Immagine
 Letto di L... di Carvelli
 
"
Una volta mi disse che a New York l’arte del farsi strada dipende da quanto si è bravi a esprimere il proprio malcontento in modo interessante. L’aria è satura di rabbia e lagnanze. La gente non ha pazienza di stare ad ascoltare uno che si lamenta dei propri problemi, a meno che non lo faccia in modo divertente.

Don De Lillo
"
 
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 08/03/2010 @ 09:09:24, in diario, linkato 543 volte)
 
Di Carvelli (del 08/03/2010 @ 08:21:57, in diario, linkato 593 volte)
Ottenuta altra proroga. Un gatto mi attraversa la strada mentre sono in moto a 100km/h sulla Palmiro Togliatti. Tocco forse leggermente la coda o le zampe posteriori ma lo vedo fortunatamente per entrambi, sgattaiolare (morfologia del linguaggio!) nel verde "bonificato" dall'ex Casilino900. A parte questa piccola fuga (sarebbe stata davvero una beffa) per andare a vedere lo spettacolo di Baliani da Tabucchi (Piazza d'Italia) al Teatro Quarticciolo non ho fatto altro che stare sdraiato a letto per la caviglia. Visti: Dottor Stranamore, un film ceco di cui non ricordo il nome, Il sangue dei vinti, ed Eros di cui linko qui sotto la bella sigla dedicata da Veloso a Il Maestro Michelangelo Antonioni il cui episodio è scritto malissimo. Ho avuto sempre un'impressione del regista ferrarese da Identificazione di una donna in qua: che si sia concentrato sul tema della donna (il titolo non è casuale) cogliendo particolari ma sottintendendo - purtroppo poco credibilmente - universi. E' come se intuisse ma non avesse strumenti per dire. E' come se sapesse ma non sapesse dire e questo è problematico se non è chiaro che il film è problematico (vedi di nuovo il titolo dichiarativo). Anche l'episodio del film a più film di Antonioni contiene piccole non-verità, problematicità rivestite d'intuizione. Il risultato è nichilismo e inettitudine amorosa. Nulla che ci porti più avanti o più indietro, in una zona scura in cui sviscerare il magma che non erutta. In definitiva a parte la bellezza rotonda e imperiale di Luisa Ranieri poco altro rimane per pensare qualcosa di utile o in corsa verso la necessità.
">.
 
Di Carvelli (del 05/03/2010 @ 16:33:36, in diario, linkato 608 volte)

Mobile universo di folate
di raggi, d’ore senza colore, di perenni
transiti, di sfarzo
di nubi: un attimo ed ecco mutate
splendon le forme, ondeggiàr millenni.
E l’arco della porta bassa e il gradino liso
di troppi inverni, favola sono nell’improvviso
raggiare del sole di marzo.


Lucio Piccolo 

 
Di Carvelli (del 05/03/2010 @ 08:35:39, in diario, linkato 566 volte)
 
Di Carvelli (del 04/03/2010 @ 15:07:16, in diario, linkato 602 volte)

 

 

 

Tex-Mex

 

 

 

La prima sera che sono usciti, Carlo ha portato Anna in un locale tex-mex. Una scelta curiosa, c’è da convenirne. Forse persino audace. In tutti i casi una scelta un po’ giovanile. Ma Carlo è giovane. Il problema semmai è Anna, il suo disagio, la sua completa impreparazione a una Anna che esce con un ragazzo che in definitiva pensa a lei in un certo modo. Impossibile equivocare. In ogni caso quella sera fortunatamente ha scelto una mise decisamente adatta e l’ingresso in una festa di coppiette trentenni o poco meno non la mette a disagio più di tanto.

Intanto c’è da dire che ci ha pensato un bel po’ prima di dire sì. Ha pensato ovviamente alla differenza di età e ne ha parlato anche a Carlo che con la forza ottusa e sorda della sua età è riuscita a convincerla che non ha poi tutta questa grande importanza. Che è un tema più sociale che vitale (non gli è venuta una parola migliore ma voleva dire reale). Più che convincerla bisognerebbe dire che l’ha stremata di insistenza. Insomma sono usciti: Anna ha detto un suo sì non convinto ma interlocutorio e a scadenza (“una sera tanto per vedere come va” ha detto a una sua amica, una mia amica ovvero Sara).

Quanto ci aveva impiegato a dire di sì? Vediamo: due settimane? Forse tre. Un aperitivo con amici? No, due. Carlo nell’ordine le ha proposto: concerto, cinema, cena a casa sua, cena in una pizzeria molto economica dalle parti di casa sua (anche questo un colpo basso che non va a segno). Anna deve aver pensato che la casa di Giuseppe comparisse un po’ troppo, come se fosse uno sfondo fisso delle varie proposte di uscita. Prefigurando un  possibile seguito troppo intimo? Forse sì ma non ne ha fatto un tema di riflessione troppo insistita.

Eppure Anna alla morte del marito a un certo punto ha messo in conto un ritorno a un’epoca aurea della sua vita prima di Augusto – vita tutto sommato di breve corso ma che lei ricorda significativa – fatta di storie veloci e spensierate, con un sesso rapido nell’esecuzione e nell’architettura. Un discorso che tutto sommato mette in relazione con la politica di quegli anni e per questo ora tende a dimenticarlo o a metterlo in una sezione speciale della sua esperienza di vita.

 

 

 

La prima sera, dunque, Anna è con Carlo in un locale messicano. Ai tavolini coppie giovani, comitive che non superano i trentacinque anni. Lei dovrebbe essere a disagio ma, per incoscienza – la stessa con cui ha accettato l’invito –, non  lo è. Poco prima di uscire si è guardata attentamente allo specchio a tutta figura della camera da letto e si è data una decina di anni di meno. Giusto è stato non indossare i jeans che spesso alla sua età rischiano di evidenziare una ricerca stucchevole di camuffamento. Sensato è stato non eccedere nel decolleté e nelle trasparenze. Dignitosa la ricerca di un colore, qualcosa che desse un segno di leggerezza, di disinvoltura. Turchese non è il colore di quell’anno. Forse turchese non sarà mai il colore di un anno ma forse proprio per questo non rischia di essere demodé. Il grosso lo aveva fatto: la scelta di dire sì, di accettare e basta l’invito. Una piccola carica di ottimismo e di incoscienza.

Siedono a un tavolino come tutte le altre coppie. Giovani per effetto di quella normalità. Giovani per conseguenza di quell’essere mascherati fra coppie tutte concentrate nel essere a due o nel divertimento di una cena goliardica a celebrazione di un’amicizia cementata attorno a una condivisione. Chi erano quei gruppetti? Universitari? Colleghi? Gente che si conosceva bene, in ogni caso. Familiarità traslata su un tavolo imbandito di esotismo, piatti da spiegare, commentare, riferire a viaggi fatti o da fare. Un piccolo teatro che garantiva a Carlo e, specialmente, ad Anna l’anonimato di cui aveva bisogno un’uscita per certi versi imbarazzante. O almeno questo era il suo punto di vista.

 

 

 

Si può dire che la birra messicana è per lo più imbevibile. Sto parlando dal punto di vista di Anna. “Ti sembro una da fette di limone nel collo di una bottiglia di alcol sciacquettato?” una volta le ho sentito dire e credo che non abbia mancato di ridire cose simili a un Carlo a quel punto disposto a convertirsi a un semplice capsula viola o a un corvo senza nessun imbarazzo ideologico o bisogno di congruità geografica. Eccoli che sorseggiano vino, un’etichetta molto commerciale, e poi enchiladas, burritos, quesadillas (tutta roba yankee mex), carne e peperoni per un conto che non senza fatica pagherà Carlo soprattutto affinché il tema della differenza di età non possa diventare – è una cautela di Anna – una suggestione di ruoli genitoriali. Di cosa parlino a tavola non è dato sapere. Se lo chiedessero a Carlo direbbe “di tutto” mentre Anna riassumerebbe in un bel “niente” il suo “tutto”. E deve essere il solito discorso del bicchiere mezzo pieno o vuoto a seconda del punto di osservazione.

 

 

 

Ora stanno uscendo. Al momento del conto – poco prima, come si conviene – Anna ha chiesto al cameriere dove fosse il bagno per dare la possibilità a Carlo di essere galante e/o adulto e ora Carlo è al tavolo che rimesta nel portafogli per capire se usare una carta o il contante. Sceglie la prima e attende il foglietto per lo scarabocchio della firma.

Escono dal locale con Anna sorridente e Carlo gongolante. Gentilezza contro aspettativa. La conclusione è un viaggio allegro verso casa di Anna che sembra preludere a un seguito ma questo è solo il punto di vista di Carlo. Per Anna la serata può finire così. Con un po’ di risate, cordialità e basta.

-        Che begli occhi che hai? – chi parla è Carlo.

-        Davvero pensi...?

-        Meee (simula un pulsante) risposta sbagliata. Dovresti dire “sono per sedurti meglio”...

-        Dovrei dire “per vederti meglio”, la fiaba è così.

-        Vedo che, nonostante le scuole cattoliche, Cappuccetto Rosso non fa parte della tua educazione sessuofobica...

-        No, in effetti, non ne fa parte. Perché dici sessuofobica?

-        Perché finché la leggevo da bambino mi è sembrava una storia organizzata per farci odiare gli animali, poi mi è sempre sembrata una allegoria razzista... la differenza quelle cose lì. Qualche anno fa, mentre la leggevo a un nipotino ho avuto una rivelazione e ho capito che in realtà è una storia che vuole mettere in guardia le bambine inesperte dalle aggressioni di uomini malintenzionati. Che mani grandi? Che bocca spaventosa? Mi sembrano tutte metafore di un pericolo sessuale.

Anna sorride. La macchina si ferma: sono arrivati sotto casa di lei. Anna ringrazia e dice “sono stata bene” che è una frase che forse una donna non dovrebbe mai dire a un uomo la prima sera se non è sicura che ne possa seguire una seconda e, soprattutto, se non vuole rischiare una coda finale. Meglio dire “sono stanca/ ho un gran sonno/ domani mi devo svegliare un po’ prima” frasi che non offendono. Che chiudono con cortesia. Che non mettono in discussione la serata o in dubbio una successiva.

 

 

 

“Sono stata bene” è al limite una frase che va detta fuori dalla macchina, chiudendo lo sportello. Ma Anna l’ha detta ancora in macchina e atteso un po’. Quel minimo che a una persona intraprendente come Carlo venisse alla mente e allo stesso tempo all’esecuzione di un tentativo di bacio che Anna accetta in prima. Ma poi subito interrompe sgusciando dalla macchina.

-        Grazie ma vado.

-        Spero di non aver sbagliato qualcosa… (Anna che è già fuori e ora sta socchiudendo lo sportello fa per rispondere nella fessura d’aria tra macchina e cielo).

-        No, va bene. Vado però.

Terribile, se ci pensate, l’uso di quel “però”. Non poteva farne a meno? A Carlo pesa come uno schiaffo. E deve essere anche il modo in cui è stato pronunciato. La guarda sgattaiolare nel portone e pensa “mai più, non la rivedrò mai più”. Pensa. Ma forse dovrebbe augurarsi piuttosto. Ma siamo così stupidi noi esseri umani (specie se di genere maschile e ancora in attività riproduttiva! Ovvero? Ovvero che stupidi noi maschi di tutte le età).

 

 

 

 
Di Carvelli (del 04/03/2010 @ 09:00:00, in diario, linkato 563 volte)
 
Di Carvelli (del 03/03/2010 @ 12:28:24, in diario, linkato 829 volte)

 

Ieri ho assistito alla lettura della lezione americana di Calvino dedicata alla leggerezza, la più citata e forse conosciuta. Leggeva Fabrizio Bentivoglio, introduceva Alessandro Piperno. E sono stati entrambi bravi. Interessante l’intervento di Piperno che ha ragionato su vita (e anche morte) e letteratura nei loro reciproci intrecci. A volte paradossali. E il caso di Calvino che ci lascia nell’atto d’ultimare una lezione sulla fine. A ben vedere ognuno ha la vita che si merita. E la morte, pure. A ben vedere il Caso-Calvino (e parlo qui della morte) è corrispettivo sub specie sistematicità del Caso-Balzac o del Caso-Proust. Scrivere è in definitiva uno degli atti di hubrys meno riconosciuti - o più tollerati, se preferite. Ma veder giocare con le cose del mondo, veder creare mondi agli dei non è mai piaciuto. Lo pensiamo anche da atei? Da agnostici? Possiamo confessare anche dal punto di vista delle confessioni meno deistiche che non porta bene tirare i dadi del mondo? Giocare le fish della letteratura sul tavolo della vita?

 

Sparare su Calvino è diventato negli ultimi tempi uno degli sport più in voga. In voga è il concetto anche di un Calvino disimpegnato (l’ultimo) di contro a un Calvino impegnato (vale la pena approfondire leggendo il libro di Carla Benedetti) e quindi “letterariamente” corretto. Provo a ricordare il perché della mia amicizia con gli ultimi libri di Calvino. In specie Palomar, secondariamente (molto secondariamente) Le città invisibili, più fortunate e felici (e dunque tollerate). E’ finita quella fascinazione? Forse sì. Non li ho più riletti o quasi. Eppure se oggi mi trovo sulla sponda di questo mare frastagliato e incongruo che è la mia visione della letteratura (non sono letterato di mestiere, ho scritto solo dei libri e tutto questo a ben vedere può non avere davvero a che fare con la letteratura – né con l né con L –, dedico la maggior parte del mio tempo ad altro) guardo a Calvino come a un autore che ha impiegato la sua hubrys nella ricerca della difficile ricomposizione delle antitesi scienza-natura, postumità-contemporaneità, mito-storia, passato-presente (si leggano le riflessioni sui classici oltre che le Lezioni di cui sopra). Non nella dicotomia forma-contenuto. O non particolarmente (non più di quanto riguardi chiunque si attrezzi anche ingenuamente a tentare due colonne di superenalotto della creazione letteraria o para-tale). Insomma alla giusta distanza credo che Calvino paghi una tracotanza un po’ fredda anche se interessante. Più di quanto potrebbe pagarla un Moravia maestro di efficace scrittura o immensamente di più (nel frattempo a morte di ideologia e inattualità del barocco) un D’Annunzio di troppo estetizzante scrittura. Non c’è glacialità in Calvino, non c’è formalismo, vuoto. Mi sembra che le Lezioni americane siano il degno testimone – anche nella loro incompletezza – del pensiero coerente di uno scrittore che è nato classico e quindi ha rischiato di per sé e da subito la morte. Che ha messo il camice della sperimentazione e ha quindi accolto su sè il rischio della adulterazione. Ci vogliono controprove prima che un preparato sia una medicina. Ci vogliono anni prima di dire che una moda diventi un fondamentale, un brano uno standard o anche solo un evergreen. E’ quello che spesso rischia la esaltazione o detrazione di un’epoca (sì AnniOttanta, no AnniOttanta e via così). Calvino è nato classico – e non è questo un giudizio di valore (né positivo) – in quanto ha da subito giocato su un tavolo grande e su tanti tavoli. Credo che bisogna aspettare che muoia per rivalutarlo e Calvino, purtroppo per lui, non è ancora morto. Ecco perché è lecito (e provvidenziale per l’autore) che si spari ancora sul suo corpo in caduta come nella barzelletta purtroppo giunta anche all’epica presidenziale e perciò decaduta di veridicità comica.

 
Di Carvelli (del 03/03/2010 @ 09:12:16, in diario, linkato 605 volte)

"Dipendi dalla Legge e non dalla persona,
questo dovete ricordare".

Nichiren Daishonin - Le quattordici offese (SND,5,175)"

 
 
Di Carvelli (del 02/03/2010 @ 14:36:39, in diario, linkato 623 volte)

In attesa, una premessa

“Le persone hanno per così dire un verso. Deve essere come con i capelli” così mi ha detto Sara (che è l’amica grazie alla quale so alcune cose di Giuseppe e Anna). “Le persone hanno un verso, una riga. Alle volte le persone hanno pure delle vertigini, se è per questo, e a certe teste matte succede. Capelli ispidi, frezze. Le persone hanno un verso rispetto a noi. Li prendiamo sempre per lo stesso lato e alla fine questo rivolgerci a loro in quello stesso modo crea una direzione che dopo è difficile cambiare. Ho sempre pensato a noi con le persone secondo questo piccolo teorema di cosmesi. In pratica, senza averne coscienza creiamo un verso rispetto a noi, un verso che ci sia confortevole e poco importa se è un verso che ci piaccia davvero, che vada bene per sempre. Anzi, spesso, senza averne coscienza finiamo per creare un verso sbagliato. Che poi non ci piace più e non abbiamo la forza di cambiare o di aspettare di veder cambiare. Ecco fatto, l’ho detto. Noi disegniamo un verso per gli altri che non va bene. Perché lo facciamo?” Sara mi guarda interrogativa ma non rispondo. E allora lei, come se recitasse un’ovvietà dice: “Perché è il modo più semplice”.

 

-        Ma non per forza il migliore… - dico io.

-        Non per forza no, ma il più facile. E questo è quello che conta, per tutti.

-        Per tutti? Sei sicura?

Per tutti, è sicura. Sono con Sara. In un bar del Centro. Per essere precisi: siamo seduti ai tavolini di un bar di Piazza Venezia che è una cosa abbastanza stupida da fare se sei nato a Roma. Perché siamo seduti lì con davanti aperitivi con le bandierine, club sandwich e toast con le bandierine?

Le dico: “Sembra di stare all’ONU!” e Sara ride.

-        Di qualche anno fa? – dice Sara indicando il vessillo URSS incollato a uno stecchino che mi è capitato sul mini-tramezzino: forse un fondo di magazzino o un gadget nostalgico.

Siamo seduti a un bar con un cameriere che parla un po’ tutte le lingue. Tante e tutte con un frasario ridotto. Siamo seduti in una specie di aeroporto internazionale. Comitive che stazionano in attesa di qualcosa da bere o da mangiare. Un qualcosa di non necessariamente buono. Un qualcosa che precede l’ingresso a un museo o un monumento. In attesa, loro e noi, e in attesa Carlo e Anna – che hanno consumato appena qualche aperitivo con amici nei pomeriggi che precedono la sera in cui usciranno da soli – in attesa, Anna, anche del suo incontro con Giuseppe di là da venire.

 
Ci sono 1389 persone collegate

< ottobre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








21/10/2020 @ 06:55:34
script eseguito in 629 ms