Immagine
 Il letto di luisa-rosikella... di Carvelli
 
"
Quand'ero giovane, avevo ali instancabili,/ ma non conoscevo le montagne./ Quando fui vecchio, conobbi le montagne/ ma le ali stanche non tenevano più dietro alla visione./ Il genio è saggezza e gioventù.

Edgar Lee Masters
"
 
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 14/03/2008 @ 14:55:37, in diario, linkato 555 volte)
Un film, almeno quando va nel circuito delle sale dovrebbe portare la data di scadenza. Si eviterebbe  di perdere dei capolavori che si presentano difficili (o che possono manifestare delle barriere...come la lingua originale e i sottotioli, la lentezza del montaggio e cose così). E' forse il caso di questo film di un regista sardo che seguo già dal suo precedente BALLO A TRE PASSI (che ho già visto tre volte e forse parlandone qui). Questo è gran cinema (ancora più bello del precedente e forse pure di molto...a parte l'episodio perfetto dei bambini e del mare del Ballo) come non ci si aspetta da un regista italiano, dalla cinematografia italiana. Nessun retrogusto (come invece accade di sentire in bocca dopo la visione di quei tre o quattro presunti neogeni della camera, che a ragione meritano di essere guiardati come tali anche se mi sembra che tutti al secondo film abbiano ceduto alla maniera). Qui è tutto nitore, pulizia. Tutto necessità, tutto storia e tutto fotografia. Immagine, ricostruzione. Poco artificio se non quello che stupisce per Natura (cose che fanno pensare ai veri Fratelli Taviani ma il paragone è telefonato, piuttosto è da scomodarsi la grande filmografia russa del muto). Da correre a vederlo anche nel timore che soggiaccia all'amara regola del box office - poco ma subito - e che lasci presto il posto ai necessari ooooohhhhhhhh della cassetta.Locandina Sonetàula
 
Di Carvelli (del 13/03/2008 @ 12:34:20, in diario, linkato 648 volte)
"Molte cose trovano il tempo ma il tempo non trova molte cose". Deve aver detto una frase come questa o proprio questa. Il senso in tutti i casi era questo. Ma io ero lontano e non sentivo perfettamente e non si può andare da qualcuno a chiedere cosa ha detto specie se è al cellulare e non ha l'aria proprio di chi aspetta te per fare conversazione. Ma la frase era bella, lei pure...così me la sono segnata, così come mi suonava perché ho pensato che presto avrei dimenticato quella faccia e prima anche quella frase. Se ci fosse una categoria sarebbe? Aforismi? Filosofia? O solo "farsi i fatti degli altri"?
 
Di Carvelli (del 13/03/2008 @ 10:24:03, in diario, linkato 786 volte)

Observer Sport magazine

Questa foto (qui la vedete dimezzata) era ieri sul Corriere della Sera ma questa è la matrice. Da qui vine, da questa copertina. La foto fa il verso a un'analoga di Lance Armstrong che non metto e me ne scuso con lettrici interessate. Metto questa e mi spiace non nella versione totale e mi spiace per questioni anatomiche (anche se non ci crederete). Mi spiego. La bellezza di questa foto è determinata dal curriculum della suddetta Pendleton. E il suo corpo - la perfetta combinazione di tessuti muscolari ecc - è il suo curriculum. Questo mi piace. Anche se so che molte colleghe della su rappresentata avranno stesso CV anatomico e palmares minore. Perché quello che non si fotografa (qui e altrove) è quello che c'è dentro. Eppure, qui come altrove, sembra di vedere qualcosa che non si vede ad occhio nudo (mi scuso per l'aggettivo coincidente). E dunque? E dunque questa sembra la foto di un meccanismo perfetto di mezzo (il corpo e la sua propaggine balistica in forma ciclistica) e intenzione. O sarà un'impressione?

 
Di Carvelli (del 13/03/2008 @ 10:05:43, in diario, linkato 5130 volte)

Stamattina ho letto un racconto di Kafka. Il titolo è Un digiunatore (nella mia edizione) ma scopro che l'originale tedesco è Un artista della fame. Non so il tedesco ma per chi lo sa: Ein Hungerkünstler (fatevi aiutare a pronunciarlo, farò altrettanto). Ah questa mania del "cambio di titolo"! Ho letto questo racconto dopo colazione, a stomaco pieno, ma non ho sentito i morsi della fame. Sarà perché Kafka scrive tutto dentro e quel fuori che mai manca (non è scrittore di sensazioni Kafka) è una specie di correlativo oggettivo. Ho letto e ho pensato a quella sgradevole opportunità che è la nostra vita quando viene vissuta come esplicitazione di un'abilità - vogliamo dire "inutile" in questo caso? - non riconosciuta se non nel breve di un tempo che poi svapora. Ah quanto ci sarebbe da dire! Quindi l'ho letto come un racconto sulla transitorietà delle mode? Non tanto: più come un racconto sulla facile dimenticanza dei tempi, sul declinare delle attenzioni (fin quando si diventa, un inciampo che separa dalle stalle il pubblico pronto ad osannare le belve in gabbia). A vederla con un po' di serenità: ha senso forzare la naturalezza, costringere (per quanto il digiunatore in  ultimo ci riveli una scarsa attitudine al gusto appropriato per lui del cibo) le proprie capacità allo sguardo secondo di un ammiratore (chiamasi amore, chiamasi considerazione lavorativa, approvazione censoria)? Forse no. Però. Ho pensato a Boris Pahor (che pure sta conoscendo in vita la giusta considerazione) e, ancor più anche se non lo conosco, a Carlo Coccioli di cui ultimamente sento parlare e parlo. Eppure alla fine mi trovo a pensare sempre e solo alla morte. Ma non come a una cosa un po' triste, tipo i calzini bucati, i maltagliati che si sono ammuffiti, la maniglia che non chiude più (reali correalativi oggettivi di un mio presente). Come una cosa che completa tutte quelle che capisco e vedo.

 
Di Carvelli (del 12/03/2008 @ 16:11:49, in diario, linkato 779 volte)
Quanto dura il risveglio? La risposta è: cinque minuti per spegnere la sveglia, trenta per realizzare che è ora di scendere. Altri dieci per scendere dal letto. Altri venti per decidere di uscire dal bagno (o entrarci). Altri dieci per mettere su il caffè. Altri dieci per decidere se prendere altro oltre ai biscotti. Altri dieci per fumare un sigaro. Altri cinque ancora il bagno. Altri trenta per decidere come vestirsi (e poi vestirsi e poi vedere se va bene). Altri due che ti ricordi una cosa, due un'altra, due una terza. Cinque il cappotto, cinque la sciarpa. Cinque più cinque lo zainetto...Quanto fa?
 
Di Carvelli (del 11/03/2008 @ 14:40:33, in diario, linkato 1523 volte)

Leggo questa poesia di Ceccardo Roccatagliata Ceccardi, un poeta tra Ottocento e Novecento di aerea lunigiana...ingiustamente dimenticato. Di lui come di Sinisgalli (di cui ora apprendo si sta rimettendo mani al vuoto di questi trascorsi anni bui) si parla sempre meno. Ecco dei suoi versi.

Quando ci rivedremo
il tempo avrà nevicato
sul nostro capo, o amore:
avremo quasi passato
il mare, e sarà il cuore
più sincero e pacato.
 

 
Di Carvelli (del 11/03/2008 @ 09:45:01, in diario, linkato 659 volte)
Siamo stipati come sardine in un cargo bianco, un enorme parallelepipedo a croce di cemento e vetri. Il cemento è bianco. I vetri si aprono a compasso ma poco, come deflettori. L'aria rimane per l'intero giorno la stessa. Ci aggiungono alito di cipolla, microbi e febbri i colleghi. Questa è la condizione - un tempo avrei detto "giovanile" ora non più. Questa è la condizione: difendersi dall'inquinamento con accurate ma rare fughe all'esterno. Questa è la condizione lavorativa. A sera un ottundimento pieno di spossatezza. Il cervello è fermo, il corpo è vinto. Siamo la quintessenza di una tortura sobria e ben pagata. Ne verremo fuori tardi e male. Deve essere questo che chiamano "pensione anticipata". Au jour d'ui.
 
Di Carvelli (del 10/03/2008 @ 18:00:49, in diario, linkato 645 volte)

Di Alina Marazzi avevo visto e apprezzato il precedente film-documentario (una ricognizione sentimentale in un dolore alleggerito da un amore saggio per comprensione del senso della vita e necessità di dialogo a distanza, di pace virtuale), con in più la felice scoperta di una particolare coincidenza musicale che qui non dico. Una coincidenza che mi aveva sorpreso e mi aveva reso tutto molto famigliare. Venerdì sera in una sala romana ondeggiante di gialle mimose e post manifestazioni, ho visto VOGLIAMO ANCHE LE ROSE e la sorpresa è stata doppia. Uno perché è un film intelligente (senza per questo rischiare di apparire furbo) e utile (che uno di questa storia ne sa sempre meno di quello che merita, specie nel nostro Paese) ma (seconda sorpresa) perché è un film freddo. Qualcuno ha riso durante (troppo forte la tentazione del fuorimoda), dovrei dire "qualcuno ha riso distante", qualcuno si sarà pure indignato ma poi alla parola FINE (c'era la parola FINE?...c'è la parola FINE nel genere in parola?) è piombato un gelo. Un ghiaccio spesso da cui tutti siamo usciti muti. Neppure ci ha emozionato il timing di questa truce storia della condizione femminile. E via: ognuno per la sua strada. Eravamo intirizziti davvero. E lì a chiedersi: è giusto? E' effetto voluto? Fa un buon servizio non suggerire emozione...in questo caso, almeno? Cercare una facile soluzione ad effetto a questo male non necessario è un segno di giusta distanza? Sono domande a cui ancora non rispondo. Ma mi fa pensare come a una mano che uno/a pur di gradevole aspetto e modi gentili ti porge molla e ghiacciata...poverocristo che colpa ce n'ha se c'ha quella circolazione lì...eppure. Ci penso un altro po'.

 
Di Carvelli (del 10/03/2008 @ 10:23:40, in diario, linkato 619 volte)

Scrivo per una dispensa

Scrivo di me. Scrivo per me.
Scrivo di te. Scrivo con me.
"Scrivi di me?". Scrivo con te.
Scrivo.
Anche oggi ripeto la tabellina dell'uno.
Non c'è la tabellina dell'uno!, dici.
Forse no.
O forse è come quella del due, meno uno.
In tutti i casi scrivo, dall'alba al tramonto e ancora.
Senza penna e senza tastiera.
Registro immagini e parole che ora non so dove metto.
Le lascio tutte lì, in quella dispensa da cui domani farò arrivare
un piatto caldo o freddo sulla tavola a cui mi nutro.
Stanno lì per ora.
Niente di riconoscibile, certo.
Stanno lì come una sicurezza per i giorni di magra.
Per i giorni di magro,
che io ci creda o no ai giorni di magro,
che io l'osservi o no questa dieta dello spirito.
Delle parole.
Scrivo.
Per una dispensa.

 
Di Carvelli (del 07/03/2008 @ 15:23:09, in diario, linkato 818 volte)
Mi sono sentito quasi imporre di ripensare alle parole. Quanto sono diverse quelle che stanno in questo rettangolo da quelle che stanno nelle pagine dei libri, dei libri pubblicati. Quanto mi rappresentano quelle e quanto queste. E' la stessa la mano? "Il medium è il messaggio"? O - come ho visto scritto in un libro di una classe che andavo ad esaminare come membro esterno di commissione di maturità - "il medium è il massaggio" (GIURO!)?
 
Ci sono 1169 persone collegate

< agosto 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020

Gli interventi pił cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie pił cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








08/08/2020 @ 19:59:12
script eseguito in 684 ms