Immagine
 letto di nicola a toro... di Carvelli
 
"
Proverò a riscrivere tutta la vita non dico lo stesso libro, ma la stessa pagina, scavando come un tarlo scava una zampa di tavolino.

Luciano Bianciardi
"
 
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 13/12/2007 @ 14:31:15, in diario, linkato 1108 volte)

1 Il tipo "mia moglie non mi capisce"
2 Quello che la piscina me la sono ricavata a fatica
3 Genere "nella vita ho sempre perso e ora mi sono stufato"
4 Sottogenere "mi sono stufato e ora vi faccio vedere quello che combino"
5 Chi deve rimediare agli sfraceli del precedente
6 Quelli che ce l'hanno con il tipo 4
7 Noi e voi che di tutto questo proprio non ce ne frega niente. Ho aggiunto "proprio" come rafforzativo.

 
Di Carvelli (del 12/12/2007 @ 14:28:11, in diario, linkato 7746 volte)

Tutto sembra complicato e semplice come in questa poesia di Alberto Calligaris (La sega è un attimo) che trovate in questo libro: Poesie d'amore per donne ubriache (Coniglio). Tutto sembra destinato a cambiare e non sempre, sembra, in meglio. Un inno ai percorsi brevi e infruttuosi ma alla fine è l'ambizione il tema e la soluzione che la precede. In breve. Come nelle caselle di un cruciverba.


A trentun'anni
avrei già dovuto conquistare la Persia
avessi avuto un maestro come Aristotele
adesso non pulirei ruote di seggiolini per vivere
il trucco è tutto lì
qualcuno che ti dica che se vuoi
puoi conquistare la Persia
invece con i 6 presi
riesci a pagare il mutuo
andare al mare in vacanza e portare a spasso il cane
che è abbastanza
ma qualcun altro conquisterà la Persia
e tu lo leggerai sul giornale
e poi metterai il giornale in una borsa
e aspetterai che sia piena
per portarla alla raccolta differenziata
e sembrerà tutto normale - invece è la tua vita che continua
con le minestre solubili il dentista e l'affitto
e ogni notte prima di addormentarti
senti come se avessi dimenticato di fare qualcosa
e ti alzi a controllare il gas
e per un istante ti viene in mente che forse avresti dovuto
conquistare la Persia
ma ti vengono in mente tutte le cassiere del supermercato
che scopano tra di loro
e per la Persia ti ci vogliono ragionevolmente almeno una decina
d'anni
la sega è un attimo.

 
Di Carvelli (del 12/12/2007 @ 12:03:06, in diario, linkato 1238 volte)
E' ovvio che non si può dire "pluralizzare". Eppure...se si potesse...questa mattina lo direi. In riferimento a quelle parole che sento planare da una parete finta. Quei mari, quei tramonti, quelle spiagge, quei... Persino "le puglie" (antico retaggio di cartine d'antan) si moltiplicano. E continua: quei vestiti, quelle lane... Ogni cosa si pluralizza sotto la specola del ricordo. Oggi Ottanta o Novanta e tutto le appare migliore nel ricordo. E allora pluralizza per eccesso. E scopro pure che esiste la parola "pluralizzare". Dunque non ci sarà nulla di male a moltiplicare il numero. Lo prevede persino il dizionario.
 
Di Carvelli (del 11/12/2007 @ 18:14:12, in diario, linkato 1194 volte)

"Lettore mio, che non hai nulla di meglio da fare, senza che io te lo giuri puoi credermi che questo libro, come figlio dell'intelletto, avrei voluto che fosse il più bello, il più robusto e il più intelligente che si potesse immaginare. Ma non mi è stato possibile contravvenire all'ordine della natura, nella quale ogni cosa genera il suo simile."

Dunque...Cervantes

 
Uno
Di Carvelli (del 11/12/2007 @ 17:03:29, in diario, linkato 718 volte)
Uno di cui mi dice che è stato male, che era quaranta chili meno (quaranta, sottolinea facendo ta-ra-ta-ta), che adesso sta meglio ma che se l'è vista brutta. Uno che lo prendevano in giro, che gli dicevano non vali niente, che voleva fare l'attore ma la timidessa se lo mangiava. Uno che ci parla come in un acquario che in effetti il vagone della metro ci somiglia a un acquario. Uno così scende a Termini. Noi no.
 
Di Carvelli (del 10/12/2007 @ 14:36:21, in diario, linkato 774 volte)

Fanno come le persone i libri. Capisci che magari ti rimarranno vicini negli anni, per anni. Ti separerai da loro come da una persona ma ti ricorderai di quella copertina, del luogo in cui l'hai comprato, di tutte le occasioni che lo hanno anticipato, preceduto. Ti sembrerà un grande fiocco che hai srotolato nel tempo. Con gesti piccoli: timidi, accorti o imbarazzati. Penso a tutto questo mentre ho nelle mani il libro di Annalisa Manstretta "La dolce manodopera" (Moretti&Vitali). Mi chiedo se ricorderò tutti gli anticipi di questo gesto. Se dalla mia vita sparirà questa voce e - se nulla sparisce - in quale zona si anniderà. Penso ai sogni che faccio e che sono tanti e che sono lì e che me li ricordo sempre di più. A questi giorni. E all'altra mattina che ho finito di portare al pascolo le mucche facendo scender loro un pendìo ripidissimo, un fiume che guadavano e io che dall'alto della montagna facevo un gesto solo ed era tutto lì. In quell'intenzione, il mio essere capomandria. E dopo mi sono svegliato e non ero stanco. (Fin qui io. Da qui la Manstretta).

La gente contadina ama le cose familiari
fa piani a  lungo termine
non segue i sentieri polverosi dei nomadi
pensa per generazioni.
Tu sei stato lontano
in un'altra lingua per anni
e voli via con l'aeroplano
mentre sto seduta a leggere in cucina.
Sorridi, però, e negli occhi
si vedono rimesse accoglienti
per attrezzi e bestiame.

 
Di Carvelli (del 07/12/2007 @ 10:42:27, in diario, linkato 789 volte)

La recensione del libro di Yasmina Reza (L'alba la sera o la notte - Bompiani) su Sarkozy uscita il 5/12/2007 su l'Adige.

Sarkozy dietro le quinte
di ROBERTO CARVELLI
Quali che siano la nostra percezione e la nostra convinzione le ultime elezioni politiche francesi hanno dato l'idea di un paese in rinnovamento. Era vero o lo sarà? È presto per parlare ma, di certo, il tema dello scontro non è apparso quello tra due vecchiezze che si somigliano ma tra due visioni dell'operare politico. Alla maggior parte dei commentatori italiani bipartisan è sembrato già qualcosa. E curiosità la richiedeva il tenore dei personaggi: a loro modo due supereroi della vita famigliare - così si presentavano salvo scoprirsi appena all'indomani del voto entrambi in irrimediabile crisi coniugale. Siamo entrati così nel vivo della recensione del libro di Yasmina Reza, notissima e rappresentatissima (non solo Oltralpe) drammaturga francese (di origini iraniane) da noi conosciuta soprattutto per la narrativa. In «L'alba la sera o la notte» (Bompiani, 15 euro), vòlto in francese dal traduttore, editor, scrittore Sergio Claudio Perroni, la scrittrice racconta il dietro le quinte del personaggio-persona Nicolas Sarkozy. E di confidenze ce ne sono state diverse se la Reza ha potuto pedinare lo statista nei giorni prima delle elezioni cogliendo vizi e debolezze ma pure pregi. Se il libro dovesse essere qualcosa di commestibile l'idea sarebbe uno di quei formaggi molto fermentati che fanno i buchi dove «buchi» non sta a dire mancanze. Tutt'altro.

La Reza lascia spesso il lettore su una riflessione. La fa quasi precipitare nel racconto con significatività. Una frase, pausa, si passa a un'altra giornata del tour de France del pretendente all'Eliseo. Questo approccio ulteriore rende il libro non un noioso diario di viaggio né un instant book pre-elettorale ma un libro in sé. Non ci è dato sapere se c'è un calcolo o una "marchetta" dietro a cotanta risonanza ma se ci fosse stato dolo la Reza ne uscirebbe innocente o con molte attenuanti. Questo non è un libro che scade, fogli in attesa del macero o del cassonetto ma un romanzo che entra a buon titolo nella produzione di uno scrittore arricchendola. Il tema politico è spesso declinato in Francia con una naturalezza né imbarazzata né sottomessa e mi viene da pensare a due recenti film - francesi almeno per ambientazione e produzione - quelli di Guediguian dedicato alla fine di Mitterand, «Le passeggiate al Campo di Marte», e quello surreale e iconoclasta del georgiano Iosseliani, «Giardini in autunno». Dopo averli visti mi sono domandato chi in Italia avrebbe potuto osare tanto e con tanta classe (anche deviando dal proprio percorso filmico). Altrimenti me lo sono ripetuto pensando all'eventuale giornalista o scrittore al seguito di nostri sfidanti dell'agone scorso. Ma con ulteriori perplessità. Il Sarkozy pensiero è rappresentato a volte sul filo della cronaca a volte nella contraddittorietà dell'analisi. Come appare l'uomo politico? Un decisionista, un coraggioso, un egoista allenatissimo, un calcolatore ma pure un leale. Spesso uno che «non smette mai di agitare la vita» forse nel terrore dell'horror vacui. A volte si coglie lo spirito del bambino, altre la freddezza dell'uomo. Il mito di sé: «So essere solitario nelle decisioni». Il calcolo: «Sarei tentato di aprire un pochettino sull'eutanasia». Ma il tema più sollecitato rimane il coraggio. Ancora Sarko, napoleonicamente (i vignettisti francesi devono aver avuto un «destro» facile): «La mia non è una battaglia politica, la mia è una battaglia ideologica». La Reza non sta in disparte. Chiosa («Essere il favorito, che disincanto per un amante delle avversità»), critica e cita «L'attaccamento non è altro che insufficienza di senso della realtà» (dalla Weil). Poi chiude benissimo con metafora, rivelando la sanità, in questo caso almeno, della laicità e del distacco.

 
Di Carvelli (del 05/12/2007 @ 14:42:45, in diario, linkato 791 volte)
 
Di Carvelli (del 05/12/2007 @ 12:01:58, in diario, linkato 714 volte)
E altre altre cose...Di cui si è parlato. Celan e l'uso del trattino che interrompe il discorso (anche in Caos calmo), dei tonnarelli alle melanzane con ricotta salata. Cose di cui avrei voluto che si parlasse: dei babbonatale animati che sembrano afflitti da un'emiparesi temporanea e spaventano i bambini, della durata di uno spazzolino da denti. Cose di cui si sarebbe potuto parlare: delle parole "soluzione salina" e tutte le altre con -lina: alcalina, aspirina, piccolina, salitina, maghrebina. Una serata è sempre troppo breve. L'amicizia dovrebbe essere fatta di silenzi e anni. Paravidino (è un autore di teatro): una parola che in questi giorni mi risuona nella mente continuamente. E certo dipende dalla visione di Peanuts (da vedere!). Ma è la parola che funziona. Dannatamente. Paravidino. Provo ad immaginare un significato, così, per provare ad aggiungerla al vocabolario. Sarebbe un aggettivo? Non so dire.
 
Di Carvelli (del 04/12/2007 @ 14:39:19, in diario, linkato 666 volte)

C'è un film delizioso. Se nelle vostre città lo proiettano non perdete tempo e andate. Se lo fanno in una città vicina rompete il porcellino e raggiungete il fortunato cinema. Il film si intitola Meduse e ne potremmo parlare un bel po'. Potremmo esercitarci a vedere le cose come quando bambini si annotava su un taccuino il passaggio di animali e altri eventi naturali. Qui ci sono dei personaggi: alcuni forse non sono persone ma personaggi; altri sono funzioni. Vedere Meduse mi ha fatto un po' questo effetto: l'effetto di una caccia ai particolari, scie che illuminino passaggi infinitesimal, movimenti e piccoli scarti del muscolo del cuore. E' raro vedere bellezza filmica e narrativa tardo-adolescenziale. Le pellicole, in genere, prediligono la fascia dei consumi (la tv ci si inebria addirittura), i trentenni o i bambini. Ma anche quella dei tradoadolescenti potrebbe esserlo anche se in maniera critica e perciò...avrei molto da dire su questo sogno ad occhi aperti che si chiama Meduse ma mi fermo un attimo.

Altre cose...(oltre al film di Keret e Geffen). Sto leggendo Caos Calmo (Veronesi), Non c'è più tempo (Carraro). Ho letto con piacere L'amorosa inchiesta (di La Capria) e Cuore di Mamma (Rosa Matteucci). Ho aspettato un po' per farlo per contiguità di scrittura. Ho aspettato di mettere la parola FINE o QUASI FINE. Ogni tanto la distanza serve. Per rigore, per decoro non è male fare un passo indietro. Per onore bisognerebbe marciare. Interessante la voce polimorfa della Matteucci, fuori registro in senso buono e di notevole capacità trasfigurativa. Bellissima la lettera, prima, alla prima fidanzatina nel libro di La Capria. Mi prendo pausa. Mi affascino con Heimat (ho finito di vedere il primo ciclo e mai avrei pensato tale e tanta semplice bellezza in un film a puntate. Un film pieno di rigore, poesia e anche qualche svarione - in senso solo di campio di registro improvviso - sarcastico che ne aumenta il coefficiente di verità (poesia di poesia troppo sarebbe)...basta che è una parentesi già questa!). Ho letto le Epistole di Orazio. Avoledo (Tre sono le cose misteriose). Molte altre pagine e molti altri film. Ho rivisto Betty Blue di Beineix e mi sono un po' intristito: dove c'era abbandono e senso ora c'è privazione e catastrofe (ricordiamo selettivamente). Altre cose, anche. Altri libri e altri film (mi rendo conto che non faccio mai in tempo a tenere nel blog il diario delle letture e delle visioni).

 
Ci sono 982 persone collegate

< novembre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








25/11/2020 @ 09:03:29
script eseguito in 588 ms