Immagine
 il letto a spighe di claus... di Carvelli
 
"
Cosa cercano gli uomini nelle donne?/ il profilo del desiderio soddisfatto./ Cosa cercano negli uomini le donne?/ Il profilo del desiderio soddisfatto.

William Blake
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 01/06/2011 @ 09:00:50, in diario, linkato 807 volte)

In relazione alla presentazione del libro di Emanuele Ponturo (L'odio.Una storia d'amore - Fermento). Vi trascrivo alcuni degli appunti da cui sono partito.

Il carattere dell'ingenuità è il tema di forza di questo libro di Emanuele Ponturo. In definitiva, l'amore, per come lo conosciamo noi (o lo riconosciamo noi), vive nell'illusione di questo riconoscimento ingenuo che è quello che ci muove le sensazioni. Forse bisognerebbe diffidare delle nostre sensazioni. In questo libro sbaglia chi crede di aver riconosciuto l'amore e sbaglia chi crede di esserne stato riconosciuto (parlo rispettivamente delle sensazioni di Stefano e di quelle della protagonista femminile che ne subisce l'incantamento). Dall'amore (da questo sbagliato, mistificato tipo di amore) ci può salvare, a ben vedere, solo la convenienza (e non sto parlando del bieco interesse di qualsiasi tipo esso sia). Dall'amore (come sopra) ci può salvare solo la concretezza nelle sue varie sfaccettature (dalla passione fisica, necessità dello scambio, mutuo sostegno). Questo di Ponturo non è il romanzo di un odio come non lo è dell'amore (nel senso che ho spiegato). Piuttosto di una inintelligenza, di una incomprensione, di un fraintendimento. E' giusto o, se preferite, è naturale (e dovrebbe essere anche logico se ci accompagnasse una logica in questo campo così minato dal sensazionalismo) che questo tipo di amore fallisca. Anche se è il solo amore che (ri)conosciamo. E' questa l'ingenuità che ci viene restituita dal libro (nel non detto di questo pensiero di amore fallito perché mistificato) che le pagine restituiscono anche nella scrittura. Al parossismo folle di questa storia è salutare che finisca così. Questo amore deve e può solo essere eliminato. Chi è fortunato lo fa senza sangue e senza dolore. Ma comunque deve eliminarlo. Da questo punto di vista si potrebbe definirlo un libro di formazione o meglio di deformazione. Uccidere questo tipo di amore è la garanzia dell'adultità o meglio della felicità seconda che ci attende dalla maturità. L'amore da questo punto di vista è uno dei pochi riti di passaggio rimastici. Anche se ci vengono raccontati sempre meno. Sempre meno li sappiamo riconoscere. E questo succede nel romanzo che sceglie anche la confezione della fiba, del racconto di miti di passaggio, della novella esemplare. Leggendolo ho ripensato all'Humbert di Lolita di Nabokov che deve compiere un analogo rito a quello di Stefano. Non lo farà sulla ragazza ma su un suo omologo Cue. In definitiva un suicidio. Un togliere dalla scena la parte malata che è anche in lui. L'odio del titolo del libro di Ponturo è solo la vendetta, una vendetta verso sé, in fondo, un'eliminazione che sola può salvare il protagonista.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 01/06/2011 @ 09:16:19, in diario, linkato 1111 volte)
Vi segnalo il bell'articolo (lezione) di Franzen dal Corriere della Sera di domenica che trovate qui.
Vi segnalo il brano che ho letto e ho trovato interessante.

Il mio obiettivo è principalmente quello di mettere in rilievo il contrasto tra le tendenze narcisistiche della tecnologia e il problema dell' amore reale. Alla mia amica Alice Sebold piace parlare di «sporcarsi le mani e amare qualcuno». Pensa alla sporcizia che inevitabilmente l' amore schizza sullo specchio della nostra autostima. La verità è che cercare di piacere è incompatibile con le relazioni d' amore. Prima o poi, ad esempio, ci troveremo a litigare furiosamente, e sentiremo uscire dalla nostra bocca cose che non ci piaceranno affatto, che infrangono l' immagine di persone giuste, gentili, carine, attraenti, controllate, divertenti, simpatiche che ci siamo costruiti. Lasceremo emergere qualcosa di più autentico e la nostra vita improvvisamente diventerà reale. Ci troveremo a dover fare scelte vere, diversamente da quelle fasulle e commerciali tra un BlackBerry e un iPhone. Ci troveremo a dover rispondere a domande come: amo questa persona? Oppure: questa persona mi ama? Non esiste un individuo che possa veramente piacervi in ogni dettaglio. Questo è il motivo per cui un mondo regolato dal dover piacere è in definitiva una menzogna. Ma esiste una persona di cui possiamo amare ogni dettaglio. Ed è per questo che l' amore è una minaccia per l' ordine del consumismo tecnologico: rende evidente la menzogna. Non sto dicendo che l' amore sia solo fatto di conflitti. L' amore è empatia totale che nasce dalla rivelazione del nostro cuore che un' altra persona è reale quanto noi. È per questo che l' amore, per come lo vedo, è sempre specifico. Cercare di amare tutta l' umanità può essere uno sforzo lodevole, ma, paradossalmente, è un modo di continuare a puntare l' attenzione sul sé, sul proprio benessere morale o spirituale. Quando amiamo una persona in particolare e ci identifichiamo con i suoi dispiaceri e le sue gioie come se ci appartenessero, dobbiamo invece rinunciare a una parte del nostro io. Naturalmente il grande rischio, in questo caso, è essere rifiutati. Tutti noi riusciamo a sopportare di non piacere, di tanto in tanto, perché c' è un' infinita quantità di persone a cui potremmo potenzialmente piacere. Ma esporre tutto di noi, non solo la superficie piacevole, ed essere respinti, può essere catastroficamente doloroso. La prospettiva del dolore - di una perdita, di una rottura, della morte - è quel che dà la tentazione di evitare l' amore rifugiandosi nel mondo in cui si deve piacere. Eppure il dolore - potrebbe essere questo il mio messaggio più importante - fa male ma non uccide. Quando si considera l' alternativa - un sogno anestetizzato di autosufficienza, incoraggiato dalla tecnologia - il dolore emerge come il prodotto naturale e il segno naturale dell' essere vivi in un mondo che resiste. Vivere senza dolore è come non vivere. Anche solo dire a se stessi: «Rimanderò questa faccenda dell' amore e del dolore a dopo, a quando avrò trent' anni» vuol dire assegnarsi dieci anni di esistenza limitata a occupare spazio sul pianeta e a bruciarne le risorse. A essere (e lo dico nel senso più deteriore della parola) dei consumatori.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 01/06/2011 @ 09:29:33, in diario, linkato 486 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 06/06/2011 @ 11:55:28, in diario, linkato 466 volte)

Sarò quello che sono sempre stato
tornerò a essere
quello che ero
prima di essere ancora
un altro che sarò.
Qualcuno ricorderà
o fingerà di dimenticare
uno riderà alle mie battute
uno no.
Per qualcuno sarò speciale
per un altro no.
E così via.
E così.
Via.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 06/06/2011 @ 12:01:34, in diario, linkato 484 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 06/06/2011 @ 16:50:08, in diario, linkato 452 volte)
E' come quando guardi in un punto fuori dal finestrino, della macchina o del treno, e vedi qualcosa che non ti aspettavi di vedere. Un angolo nascosto, un istante imprevisto. E lo riguardi quando è troppo tardi o è troppo tardi quando provi a riguardarlo. E non c'è più quello che avevi visto.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 06/06/2011 @ 16:53:33, in diario, linkato 460 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 07/06/2011 @ 09:01:10, in diario, linkato 436 volte)
Ieri ho compensato una serata (quella di domenica) algoritmica e virtuosa fatta di tofu e salsa di soia (a casa di un'amica) con una sana bistecca di manzo danese e un hamburger di altrettanto virtuosa preparazione di quello che è ufficialmente divenuto il mio spacciatore di proteine. Il mio stomaco si deve esser fatto molte domande. Non io. Che ho gradito entrambe le cene, senza avercene con me né con nessuno per la varietà dietetica e alimentare.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 07/06/2011 @ 09:06:04, in diario, linkato 486 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 07/06/2011 @ 15:37:54, in diario, linkato 510 volte)
Tutti i nodi vengono al pettine. Si dice no? Ci pensavo oggi e non perché mi pettino. Per ostinazione. Per contrarietà al crespo e cose così. I nodi vengono al pettine se uno li pettina. Ma se uno pettina è considerato noioso, cavilloso (ma non bisognerebbe dire capilloso?). Pedante insomma (anche se uno non pettina coi piedi). Quindi per chiudere che già vi sento scalpitare (ma perché ancora coi piedi? o viene da scalpo?): perché uno deve pettinare e far venire i nodi al pettine? Io qualche nodo lo lascerei ma mi rimetto a voi, mani e piedi.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7
Ci sono 115 persone collegate

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








11/12/2019 @ 11:46:16
script eseguito in 532 ms