Immagine
 Il letto-sveglia con yukata (Tokyo)... di Carvelli
 
"
Questo è il mio pensiero costante: come posso far sì che tutti gli esseri viventi accedano alla via suprema e acquisiscano rapidamente il corpo di Budda?

Shakyamuni (Sutra del Loto)
"
 
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
á
á
Di Carvelli (del 16/12/2011 @ 10:35:40, in diario, linkato 809 volte)
La lunga lista dei nostri dolori inizia con la parola depressione. Seguono nell'ordine stanchezza, tasse, colpire i soliti noti, nevralgia, mal di denti, desiderio non realizzato, cervicale, amore non corrisposto, freddo, caldaia rotta, pantaloni lisi, dichiarazione dei redditi, dermatite, costo del taxi, cistite, perdere in casa al 92░, carta esaurita, credito esaurito, esaurimento.
 
Di Carvelli (del 15/12/2011 @ 10:33:53, in diario, linkato 399 volte)
Mi lasciano sempre un po' sorpreso e perplesso le pubblicità-progresso, l'advertisement medico o preventivo. Il più delle volte dà per intese cose non intese. Mi domando sempre se il messaggio arrivi a tutti o a tutti quelli a cui deve arrivare. Come nel recente spot radiofonico (di televisione, non avendola, ne mastico poca) sulle disfunzioni (e)rettili (sic! e sempre sic, per tutto lo spot). E' chiaro a tutti di cosa parliamo? So che ci sono parole troppo dure (trovare sinonimo, please!) per un popolo abituato all'arma bianca come il nostro. Ma lasciare ogni cosa alla fantasia o all'enciclopedia non mi sembra adatto allo spirito dell'impresa. Forse esistono pubblicitari bravi abbastanza per non offendere il comune senso del pudore e il diffuso sentimento dell'autostima (in un campo che di stima ha bisogno, sopravvalutata o meno). O forse no?
 
Di Carvelli (del 14/12/2011 @ 17:52:42, in diario, linkato 430 volte)
 
Di Carvelli (del 13/12/2011 @ 11:05:11, in diario, linkato 830 volte)

Vento nuziale

II vento soffiò per tutto il giorno delle mie nozze,
E la mia notte di nozze fu la notte del gran vento;
E una porta della stalla sbatteva e risbatteva
Tanto che lui dovette andare a chiuderla, lasciandomi
Intontita a lume di candela, a sentire la pioggia,
A vedermi la faccia nel candeliere ritorto,
Senza però vedere un bel nulla. Quando rientrò
Disse che i cavalli erano inquieti, e io fui triste
Che quella notte ci fosse uomo o bestia senza
La felicità che io avevo.

Ora, ch'é giorno,
Tutto sotto il sole si scompiglia alle raffiche del vento.
Lui è andato a vedere la piena, e io
Porto un secchio sbreccato nel pollaio,
Lo poso a terra, e guardo intorno. Tutto è vento,
Vento che batte per nuvole e boschi, che sferza
Il mio grembiule e i panni stesi sulla corda.
Si può reggere a questa gioia raffigurata dal vento,
Su cui i miei gesti ruotano come grani su un filo
Di collana? Potrò dormire ora
Con questo mattino perpetuo che condivide il mio letto?
Potrà mai la stessa morte disseccare
Questi laghi nuovi e felici, o porre termine
Al nostro chinarci come armenti su prodighe acque?

Philip Larkin (trad. di Vanna Gentili)

da http://ellisse.altervista.org/index.php?/archives/366-Philip-Larkin,-due-poesie.html

 
Di Carvelli (del 12/12/2011 @ 10:24:53, in diario, linkato 463 volte)
Solo per dirti che mi dispiace non sentire tutta quella musica brasiliana alla radio come se fossimo lì e lì non eravamo. Non qui né lì, alla controra. Eppure sentivamo la pubblicità di locali in cui non saremmo potuti andare come se, in realtà,ápotessimo. E che io, che ero già lontano, vivevo due straniamenti. Come se il mondo che conoscevo fosse finito in una piccola tasca nascosta, da qualche parte, nella giacca che non trovavo né cercavo più. Solo per dirti che mi dispiace (e voglio dire che mi dà una piccola pena) pensare a quando prendevamo la macchina per andare al mare, che io non sapevo le strade né la lingua giusta per chiederle. E per una volta ero costretto ad affidarmi in tutto a un'altra persona. Che è una cosa che mi succede di rado, tutto sommato. Scrivo solo per dirti che mi dispiace e lo scrivo sapendo diásicuro che è impossibile che, in un modo normale, un modo che conosco, tu possa sentire queste parole. Queste e quelle di una canzone che forse abbiamo sentito insieme. Arder tremer morrer.
http://www.youtube.com/watch?v=d0uJNh7lIqE
">.
 

Il Quadraro come concetto geografico-sentimentale

di Roberto Carvelli


Via dei Lentuli, Quadraro, Roma, Italia. A sinistra l’autunno, tardo. A destra la primavera, incerta. Un giorno di pioggia e nuvole e, a spartiacque, il giallo “foglie morte” e il rigoglio dell’indecifrabile stagione sempreverde. Ecco l’immagine del non più mezze stagioni. Al Quadraro. Quartiere con suoi confini precisi che fa venire in mente la omelia delle scuole medie. Confina a nord con...a sud con... E ci sono segni precisi. Via Tuscolana che scorre lì a sinistra, oltre il giallo, poco più su. Ma poi via degli Angeli, via Columella. Non c’è pericolo da queste parti di annessioni, né il rischio di una Grande Tuscolana come di una Grande Serbia o di una Grande Germania persino nella divisione dei municipi: qui VI, di là X. Il Quadraro è piccolo e piccolo, si sa, è per definizione bello. Di un bello talvolta triste ma sempre orgoglioso. L’orgoglio è noto, quello del rastrellamento che lo ha reso quartiere a medaglia d’oro del valore. Vivervi – e io, modestamente lo vissi (per dirla parafrasando Totò) – fa pensare a vivere in una pagina di storia. Storia triste che forse sopravvive in pochi ricordi ancora “viventi”.

Al Quadraro ha dedicato un bel diario di viaggio personale Fernando Acitelli. Lo ha fatto sulla scorta della memoria e della vita del papà. Sulla strada del padre (Cavallo di Ferro) s’intitola questa ricognizione picara sui luoghi generativi della sua vita nella forma di un romanzo topografico. Un tributo personale pieno di sentimenti e strade. Scrive Acitelli (autore dell’indimenticato poema per figurine calcistiche La solitudine dell’ala destra): “Il Quadraro non è soltanto un quartiere, è uno stato d’animo”. E dissente su quei viaggi intellettuali – e da “ricchi” – in questa terra che pochi possono capire se non l’hanno vissuta. Acitelli l’ha vissuta, anche nelle parole del padre, e la racconta come una “linea difensiva uruguaiana”. Si attarda su due luoghi dell’anima: la fine di via dei Quintili (dalle parti di via Quinto Ortensio, per intenderci, verso la Madonnina), la Quinta Avenue come la ribattezza di questo quartiere, e via dei Pisoni che le maps di Google vi farebbero vedere in cima alla foto. Lo scrittore ci si perde a caccia di segni di presenza-assenza dei tempi di suo padre. Trova pochi cambiamenti e questa è la forza di questo piccolo agglomerato di case basse o bassissime in cui l’ascensore più che un orpello è un assurdo concettuale. “Le case intoccabili del Quadraro, quei villini di cui si coglie l’antica stabilità, la lesena definitiva, la carezza della prima mano d’intonaco, il pergolato che prende a distendersi su un lato senza finestre, a definire un orto, rifugio di quiete e di fresco”. Sono pagine belle quelle di questo libro traboccante di sentimenti come la fontanella in cui beve prima di lasciare il sagrato del quartiere verso via degli Angeli. Fermano un’idea dell’abitare in parte sopravvalutato di valore. La lotta dei confini, unico motivo del contendere (vero!), non è così a prova di alleanze. I dissidi per questioni di staccionata sono spesso punti fermi (o morti) di un contendere che definisce separazioni che neppure una riunione di condominio potrà sanare. E questo trascina in un pensiero di Romoli e Remi senza composizioni di sorta. Ma è vero che bisognerà trovare una pace oltre (senza) il coltello. Un accomodamento che sarà, però, una tregua armata.

Il Quadraro è cambiato o sta cambiando – un pub in arrivo, murales nel Giardino dei Ciliegi, oltre a quelli di via dei Lentuli (ma ne parleremo in una puntata futura) – ma nulla potrà far dimenticare la storia triste di quell’alba nazista. Nulla potrà togliergli quell’aria paesana, privarlo del senso maudite e un po’ malinconico, né fargli perdere l’orgoglio del colore rosso, l’idea di vivere – condividendoli – i principi di un’uguaglianza che per altri è sopravvalutata. Ma i risultati, a ben vedere, sono sotto gli occhi di tutti. Il Quadraro, come pochi altri quartieri romani, avrebbe bisogno di un vincolo che lo protegga per quello che è oggi. Un’oasi urbana con una specie a rischio di estinzione, da proteggere: un’architettura fatta di libertà monocellulare pianificata. Non la serialità dei villini a schiera che omologa il desiderio di indipendenza in un concetto-alveare in cui tu che compri hai l’impressione di aver scelto quello che, in definitiva, ti ha scelto. O, peggio, comprato.

www.paesesera.it/Societa/Il-Quadraro-come-concetto-geografico-sentimentale

 
Di Carvelli (del 10/12/2011 @ 19:52:05, in Diario, linkato 460 volte)
Ognuno di noi ha una specie di posologia. Una tempistica di effetti che ci rende indigesti, gravi o nocivi. Per quanto tentiamo di nascondere il foglio illustrativo è così. Anche non volendolo prima o poi finiamo per suscitare rifiuti. Ho sempre pensato alle persone, me compreso, come a un sistema di effetti che fortuna vuole si combinano rendendo la chimica un composto molto personale e poco scientifico.
 
Di Carvelli (del 07/12/2011 @ 15:20:53, in diario, linkato 482 volte)
 
Di Carvelli (del 07/12/2011 @ 09:41:50, in diario, linkato 496 volte)
Su Il Riformista, recensendo un libro nuovo di Fabio Geda per Transeuropa (e spiegando il senso di una collana della casa editrice anconetana) Errico Buonanno affronta il tema degli inediti di valore. Molti scrittori, è vero, hanno un brillante nascosto. "Quei gioielli troppo puri, troppo poco lavorati, troppo autentici per poter essere sottoposti alla macchina delle case editrici" come scrive Buonanno. Spesso alcuni scrittori hanno un libro perfetto nella loro produzione (apparentemente) minore. Canto alla durata, Handke. Biglietti agli amici, Tondelli. Il polverone, Tonino Guerra. Cito a caso. La storia della letteratura, se ancora serve a qualcosa, se esistono critici altrettanto puri e non lavorati, dovrebbe(ro) fare questo. Tarare, valutare e prezzare questi gioielli levando la polvere del tempo e dell'insuccesso. Ma è il senso delle proporzioni il nemico della contemporaneità (del nostro essere "contemporanei" e della "contemporaneità" come concetto). Si nota nelle condanne come nelle assoluzioni. Ma anche e soprattutto in tutta la teoria dell'impunità di cui si nutre talvolta il verdetto critico impuro.
 
 
Ci sono 902 persone collegate

< settembre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
       
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020

Gli interventi pi¨ cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie pi¨ cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








18/09/2020 @ 12:31:04
script eseguito in 614 ms