Immagine
 Il letto grattacielo a Tokyo... di Carvelli
 
"
L'amore è come l'alcool, più sei impotente e sbronzo e più ti credi forte e scaltro, e sicuro dei tuoi diritti.

Louis-Ferdinand Céline
"
 
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 13/09/2005 @ 09:13:24, in diario, linkato 743 volte)
Il segreto è passare inosservati. Si può fare nulla, si può perdere tempo, cincischiare, svilirsi di attesa e di parole crociate. L'importante è che nessuno lo noti. Tante volte la questione è delicata e l'inutilità è più segreta e va bene uguale ma bisogna mascherarla ancora di più. Fare una cosa inutile senza farsene accorgere sembra un romanzo russo ottocentesco. Di certo è un modo per vivere sereni e senza contraccolpi e, soprattutto, senza tempo.  
 
Di Carvelli (del 12/09/2005 @ 09:24:12, in diario, linkato 690 volte)
Sono andati di moda maglioni lunghi da donna di maglia con cucite figure di paesaggio (tipo montano) o pupazzi un po' da cartone animato. Chissà se esiste in questo momento un luogo al mondo dove sono di moda. Di certo qualcuno di scorcio al mio motorino, stamane, lo indossava. Sarà una di quelle cose che si reggono solo sul "mi piace" o c'è una convinzione dietro. Se c'è deve essere un sentimento un po' infantile e lucido, perbene, multicolore.
 
Di Carvelli (del 12/09/2005 @ 09:21:53, in diario, linkato 861 volte)


Da “Gemellae” n. 40   settembre/ottobre 2005

 


"LETTI" di Roberto Carvelli , Voland 2004

È possibile raccontare la propria vita attraverso i letti in cui si è dormito? Probabilmente sì. In cento minuscole sequenze narrative, Roberto Carvelli srotola il poema di un'esistenza, una sorta di autobiografia "sdraiata", che utilizza come prospettiva di percorso quella del dormire, dell'orizzontalità. Il letto, inteso come stereotipo, qui si tramuta in lieve metafora del vivere: l'impronta lasciata in quegli alloggi, occasionali o meno, è il leit motiv di questo libro - bonsai nella forma, ma enorme nei contenuti -, il filo rosso che coinvolge il lettore in un gioco di rimandi alla memoria, analogo per evocazione al "Je me souviens" del francese George Perec.
E i giacigli diventano piccole isole di appartenenza: la culla dell'infanzia, il lettone grande dei genitori, il letto indipendente della pubertà, il primo fuori di casa, quello dell'amore, e poi i ripari improvvisati, i letti degli altri, i soppalchi, le brandine sgangherate, le poltrone dell'insonnia, i ribaltabili delle auto, i sacchi a pelo, le cuccette in sbattimento dei treni, i letti disfatti degli alberghi, degli ostelli a prezzi bassi, quelli dolenti degli ospedali, fino agli ultimi, inevitabili letti che avremo. (Alessandro Dezi)

           
 
Di Carvelli (del 09/09/2005 @ 14:05:44, in diario, linkato 906 volte)
Come una lavagnetta. Ricordarsi di non comprare più le cose della Ke Garnè. Non farsi commuovere dall'estetica freak delle stoffe multicolorate (mi sembro Pisanu). Sono cose che si dimenticano. Ci si fa appannare dall'ideologia, il terzomondismo, l'oppio, il sex&drugs, sgt. pepper, il nirvana... e invece si scivola drammaticamente nel kitsch e nel deliquio. Purtroppo non è una meditazione serena che mi porta a tanto ostracismo ma il ritiro in tintoria del mio giacchetto permanentemente stinto del blu di una borsa nepalese (che tragico destino) acquistata sulla bancarella (già ho liquidato in quindici giorni pantaloni della medesima finitura). Chiedere rimborso. Al cielo di Roma, a De Gregori, alla suddetta marca, alla tintoria?
 
Di Carvelli (del 09/09/2005 @ 09:55:51, in diario, linkato 697 volte)
Non so se vi è capitato: rivedere una vecchia videocassetta. Un vecchio film e pubblicità vecchia (nuova per allora). L'effetto-dispersione è garantito da un modo totalmente diverso di ragionare ed imbonire dei vecchi copy di una volta. E' tutto più dichiarativo (anche il Tavernello sta raggiungendo vertici ridicolmente pericolosamente...meglio vergognosamente... realistici meglio giornalistici - le due cose non fanno sinonimo). Oggi, salvo l'assorbente con le alette non è che ci si dia tanta pena di spiegare. Ora, è tutto più legato alle immagini di impatto e il paradosso (il culmine, il colmo: la tipa, cojona, che cade dalla finestra - nella piscina - guardando la sua stronza macchina). Oggi è tutto stupire, emozionare, far credere come, per esempio, che se ci compriamo la c1(?) scoperemo tutti di più (e faremo più figli e più c1)... Avete presente quando in un museo si fissa la punta di una lancia o una ruota di pietra? Ci si sente così a rivedere quel MAMMA ROMA di vecchia registrazione su R4. Il paradosso (a proposito di paradossi) è che se oggi fosse stato registrato su R1/2/3 non sarebbe cambiato poi molto. Vedremmo lo stesso queste vecchie-nuove idiozie. Je t'aime (detto ad una macchina).
 
Di Carvelli (del 07/09/2005 @ 09:01:36, in diario, linkato 711 volte)

Esiste, vive o vegeta, una particolare forma di intellettuale... ma siccome io mi sforzo di non fare un unico pasticcio di personalità e persona direi che esiste un atteggiamento intellettuale (magari è una molteplicità) che non mi piace. Ne do una breve declinazione:

quelli che... se tutti ne parlano male ne parlo male anche io

quelli che... se tutti ne parlano bene ne parlo male io (a meno che mi renda conto della felice opportunità di unirmi al coro)

quelli che... se gli altri lo ignorano lo ignoro pure io

quelli che... se tizioocaio dice bene dico bene anch'io (o dico male io)

quelli che... se tizioocaio dice male dico male anch'o (o dico bene io)

quelli che... se un libro ha successo non è sicuramente un buon libro

quelli che... dipende dalla casa editrice

quelli che... ma non lo sai che è l'amante di...

quelli che... tanto lo sappiamo chi c'è dietro...

quelli che... (sapendo chi c'è dietro) lo merita proprio

quelli che... prima mi guardo in giro e cerco di capire se posso dirne male e lo faccio pur'io

quelli che... bisogna trovare una motivazione per spiegare un successo e un'idea per smontarlo

quelli che... sì ma vuoi mettere Tolstoj

quelli che... ancora con Tolstoj

quelli che... l'importante è trovare una citazione

quelli che... io i libri non li compro mai tanto me li regalano

quelli che... rivendono i libri ai mercatini senza averli sfogliati

quelli che... ah sì mandamelo, ah lo conosci?... sì ok faccio una cosa... mandamelo pure

quelli che... promossi e bocciati

quelli che... sale e scende

quelli che... quello scrittore è tramontato... siamo figli di quella cultura, ce ne dobbiamo liberare... va riscoperto

quelli che... ci metto un po' di pulp un po' di dirty talking, un po' di understatement, un po' di trash

quelli che... tanto lo sanno che la mia è un'operazione intellettuale

quelli che... vivono di rendita

quelli che... mio padre non conta

quelli che... vivono di elemosina fuori della chiesa (un gettone qui un articolo lì una presentazione di là un dottorato lassù e una introduzione laggiù)

quelli che... ho una piccola rendita

quelli che... faccio cose e vedo gente (e quelli che le fanno e la vedono ma ridono di chi le fa e la vede)

quelli che... il mio amico... siamo molto amici... lui è un mio amico

quelli che... Alessandro sai com'è e gli altri "Alessandro chi?" e quello "Manzoni no!" (un nome per dire)

quelli che... in privato una parolina brutta per tutti

quelli che... in pubblico una parolina bella per alcuni

quelli che.... sarebbe lunga e poi tanto non è che cambia molto per il resto è solo l'impressione che anche queste piccolezze siano in realtà più grandi perché più grande pensa di essere chi le pensa

 
Di Carvelli (del 06/09/2005 @ 15:58:59, in diario, linkato 732 volte)
Effetti di calcomania. A seguito del diluvio da concerto dell'altra sera, ho scoperto sul mio recente acquisto, un giubbottino chiaro, il blu che stinge di una borsa. Un tatuaggio a bretella sulla spalla e sulla schiena. Dietro. Chissà perché si dice "sono nero" e non "sono blu"? E perché lo sporco è spesso alle spalle e te lo deve dire qualcun'altro?
 
Di Carvelli (del 06/09/2005 @ 13:08:59, in diario, linkato 1149 volte)
Cascando
 
perché non meramente l'occasione
senza speranze di stillare
parole
 
 
meglio non è abortire che essere sterili
 
 
plumbee dopo che tu vai via le ore
cominceranno sempre troppo presto
uncinando alla cieca
a dragare il letto del desiderio
recuperando le ossa i vecchi amori
orbite un tempo riempite di occhi come i tuoi
forse che tutto è sempre meglio troppo presto che mai
coi volti bruttati dal nero desiderio
nuovamente dicendo in nove giorni mai riemerse l'amato
né in nove mesi
né in nove vite
 
 
2
 
nuovamente dicendo
se non m'insegni non imparerò
nuovamente dicendo ecco vi è un'ultima
volta persino per le ultime volte
ultime volte per mendicare
ultime volte per amare
per sapere di non sapere fingere
un'ultima anche per le ultime volte
di dire se non m'ami
non sarò amato se non amo te
non amerò
 
la zangola di parole stantie nuovamente nel cuore
amore amore amore
tonfo del vecchio pistone a pestare
l'inalterabile
siero di parole
 
nuovamente atterrito
di non amare
di amare e non te
di essere amato e non da te
di sapere di non sapere fingere
fingere
 
io e tutti quegli altri che ti ameranno
se ti amano
 
3
sempre che ti amino
 
Di Carvelli (del 06/09/2005 @ 09:17:59, in diario, linkato 707 volte)
E' da auspicare - come ho fatto io apotropaicamente fotografandoli all'interno del mio piccolo frigo - che i libri si conservino a lungo. Ben oltre le "novità" dei quotidiani e delle radio. Ma l'auspicio di freddo che ha conservato mummie in realtà può poco con i libri. Forse bisogna pensarci prima di inventare confezioni salvafreschezza. Di tutti i pensieri, quello della permanenza è sicuramente uno di quelli che accompagnano e più dovrebbero accompagnare la scrittura. Magari non riusciranno a garantire infinito ma potranno salvare dalla mediocrità.
 
Di Carvelli (del 05/09/2005 @ 09:17:47, in diario, linkato 711 volte)

E' opportuno ricordare che NON sono stato in vacanza? O c'è bisogno che qualcuno mi dica NON sei abbronzato. E io: infatti NON sono partito. E lei "sì ma ti potevi fare almeno una lampada".

L'altroieri hanno mandato OSOLEMIO un documentario di IPOTESI CINEMA la scuola di Ermanno Olmi alle cui riunioni (solo a quelle romane) partecipai anch'io anni fa. Una sequenza corale ma incredibilmente non dissonante, né posticcia. E ieri un documentario molto interessante sul gelato e la sua storia. Ma - si dice - il documantario NON fa share. E così o si ha la fortuna di trovarsi a quell'orario improbabile davanti alla tv o NON si vede.

 
Ci sono 3153 persone collegate

< settembre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
       
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








30/09/2020 @ 09:06:10
script eseguito in 636 ms