosità dei divorzi e convenuto che può essere contagioso anche il bene, mi preme dire che vi vorrei comunque incitare ai matrimoni, alle copule, ai figli (per i cattolici). Per gli altri vanno bene soluzioni più articolate. Bon dia.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6
Ci sono 1445 persone collegate

< agosto 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








06/08/2020 @ 23:15:13
script eseguito in 483 ms