Immagine
 Il letto di Lorenzo... di Carvelli
 
"
Sì ho parlato a troppa gente, oggi questo mi sorprende; ogni persona è stata per me un intero popolo. Un così immenso altro mi ha reso me stesso molto più di quanto avrei voluto. Adesso, la mia esistenza è di una solidità sorprendente; anche le malattie mortali mi giudicano coriaceo. Me ne scuso, ma è necessario che io seppellisca qualcun altro prima di me.

Maurice Blanchot
"
 
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 26/01/2011 @ 08:52:38, in diario, linkato 447 volte)

Ho visto e non mi è particolarmente piaciuto Qualunquemente. Le battute erano quelle che conoscevamo già (Fazio ecc) e la bravura indiscutibilie dell'attore non emerge. E' schiacciata, soffocata. I personaggi laterali sono abbozzati, prevedibili e dispiace anche per l'uso normalizzato di attori pur bravi. Indispone poi, in un cinema stracolmo la continua risata su un film che è più tragico che comico se uno pensa a quello che viviamo.

Ho visto e mi è molto piaciuto La donna che canta.  Un film che, pur a rischio di retorica e di boommalismo (conio qui per dire di "ricerca di effetto") riesce a stare sulla riga. Attori bravi. Ottima costruzione, una costruzione non facile per l'incastro delle storie. Magari ne riparlo.

 
Di Carvelli (del 24/01/2011 @ 15:05:14, in diario, linkato 530 volte)
 
Di Carvelli (del 24/01/2011 @ 14:54:33, in diario, linkato 1106 volte)

Parlando di Kyoto, Tabucchi cita questi versi.

Kyoto ha fortuna,
fortuna e palazzi,
tetti alati,
gradini in scala musicale.
Attempata ma civettuola,
di pietra ma viva,
di legno, ma come crescesse dal cielo alla terra.
Kyoto è una città bella
fino alle lacrime.
Vere lacrime d'un certo signore,
un intenditore, un amatore di antichità,
che in un momento decisivo
al tavolo delle conferenze
esclamò che in fondo ci sono tante città peggiori -
e d'improvviso scoppiò in lacrime sulla sua sedia.
Così si salvò Kyoto,
decisamente più bella di Hiroshima.


Wislawa Szymborska

 

 
Di Carvelli (del 24/01/2011 @ 09:24:08, in diario, linkato 593 volte)

Pur avendo molte cose da dirvi sarò breve (non come alle conferenze si sente dire prima dei pistolotti). Ho visto due film e ve ne parlerò nel prossimo. Ho avuto - non so come - il tempo per leggiucchiare Antonio Tabucchi - Viaggi e altri viaggi (Feltrinelli). E mi dispiace aver scoperto di essere stato a Kyoto senza aver visto la tomba di Tanizaki su cui c'è scitto un solo ideogramma. Si traduce SILENZIO. Oppure NIENTE. Sarà per un altro viaggio.
 
Di Carvelli (del 24/01/2011 @ 09:16:05, in diario, linkato 583 volte)
Grazie alla fedele e impagabile e. torno a postarvi alla vecchia maniera, a colori veri.
">.
 
Di Carvelli (del 21/01/2011 @ 14:48:19, in diario, linkato 570 volte)

Non riuscendo più a regalarvi i video nella forma in cui ve li ho sempre impacchettati (se qualcuno sa come si fa a rimettere i video con lo schermetto... gratitudine massima). Per ora ve lo linko così e basta. Musica per le vostre giornate e serate allegre.
">.

 
Di Carvelli (del 21/01/2011 @ 08:51:27, in diario, linkato 721 volte)

Il 16 maggio 1973


Una delle tante date
Che non mi dicono più nulla.

Dove sono andata quel giorno,
che cosa ho fatto – non lo so.

Se lì vicino fosse stato commesso un delitto
- non avrei un alibi.

Il sole sfolgorò e si spense
Senza che ci facessi caso.
La terra ruotò
E non ne presi nota.

Mi sarebbe più lieve pensare
Di essere morta per poco,
piuttosto che ammettere di non ricordare nulla
benché sia vissuta senza interruzioni.

Non ero un fantasma, dopotutto,
respiravo, mangiavo,
si sentiva
il rumore dei miei passi,
e le impronte delle mie dita
dovevano restare sulle maniglie.

Lo specchio rifletteva la mia immagine.
Indossavo qualcosa d'un qualche colore.
Certamente più d'uno mi vide,

Forse quel giorno
Trovai una cosa andata perduta.
Forse ne persi una trovata poi.

Ero colma di emozioni e impressioni.
Adesso tutto questo è come
Tanti puntini tra parentesi.

Dove mi ero rintanata,
dove mi ero cacciata –
niente male come scherzetto
perdermi di vista così.

Scuoto la mia memoria –
Forse tra i suoi rami qualcosa
Addormentato da anni
Si leverà con un frullo.


 
Di Carvelli (del 20/01/2011 @ 17:10:51, in diario, linkato 536 volte)
Non era. Non era prima, almeno. Né è stato. Non hai capito. Non sono stato. Poteva essere diverso. In un altro modo. Questo.
 
Di Carvelli (del 19/01/2011 @ 11:59:26, in diario, linkato 711 volte)

Grazie all'interessamento di e. (grazie!) ecco a voi.

Elogio del flop
di Hans Magnus Enzensberger [laRepubblica, 18/1/2011]

FLOP è un termine stranierorelativamente nuovo epiuttosto gradevole per la qualità onomatopeica che l’Oxford English Dictionary gli attribuisce; anche i dizionari tedeschi gli rendono adeguatamente onore traducendolo con“insuccesso” e “fiasco”. È un concetto indispensabile soprattutto nello show business, ma anche in altri campi svolge un buon servizio. Il più delle volte al cupo frastuono che un flop fanascere, segue un silenzio deciso e duraturo. Care sorelle e fratelli in arte, voi potete scrivere versi, recitare, dipingere, fare film, cantare, scolpire o comporre: ma perché parlate così malvolentieri delle vostre piccole o grandi débacle? Vi vergognate forse? Siete preoccupati di fare brutta figura? Su questo punto vorrei tranquillizzarvi. Da quello che mi avete confidato sottobanco, penso proprio di non essere l’unico ad avere alle spalle dei flop di un certo interesse, altrimenti non mi prenderei la briga di sciorinarveli davanti. Perché non fate la stessa cosa? Vi accorgereste che un esercizio del genere può essere non solo istruttivo e refrigerante, ma anche molto divertente. Difatti in ogni cosa per noi penosa è insita una buona intuizione, e mentre chi lavora nella vigna della cultura cerca di dimenticare presto i suoi successi, il ricordo di un flop dura invece per anni, se non addirittura per decine di anni, con una intensità abbagliante. I trionfi non riservano alcun insegnamento, gli insuccessi al contrario stimolano la conoscenza in svariate maniere. Ci spingono a dare un’occhiata alle esigenze del mercato, alle maniere e alle usanze delle industrie più rilevanti e aiutano lo sprovveduto a valutare le insidie e i terreni minati con cui in questo campo si trova a fare i conti. I flop hanno inoltre un effetto terapeutico: possono, se non guarire, almeno mitigare le malattie professionali che colpiscono a volte gli scrittori, come la perdita del controllo o la megalomania. Per quanto mi riguarda, confesso che a poche esperienze sono così grato come ai miei flop; affermo anzi che nel corso del tempo mi sono diventati sempre più cari. Per questo vorrei presentarvi una rassegna di progetti falliti a cui ho lavorato più o meno intensamente. Manca sino ad ora una ricerca scientifica sulle cause che portano a un flop, manca anche una classificazione utile che dovrebbe considerare l’altezza da cui si cade, le dimensioni, la visibilità e la posizione di chi osserva un flop: di queste cose non ho alcuna intenzione di occuparmi. Inoltre questa piccola raccolta non ha alcuna pretesa di essere completa: un campionario completo correrebbe infatti il pericolo di stancare il lettore già solo per la ricchezza degli argomenti. Oltretutto una serie di progetti li ho semplicemente dimenticati. I migliori flop della mia vita li offre, come è noto, il palcoscenico. Mentre un libro può contare, anche nel peggiore dei casi, su un’aspettativa di vita di settimane o di mesi, ossia fino a che il disinteresse del pubblico e della critica diventa palese e una sfilza di stroncature lo fa precipitare nell’oblio, una messinscena fallita viene trombata con una rapidità che tecnicamente ricorda una ghigliottina ben oliata; sembra persino di sentire il cupo rumore con cui questo strumento di morte esegue il suo compito. Per questo i miei flop teatrali sono per me i più indimenticabili e i più cari. Il settore che può vantare i più grandi aborti è, notoriamente, l’industria del cinema. Le sue tradizioni e le sue usanze sono, come sanno tutti coloro che ne fanno parte, davvero barbariche. Ciò dipende presumibilmente dal fatto che i film sono smisuratamente costosi. Chi ha la disgrazia di pensare in immagini in movimento, deve tener conto di una serie di ostacoli di cui un saggista o un poeta non hanno la più pallida idea, dato che i costi di produzione del loro esile volumetto sono diecimila volte più bassi di quelli di un film di Hollywood. Come nel mercato globale dell’arte, le possibilità di successo al cinema dipendono da un massiccio apporto di capitali. Il denaro è la cocaina di queste due branche. Gli autori che pensano malvolentieri alle loro piccole o grandi sconfitte, li posso comunque capire; che sugli scenari delle arti regni l’ingiustizia, non è una novità. Perfino un novellino alle prime armi intuisce che lì, da tempo immemorabile, impazzano bugie, intrighi e trucchi a non finire. Sono queste le cose che costituiscono la base affaristica dell’impresa. Unirsi al coro dei soliti lamenti rivela un animo delicato, ma non promette niente di buono per il futuro. Invece di perdere tempo con queste difficoltà, è ben più sensato tirar fuori dalla manica la prossima carta da giocare e avere un barlume di speranza. Questa è una cosa che non dovrebbe riuscire troppo difficile.

 
Di Carvelli (del 19/01/2011 @ 09:16:58, in diario, linkato 500 volte)
 
Ci sono 973 persone collegate

< agosto 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020

Gli interventi pił cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie pił cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








05/08/2020 @ 04:00:42
script eseguito in 574 ms