Immagine
 maria scarpe e parole... di Carvelli
 
"
E, come per la maggior parte del genere umano, fu così anche per me: scelsi il lato migliore per trovarmi poi nella condizione di non sapere come restargli fedele.

Robert Louis Stevenson
"
 
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 23/10/2008 @ 17:47:22, in diario, linkato 591 volte)
Quello che inizia e che non finisce, come prosegue? Dici che è tutto un po' lacunoso, dici. ma non potrei purtroppo fare altrimenti. Inizio e lascio tutto un po' così, aperto. Poi, se riesco aggiungo. Mai finisco. E ciò non è bello, lo so. Ma, mi domando, mi sentirei meglio a sapere che lì più nulla: nulla da aggiungere, nulla da omettere, nulla da levare, sostituire. E' che penso di no. Tutto da lì a cascata ne viene.
 
Di Carvelli (del 23/10/2008 @ 14:23:49, in diario, linkato 542 volte)
La volgarità, da dove a dove? La volgarità: una definizione? In quali ambiti, in quali campi, come varia? Esistono situazioni che spostano la soglia di accettazione? Non sarà che in casi, per quanto sporadici, possa presentarsi come il necessario ingrediente della naturalità? Non so eh... la butto lì. Mica ho termini teoretici per dire però, da un punto di vista pratico...
 
Di Carvelli (del 22/10/2008 @ 14:45:17, in diario, linkato 518 volte)
Arrivederci.
 
Di Carvelli (del 22/10/2008 @ 09:23:51, in diario, linkato 538 volte)

Mi prendono in giro. In specie una mia collega. Dicono (dice) che riesco a ottenere tutto quello che voglio dalle persone. In realtà è solo che a vedere da fuori sembra così. Ma sembra solo: mi sento di poter dire. Qualche volta anche io, forse influenzato, mi accorgo che mi succedono cose singolari. Coincidenze molto fortunate. Ieri, ad esempio, che partivo, Valentina, hostess di terra, mi accoglieva molto al di sopra delle mie possibilità, capacità e meriti. Già da subito, al banco check in (ecco forse il rimprovero: quello di entrare subito in un'empatia forte). Un po' è che era tardi eppure io non potevo rinunciare a comprare un libro (La versione di Barney - che sto ancora leggendo) cosa per cui Valentina mi aveva un po' sgridato. Beh Valentina mi rivede uscire dalla libreria e mi porta con lei dall'ingresso riservato al personale (forse cose così non andrebbero raccontate). Eppure avrei fatto in tempo a sopportare la coda sterminata degli imbarchi, in fondo in fondo. Ma la verità secondo me è solo che esistono persone gentili e mi capita d'incontrarle. Non lo so. Forse so solo che tutto quello che voglio è essere felice e che gli altri lo siano e magari un po' si sente. Tutto qui. E un po' me ne vergogno. Comunque alla domanda di che tratta La versione di Barney ora mi sento di rispondere (ieri no e domani cambierò) che tratta di uno che così e così... che devo ancora leggere un po' per capire. E che non mi va di dire cose che ancora non so e non capisco.

 
Di Carvelli (del 20/10/2008 @ 11:20:57, in diario, linkato 530 volte)
Stamattina il cielo limpido, il sole. ma come se tutto fosse grigio, oscurato. Come se il sole fosse coperto da un velo di pallore. Tolgo e metto gli occhiali da sole come per capacitarmi di questa oscurità luminosa o luminosità oscura. Boh. Qualcosa di strano sta succedendo o succederà. O forse no. Forse sono solo gli occhi che cambiano. Un modo diverso di vedere. Questo solo.
 
Di Carvelli (del 17/10/2008 @ 09:23:35, in diario, linkato 524 volte)
Intanto scrivo. Nell'attesa metto tutto nero su bianco. Scrivo e rileggo e metto da parte. Così dovrebbe essere. Tenere una dispensa di parole per l'inverno mentre è giù autunno qui e a Berlino. E nelle città da cui ci leggiamo. I letti qua su che scorrono nelle versioni estive o invernali. Qui forse piove, altrove forse pure. O no. Siamo o saremo felici. Siamo o saremo in compagnia. Siamo o saremo lontani e ripenseremo con dolcezza a questo momento che è autunno ed eravamo tutti insieme.
 
Di Carvelli (del 17/10/2008 @ 08:51:37, in diario, linkato 531 volte)
 
Di Carvelli (del 16/10/2008 @ 15:37:04, in diario, linkato 1477 volte)

La figlia piccola

Pensa a quando saremo
solo un ricordo nella sua mente adulta
e ritorneremo, un giorno tra i tanti,
come un cambiamento di luce
in una giornata nuvolosa -
ci udrà passare?
Quando guardando un piatto dei suoi
si commuoverà per aver mangiato
insieme a noi prugne dolci
seduta sulle tue ginocchia al tavolo di cucina
un pomeriggio inquieto -
che cosa le lasceremo di noi
per rassicurarla ancora una volta?

 
Di Carvelli (del 15/10/2008 @ 14:43:32, in diario, linkato 578 volte)
Non ti ci vedo. Che curiosa espressione per formalizzare i nostri limiti che usano. Non ti ci vedo. Eppure se lo racconti... Nessuno è mai un'evidenza di niente. Le cose stanno così. Eppure non a tutti è chiaro che cambiamo sempre e che non saremo mai la stessa cosa che siamo sempre stati. Posso aggiungere "per fortuna"?
 
Di Carvelli (del 14/10/2008 @ 17:26:02, in diario, linkato 634 volte)
Fantasie di allunati
Roberta Salardi

I

Chiudo le tende. Oggi resto in casa. Mi faccio far le carte da un'amica per telefono. Esce una carta brutta e lei me la rigira come può. Ma io ho capito.

Per delle ore vado su e giù come una talpa che scava i suoi cunicoli. Poi mi metto a letto. Mi tiro fin su su la coperta della pioggia e penso a un sogno che vorrei rifare.

Andavo e andavo con l'acqua a mezza gamba, ma non so verso dove né perché. Non so se mi trovassi in una palude, se fossi inseguita da qualcuno o se stessi cercando io qualcosa. Prima ero inseguita, poi cercavo… Raccoglievo delle pietrine colorate ben visibili sul fondo in trasparenza.

 

 

II

Mi alzo in piena notte e accendo il televisore. C'è un programma di storia interminabile di cui ho seguito tutte le puntate. Una volta mi capitò di parlare con il lettore dell'ultimo tg. Rimase alcuni minuti a ringraziarmi poiché ero stata l'unica ascoltatrice ad averlo seguito fino alla fine. Quasi tutti se n'erano andati all'interruzione pubblicitaria: lui vedeva tutto. "Ci tengo a essere sempre informata," pronunciai con lieve imbarazzo. Vedendo il suo sorriso, ebbi il coraggio di domandare: "Questo canale si riceve pure nell'aldilà?". Ma la mia domanda lo deluse; mi voltò le spalle senza salutare.

 

 

III

Il solito locale del nostro sabato sera. Menù fisso, gli sguardi appesi ai lampadari. Con tutta probabilità, la nostra ultima cena.

Non terminiamo. La luna cade nel piatto e resta lì. Ce ne andiamo senza distinguere la strada.

 

 

IV

Ho gli occhi rivoltati e vedo le cose che si vedono di là. Una nebbia lattiginosa, forse. O delle stelle, che son di qua e vorrei portare giù con me. Vorrei portarmi anche il libricino su cui mia madre teneva i conti della spesa. Ai margini io ci disegnavo.

 

 

V

L'ho trovata che parlava sotto il letto. Era mia moglie morta due anni fa. Mi ha detto: "Portati qualcosa per il freddo e pochi spiccioli".

 

 

VI

Una telefonata a notte fonda. Nessuno rispondeva. Mi affaccio alla finestra caso mai fosse il citofono. Nessuno per la strada. Eppure qualcuno sarà stato… Provo io a fare un numero a caso: tutti zeri. Dall'altro lato del microfono qualcuno sillaba il mio nome lentamente.
 
Ci sono 2373 persone collegate

< agosto 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020

Gli interventi pił cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie pił cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








10/08/2020 @ 04:32:15
script eseguito in 616 ms