Immagine
 Il letto di antonella con ouzo... di Carvelli
 
"
Cogliamo fiori, prendili tu e lasciali sul grembo,/ e che il loro profumo renda soave il momento -/ questo momento in cui tranquillamente non crediamo in niente,/ innocenti pagani della decadenza./ Almeno se sarò ombra prima, ti ricorderai poi di me/ senza che il mio ricordo ti bruci o ti ferisca o ti commuova,/ perché mai intrecciammmo le mani, né ci baciammo,/ né fummo altro che bambini.

Fernando Pessoa
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 30/04/2012 @ 17:30:37, in diario, linkato 644 volte)
Rimango in attesa di qualcosa che (so che) non verrà. Ecco la mia particolare forma di evanescenza. Ecco il mio disincanto operativo. Essere per non. Non avere. Non sperare. Così, da tutto questo, il nuovo può arrivare e andare. Senza un permanere di delusioni, di sbadate sviste. Un gioco che so fare, un campionato a cui posso partecipare. Chi è invitato di solito si diverte. Perché questo è uno sport per tutti. E io non sono un campione ma un buon giocatore. Uno che non vuol vincere a tutti i costi. O, peggio, stravincere. Ma solo uno che si vuole divertire insieme a qualcun altro. Rimango in attesa perché so che qualcuno giocherà.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 

Solitudine

Che vergogna andare al cinema da solo
senza un amico, senza un'amica, senza moglie,
là dove tutti gli spettacoli sembrano tanto brevi
e tanto lunga la loro attesa.

Che vergogna
in questa interiore guerra dei nervi
davanti alle coppiette beffarde del foyer
in un angoletto, tutto rosso, masticare un pasticcino,
come se ci fosse di che restar confusi...
Noi,
fuggendo la solitudine
e l'angoscia
ci buttiamo in qualsiasi compagnia,
e così degli obblighi che fanno schiavi di amicizie senza senso
ti perseguiteranno fino alla tomba.

Le amicizie si formano in modo assurdo:
gli uni si danno al bere senza una ragione,
gli altri non sono interessati che ai fronzoli e alle donnacce,
e c'è pure chi
sembra occupare il tempo in discussioni astratte,
ma di fatto
si somigliano tutti tra di loro...
Molte son le forme della vanità!
O l'una,
o l'altra chiassosa compagnia...
Non saprei a quante di queste
io sia riuscito a sfuggire!

E come caduto in un nuovo tranello,
sono riuscito a sfuggire,
lasciandovi il pelo,
sono sfuggito!
Mi sei dinanzi, vuota libertà...
Perché diavolo mi sei necessaria! Mi sei cara
e insieme odiosa,
come una moglie non amata e fedele.
E tu, amata mia,
come stai tu?
Ti sei liberata delle tue vane preoccupazioni?
A chi adesso appartengono i tuoi occhi strabici
e le tue bianche, splendide spalle?
Pensi certo che io mi vendichi,
che in qualche parte mi precipiti in taxi,
ma se anche lo facessi
dove scenderei?
Eppure non potrei liberarmi di te!
Con me le donne si rinchiudono in sé,
perché sentono
d'essermi ora del tutto estranee.
Abbandono la testa sulle loro ginocchia, ma non a loro,
a te appartengo...
Or non è molto sono stato da una
in una brutta casupola di via Sennàja.
Ho appeso il paltò a un misero attaccapanni.
Sotto un abete spoglio da un lato, con le lampadine fioche,
rilucendo con le sue pantofoline bianche,
sedeva una donna, severa come una bambina.
Avevo così facilmente ottenuto il permesso
di venire,
che ero sicuro di me
e troppo inebriato, come oggi si usa
e le avevo portato non fiori, ma vino.
Ma tutto apparve molto più complicato...
Ella taceva
e modestamente due goccette trasparenti,
due orecchini,
brillavano sui suoi lobi rosati.
E, come sofferente, guardandomi confusa,
sollevando il suo corpo di fanciulla, mi disse con voce smorzata:
"Vattene...
È meglio di no... Lo vedo,
non sei mio, ma suo..."
Mi amava una ragazzetta
dalle maniere rudi, da maschiaccio,
con un ciuffetto sbarazzino
e gli occhi trasparenti,
pallida di paura e tenerezza.
Eravamo in Crimea.
C'era di notte un temporale
e la ragazzina
al bagliore dei lampi
mi sussurrava:
"Mio piccolo!
Mio piccolo!"
e mi copriva gli occhi col palmo della mano.
Intorno tutto era spaventosamente solenne,
il tuono
e il gemito sordo del mare, quando all'improvviso ella,
con una lucidità tutta femminile, mi gridò:
"Non sei mio!
Non sei mio! »
Addio, mia amata!
Io sono tuo, cupo
e fedele,
e la solitudine
è la più fedele di tutte le fedeltà.
E non importa se sulle mie labbra non fonde più
la neve d'addio del tuo monchino.
Grazie alle donne
belle e infedeli
per tutto ciò che è durato un istante, per quell'addio!
che non è un "arrivederci!",
perché, fiere come regine nella loro menzogna,
ci regalano delle dolci sofferenze
e i magnifici frutti della solitudine.

Evgenij A. Evtusenko

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 26/04/2012 @ 15:05:05, in diario, linkato 679 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 26/04/2012 @ 14:47:51, in diario, linkato 630 volte)
Che si fa del poco tempo che ci rimane? Di quegli istanti in mezzo al tanto che hai da fare e al poco che vorresti? Oggi per essere un blog di servizio vi do i miei buoni consigli. Tosare il prato (lasciando una fascia di erba lunga), condire l'insalata (poco aceto, prego), leggere le scritte sugli autobus (c'è scitto BUDDA BUDDA in mezzo a BREDA), guardare le donne (o gli uomini) dal tavolo del bar (ascoltando i loro discorsi), cucinare torte, mangiare torte, finirne i resti, salutare con la mano, svegliare le papere (per chi le ha) e rincorrerle (per chi se le trova a tiro), carezzare un gatto (se gli va, al gatto). Non voglio essere uno di quei tipi enciclopedici per cui mi fermo qua.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 24/04/2012 @ 09:54:38, in diario, linkato 655 volte)
Roberto Roversi da L'Italia sepolta sotto la neve
(Parte quarta, Le trenta miserie d'Italia)

XII

La miseria della misera Italia numero
dodici
la testa in fiamme la sterpaglia
della festa dei pensieri paglia che
avvampa brucia fra braci di fumo.
Si consumano notizie mescolate al ricordo
di vecchie età
l'armamentario sul carro della vita
in corsa
è spazio di fresca primavera.
Altrove polvere sollevata dall'auto nella
strada di campagna
odora di mele mentre il merlo s'allontana
stride forte a filo dell'erba lungo il mare
siepi siepi siepi di oleandri abbandonati e
pini scavezzati dai venti secolari
camminano a terra.
Può la morte ordire il suo acuminato
massacro
ridurre in cenere il delfino
il vascello in fuoco
la sovrastante nuvola in ciclone e
travolgere la vita?
Il fervore trascinato in gorgo
l'esistente in un attimo è scomparso
giovinezza è il ricordo poi sull'occhio
chiuso
del cielo interminabile di tetti
e alla fine dimenticare la tomba
dei vecchi eroi?
Quante primavere gli uomini fuggitivi
abbandonano alle giovani ali che
arrivano portate dal garbino?
Si può considerare l'opportunità
di non rassegnarsi
bruciare il carro del vincitore
anche le nostre bandiere.
Per favore.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 23/04/2012 @ 09:19:16, in diario, linkato 626 volte)
Racconto a una mia amica un bisticcio con due ragazze consociate contro di me la passata settimana. Lei, amante dei legal thriller, mi ascolta un po' spazientita. Poi con l'assertività del genere che ama chiede: "Ma scusa una non è quella che per ben due volte ti ha proposto quella cosa lì in modo più che esplicito e tu per due volte le hai dato buca?" Sì ma in realtà... "Rispondi: sì o no?" Sì. Ma... "E l'altra non è quella che ti ha detto che le piacevi e che siete usciti un po' di volte e poi tu... nulla?" Ma veramente non so, non credo che c'entri... "Rispondi alla domanda: sì o no?" Sì. "Non ho altre domande vostro onore".
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 20/04/2012 @ 16:10:43, in diario, linkato 603 volte)
Ciao caro o cara posso essere un po' ipocrita con te? Dirti quel che non penso? Prendere le tue parti davanti e parlarti male dietro? Scusa eh sai cioè... E' che preferisco che tu pensi che io ti stimo. Non è che ci rimani male no? Sai così è tutto più semplice. In fondo siamo fatti tutti così. Vabbè adesso vado.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 18/04/2012 @ 17:12:49, in diario, linkato 560 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 18/04/2012 @ 12:34:44, in diario, linkato 634 volte)

 

 

 

Nel poco tempo che mi rimane provo a leggere. Con fatica. Dopo 9 o 10 ore di lavoro, dopo 1 o 2 ore per scrivere cose mie (e ho saltato varie ed eventuali - più eventuali che varie - più saltate che fatte). Dunque leggo (e spero di finire anche perché mi piace come è raccontato) Il caso Vittorio di Francesco Pacifico. Un libro, invero, già un po’ datato (solo nel senso dell’uscita perché attuale anche nella storicizzazione degli anni semi-vicini che racconta). Ci sono autori che conosco senza averli letti. Di cui sento spesso parlare. In qualche caso li incontro, addirittura. Ed è un vero peccato conoscere cosa pensano veramente ma senza contestualizzarlo nel loro mondo. Nei libri degli autori c’è quasi sempre il mondo di quegli autori, un mondo che a volte non coincide o poco con come sono fuori dalle righe. In questo caso, magari, anche superato dai nuovi sviluppi del loro lavoro. Un’evoluzione del loro mondo o dei mondi nei mondi in cui fanno vivere i loro personaggi. Nel caso di Olivier Adam - Passare l’inverno, racconti, sempre minimum fax - il mondo del racconto mi piace ma le chiuse dei tre-quattro che ho letto no. Nessuna. Peccato. I racconti sono belli. Bella la prosa. Bello il mondo in cui ti calano, il senso di sospensione su cui scende decisa l’accetta del basta. E basta quello per cambiarmi la percezione della bellezza. Mentre sono così affaccendato (nelle faccende mie e in quelle di questi due libri presi in biblioteca) mi arriva il nuovo di Carola Susani (Eravamo bambini abbastanza) – e aridanghe sempre minimum fax – e sospendo la lettura degli altri due anche perché di questo ne scriverò. Due pagine e già mi piace. C’è un’atmosfera vonneguttiana e il senso di una catastrofe imminente o appena avvenuta. Lo sento vicino. Vicino a quello che sto scrivendo. Una storia (la mia che scrivo) a cui mi sto appassionando di nuovo dopo averla abbandonata per un po’ di tempo. Un libro di anticipazione totalmente diverso dagli altri che ho scritto finora. Un libro che è fuori e dentro di me. In cui guardo (scrivo vedendo) e racconto. Un mondo in cui uno come me – che non sono io – sta muovendo i suoi passi. In una catastrofe che già c’è stata. Nella speranza di una che ci sarà. Come per cercare un angolo di mondo in cui non lo coglierà. Leggo e scrivo. Strappando tempo al tempo. Quello della lettura (e nella lettura). E della scrittura (nella scrittura e della e nella lettura di quella).

 

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 16/04/2012 @ 09:06:54, in diario, linkato 683 volte)
"il corpo interamente ideologico si fa strada nel senso/ della sua identità come indossando l'ovvietà/ di un abito un detto un modo antico di fare/ lo stile che ne consegue aggredendo il verso/ è l'effetto che la violenza del mondo e la sua/ propria hanno sulla parola che da tale forza è vinta/ lo stile è decisione e giudizio lo stile è pensiero" - Biagio Cepollaro - Le qualità - La Camera Verde 2012
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3
Ci sono 86 persone collegate

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








06/12/2019 @ 14:18:17
script eseguito in 545 ms