Immagine
 Il letto di Reykjavìk (altro)... di Carvelli
 
"
Ne avevo viste troppe io di cose non chiare per essere contento. Ne sapevo troppo e non ne sapevo abbastanza.

Louis-Ferdinand Céline
"
 
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 14/08/2007 @ 21:48:40, in diario, linkato 655 volte)
E' il problema coi Rom. Non dei Rom. Basta che vedi le statistiche: siamo 14esimi per numeri di presenze e siamo dietro nazioni prestigiose e progredite quanto e più di noi. E allora? Perché nessuno parla di cartina al tornsole? Di Rom come esemplificazione di disagi più vari? Le domande: funziona la giustizia? Funziona il carcere? Funziona l'amministrazione? E le tasse: colpiscono con equità? Ecco il problema dei Rom serve come altri a vedere il problema dell'Italia con l'Italia, degli italiani con gli italiani. Ma questo nessuno ce lo può o deve dire. Dobbiamo pensare che c'è l'emergenza roma, come l'emergenza accoltellatori di fidanzate o tossici e ubriachi alla guida. Ecco fatto: ci sentiamo più sereni.
 
Di Carvelli (del 13/08/2007 @ 15:11:25, in diario, linkato 644 volte)
Spendo due - una o due - parole per consigliare un film che mi è piaciuto molto. Mi avevano consigliato Acqua salata: l'ho visto e mi è piaciuto (andavano tagliati gli ultimi due o tre minuti secondo me). Mi ha sorpreso UNO SU DUE di Cappuccio. Un film bellissimo, con dei suo personalismi che lo rendono unico. Uno dei pregi è questa via personale, i ritmi tutti suoi, lenti a scelta sua, disarginati. Il fatto che sia un film su malattia e ospedali (non è un anno buono questo per me) non mi accascia ma al contrario mi galvanizza con poco, m conforta anche nel dolore. Lo consiglio vivamente per quanto è raro uscirsene così contenti da un film italiano.
 
Di Carvelli (del 12/08/2007 @ 15:18:41, in diario, linkato 646 volte)
Fa male leggere un'intervista di Vittorio Messori per esempio. Su LA STAMPA di ieri (la cerco per lincarla ma non la trovo). Fa male non leggere repliche. Perché se è vero come cantava ieri il TG1 che imperversano le bufale agostane è vero che pure fa un gran caldo e la testa ne risente. All'ombra persino delle case e dei pensieri. Fa male non leggere smentite, né ritrattazioni, né polemiche. Forse perché è agosto e "cose serie non vi conosco" ma quando si legge tanto male per tanto male verrebbe proprio voglia di avere i numeri di telefono e chiamare. Che hai scritto? Ma davvero la pensi così? Sei stato frainteso - tiprego dimmi di sì? E allora? Meglio una sana bufala. Meglio che vola un UFO che una cazzata. Perché gli UFO finora non hanno fatto male a nessuno. Le cazzate sì. Purtroppo. Scusate se ho usato la parola "UFO" ma quando ci vuò ci vuò.
 
Fa bene, sì che fa bene. Leggo Repubblica anche per seguire le avventure di Paolo Rumiz che se anche non funzionano come negli anni precedenti (troppo imprigionate in un plot ingessato che già dopo qualche puntata tradisce "stanca") sono sempre una gran scuola di scrittura guitta e di sorprese. Ma fa bene leggere il gionale e sulla scorta di un articolo di Piero Citati andarsi a leggere quel supremo e bellissimo racconto di Truman Capote dal titolo Un ricordo di Natale. La storia di un'amicizia scostata di anni - mai letto un racconto così bello sul tema dell'amicizia con differenza d'età (mi vien alla mente spesso Murakami che predilige questi salti) - una storia scoppiettante e folle di tenerezza. Qualcosa che poi alla fine ti esplode contro come un'onda calda dopo troppe stagioni di freddo interiore ed esteriore. In definitiva una specie di balsamo e la prova che il mondo visto dai bambini è più mondo del mondo visto dagli adulti. Se gli adulti lo vedono il mondo, tante volte pare pure di no. Insomma tornare bambini si deve e Truman Capote è stato il complice migliore che si potesse trovare in una giornata cosìe  per lui Citati. C'è sempre tanto da fare coi libri. Nei libri, meglio. Tanto, davvero. Bisogna ricordarsene ogni tanto noi che coi libri ci facciamo troppo. Un troppo che spesso non serve. Uso improprio di libri: esisterà un crimine siffatto?
 
Ora
Di Carvelli (del 07/08/2007 @ 16:28:00, in diario, linkato 588 volte)
Ora che Roma ha più bisogno di compagnia sono qui a preservare questa pace, a sovvertire i tempi di percorrenza, a contare quello che non si potrebbe (per fretta, foga e clacson). Sono per essere. Nessun caso (sì forse uno sì ma a ricordare che il caso non esiste o non è di solo caso la sua composizione). Sto qui per bene. Con tutte le scarpe e le ruote della moto. Un piccolo istinto di protezione, il senso di responsabilità di non lasciare sola la città come se fosse un cane o un gatto. Agosto.
 
Di Carvelli (del 04/08/2007 @ 14:55:33, in diario, linkato 607 volte)
Se c'è una sciagura (nel mondo) scrivono e parlano di "disastro" ma se c'è un italiano, anche lo straccio di un cognome che suona italiano, si iniziano a rincorrere furiose le notizie. Salvo poi scoprire che non viveva in Italia da anni e che in pratica era naturalizzato qualche altro paese. Se c'è un disastro non è mai veramente disastro se non ci sono italiani, un paese in cui inviare un inviato a chiedere quanto erano bravi, che spirito patriottico!, che senso civico!, che dedizione agli altri! e che fede! Se muore oh mioddio dei giornalisti fa che sia italiano e che sia una brava persona. Non un delinquente, non un buonannulla, uno scansafatiche, un ubriacone, o una donnaccia. Ti prego dio dei giornalisti. Ah scusa, se è possibile me lo fai nascere in un paese del sud, uno di quelli tuttapovertà e la dura legge della sopravvivenza? E poi me lo iscrivi ad un'associazione ambientalista? Un'ultima cosa puoi fargli un papà spigliato e che piange e una mamma che grida? Basta così. Grazie.
 
Di Carvelli (del 03/08/2007 @ 09:40:40, in diario, linkato 625 volte)
Esco e tu sei lì. Mi dai le spalle. Mi senti ma non ti giri. Ti cammino dietro, faccio rumore e non ti muovi. Esco e tu sei lì. Nella tua massa di pelo grigio, nel tuo passo incerto che poi saprò essere il passo della fine. E così la tua fine è questa. Come la fine di tanti. Sulla soglia di una guerra che hai combattuto da solo. Un soldato semplice della guerra alle tagliole, alle trappole, alle colle, ai veleni. Ci separiamo così - tu che scendi a fatica sotto il marciapiede e io che chiudo il cancello e me ne vado - e chissà se avrà avuto un senso essersi conosciuti, guardati negli occhi. Questa mattina (la mattina della tua fine) e poi mai più.
 
Di Carvelli (del 02/08/2007 @ 14:10:20, in diario, linkato 668 volte)
Devo avvicinarmi? Sì ma non troppo ...Perché? Perché da vicino gli oggetti risultano meno visibili. Ma sono più visibili i particolari. Sì ma è l'insieme che conta. Quindi per te i particolari non contano. Non l'ho detto....Ho capito che non ti va di parlare
 
Di Carvelli (del 02/08/2007 @ 09:30:48, in diario, linkato 720 volte)
"Non cado e se cado mi rialzo". Devi pensare così. Ma come faccio a dirtelo? Come ti fai convincere? Spiegami. Dammi una strada. Prova solo a dirlo. Non è che ti voglio far fare la figura dello scemo - solo davanti allo specchio a dirti delle cose incoraggianti. Non lo fare, allora. Dittelo a mente. Cerca di pensarlo. Forse non servirà neanche questo ma che hai da perdere?
 
Di Carvelli (del 01/08/2007 @ 09:31:53, in diario, linkato 687 volte)
Sportivo era la frase con cui Capannelle (al secolo Carlo Pisacane, l'attore) definiva il suo abbigliamento: pantaloni alla zuava e (mi sembra) camicia a scacchi. Altri tempi. Oggi (oggi che scrivoe  in generale) può accadere di incontrare persone di una certa età (dai settanta in sù) che deposte giacche e cravatte di prammatica (in tutte le classi sociali una volta) preferiscono indossare magliette di squadre di calcio. Mi fa ancora un po' di effetto. E l'effetto è un misto di palio dei buffi e rimediatezza (si dirà?!). Mai penso "sportivo" con quell'accento emiliano che a Capannelle inventò addosso Monicelli.
 
Ci sono 1447 persone collegate

< ottobre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








01/10/2020 @ 17:01:47
script eseguito in 645 ms