Immagine
 il letto di Federica... di Carvelli
 
"
In un certo senso, avere una dipendenza è sinonimo di intraprendenza. Una bella dipendenza come si deve toglie alla morte l'elemento sorpresa. Perciò si può progettare la propria fine, eccome. (...) La verità è che il sesso non è sesso se ogni volta non lo fai con un partner diverso. La prima volta è anche l'unica in cui uno c'è dentro completamente, con la testa e con il corpo.

Chuck Palahniuk
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di Carvelli (del 21/01/2008 @ 17:38:29, in diario, linkato 1330 volte)

Come se fosse un giallo del (più che nel) passato, una ricerca storica, una caccia al tesoro (dove il tesoro è la ricostruzione della memoria...in ogni senso). Libro d'avventure di tradizione salgariana. Un tuffo in una Lombardia d'antan. Ogni tanto mi ritorna alla memoria l'atmosfera natalizia in queste pagine, del mio Natale speso in questa prosa. Dialetto e amicizia senza interesse: l'uno e l'altra diventano attraverso la frequentazione legame confidenziale anche se il principio è nell'alterità. E il fatto che la strada di questa distanza si sia compensata nel corso della lettura è talento dell'invenzione o della scrittura?

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 21/01/2008 @ 09:43:29, in diario, linkato 1581 volte)

Da la Poesia e lo Spirito (Franco Loi - Come mi piace il mondo!)

Cume me pias el mund! L’aria, el so fiâ!
j àrbur, l’èrba, el sû, quj câ, i bèj strâd,
la lüna che se sfalsa, l’èrga tra i câ,
me pias el sals del mar, i matt cinâd,
i càlis tra i amís, i abièss nel vent,
e tücc i ròbb de Diu, anca i munâd,
i spall che van de pressia cuj öcc bass,
la dònna che te svisa i sentiment:
l’è lí el mund, e par squasi spettàss
che tí te ‘l vàrdet, te ghe dét atrâ,
che lü ‘l gh’è sempre, ma facil smemuriàss.
tràss föra ind i pernser, vèss durmentâ…
Ma quan’ che riva l’umbra de la sera,
‘me che te ciama el mund! cume slargâ
te vègn adòss quèl ciel ne la sua vera
belessa sena feng nel so pensàss,
e alura del tò pien te càmbiet cera.

Come mi piace il mondo! l’aria, il suo fiato!
gli alberi, l’erba, il sole, quelle case, le belle strade,
mi piace il salso del mare, le matte stupidate,
i calici tra gli amici, gli alberi nel vento,
e tutte le cose di Dio, anche le piccolezze,
e i tram che passano, i vetri che risplendono,
le spalle che vanno di fretta a occhi bassi,
la donna che ti turba i sentimenti:
è lí il mondo, che sembra aspettarsi
che tu lo guardi, che gli dai retta,
poiché lui c’è sempre, ma è facile dimenticarlo,
distrarsi nei pensieri, essere addormentati…
Ma quando arriva l’ombra della sera,
come ti chiama il mondo! come si allarga
e ti viene addosso quel cielo nella sua vera
bellezza senza finzioni nel suo riflettersi,
e allora per la tua pienezza cambi colore.

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 18/01/2008 @ 12:46:47, in diario, linkato 1289 volte)

Da www.mattatoia.splinder.com i propositi dell'anno (suo) che facciamo nostri (suoi), i nostri, i suoi...mi sono perso (come mio solito e come molti altri)...che noia...

verissimamente vivere di vera vita vera

un anno fa mi trovavo in sicilia per passare le feste di natale e il capodanno con la mia famiglia e i miei amici di lì, e così, un anno fa, scrivevo su questo blog:



lunedì 1gennaio 2007



la vita sognata da me


Eccomi, sono pronta. Anche per questo inizio d’anno ci sono, sono qui con tutta la mia vita. Nessun progetto né obiettivi, zero pianificazioni, niente sogni. In ogni campo. Mentre tutti salutano nuovi propositi, fiduciosi (ma davvero?!) e pieni di ottimismo, ché la speranza, si sa, è l’ultima a morire, io no. Tranquilla, guardo il cielo di stamattina. E mi sembra il cielo che ci deve essere. L’aria pizzica e sa di salsedine e tira dalla sua parte un lembo di ricordi ( io qui con i miei amici, io qui i primi baci, i primi libri amati, i primi dischi, da qui la voglia di fuggire ), mentre passeggio in una città vuota e piena di sole e aspetto che gli altri si siano svegliati, per un caffè assieme e un altro giro di auguri. Ancora qualche giorno, poi in viaggio verso Roma. Ricominciare. Ma senza aspettare sorprese. Perché se un desiderio si muove minuscolo dentro di me, è proprio questo: non incoraggiare sogni di meraviglie, vivere, finché si può, dello stesso battito, dello stesso respiro della vita vera. Non di quella sognata.


 


Quest'anno invece gli obiettivi ci sono, eccome, e anche i sogni di meraviglie. E se un desiderio si muove magnifico dentro di me, è proprio questo: vivere dello stesso battito, delllo stesso respiro della vita vera. E di quella sognata.

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 18/01/2008 @ 11:36:55, in diario, linkato 745 volte)

Ve lo volevo scrivere da un po'. Ci pensavo da un po' a scrivervi in merito a questo e poi ecco che incontro (è già un po') in Englander (Il ministero dei casi speciali) questo riassunto e ve lo propino.

"B'kiso, b'kaso, b'koso" disse Mazursky. "Non ho imparato molte cose dalla scuola ebraica dell'Impulso Generoso., ma questa la trovo ancora convincente.  Sono tre i momenti in cui una persona mostra il suo vero volto: quando parla di soldi, quando è arrabbiata e quando è ubriaca." (p.180)

In verità, mi sembra che ci siano altri momenti ancora in cui si rivela il "vero volto" o che "arrabbiata" debba forse tenere in sé un catalogo di sfumature. Alla mia esperienza (piccola) è IL VANTAGGIO che rivela le persone. Ecco io avrei detto così: che di fronte al VANTAGGIO PERSONALE che si rivela il carattere delle persone. Nel bene e nel male. Nella mia breve esperienza gli anni fanno il resto. Anni fa pensavo che il vantaggio fosse una parola più grassa. Anni fa pensavo che è un vantaggio mantenere l'amicizia e di fronte a quello molte cose si ridimensionassero. Con quello si confrontassero. Ma erano anni fa. Era prima. Prima che le persone (e con esse anche io) rivelassimo il nostro vero volto. Vero? Forse è solo che anni fa era più necessario (e urgente e vitale) essere in un (come) gruppo, fare gruppo, essere insieme. Deve essere successo qualcosa, dopo. Dopo IL VANTAGGIO non era "non perdersi, rimanere, essere uniti". Dopo il VANTAGGIO era PERSONALE. Ed è così. Oggi.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 17/01/2008 @ 14:45:34, in diario, linkato 1113 volte)

“11.01.2008 - Scompare un nome storico e prestigioso della CULTURA cinematografica romana: il Labirinto ha infatti cessato la propria attività. L’altro ieri è stato eseguito lo sfratto per fine locazione del cineclub […] di PROPRIETÀ DELL’ORDINE RELIGIOSO DEI REDENTORISTI. […] Il Labirinto festeggia dunque i trent’anni di attività nel modo più amaro: «Lo stabile – si legge in un comunicato del cineclub – SARÀ ADIBITO AD ATTIVITÀ COMMERCIALI A PIÙ ALTA REDDITIVITÀ […]». Il parroco, […], si limita a dire che sul futuro dei locali nulla è stato deciso […].”

Questa è la notizia. Recente. Credo si possa fare qualcosa per esprimere solidarietà e appena so dico. Vorrei raccontarvi episodi meravigliosi legati a questo piccolo d'essai romano. Recenti e antichi. Anche antichissimi. E' una delle prime sale in cui ho iniziato ad apprezzare pellicole d'autore, anche grazie a S. che me lo aveva fatto conoscere. Poi c'è un seguito di appuntamenti unici. Ciclo Bresson, ciclo Tarkovskij. I film persi altrove. I film mai arrivati. La discesa della scala la triplice scelta delle sale, il senso del legame cinefilo che avvicinava nelle poltrone gli iniziati di questo rituale meraviglioso che è "si spengono le luci e scorrono le immagini". So che si studia una nuova sede per il Labirinto ma a me non basta. C'è quasi un diritto della memoria che chiama più forte. Chiama a gran voce che il Labirinto rimanga lì dov'è.

AGGIORNAMENTO: Manifestate la vostra solidarietà scrivendo a: crslabirinto@hotmail.it

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 17/01/2008 @ 11:17:45, in diario, linkato 7979 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 16/01/2008 @ 17:46:07, in diario, linkato 730 volte)
Il fattore T è il fattore Tempo. Non solo. Almeno in questo caso. Breve e curioso fattarello: mesi fa, poco meno di un anno fa diedi senso al denaro investendolo nell'acquisto di un giaccone della Tucano Urbano. Senso? Senso, sì: speravo almeno vista la penuria di quei giorni particolari. L'indumento tecnico da moto sarebbe servito ad affrontare i rigori dell'inverno - l'anno scorso in verità brevi - nel migliore dei modi centauri. "Lo compri! E' una capo per sempre!" queste le frasi infide. Risultato: messo 50 volte si è già rotto il dentino ultimo della lampo. Ed ora è inservibile: in un anno e 50 volte. Imbarazzante: il resto del capo è intatto, non ha mai conosciuta lavanderie né altro. Ripasso dal negozio e loro come io ci rivolgiamo alla Tucano Urbano. Ma la domanda su cui tutto s'infrange è: "ha conservato lo scontrino?". Dunque l'invito a voi tutti è quello di inventare dei catalogatori di scontrini: tutti gli scontrini. Un catalogatore organizzato per categorie merceologiche e giorni. Vi servirà. A me sarebbe servito oggi: per dimostrare che in quel giorno (ho testimoni ma in questo caso non serve averne) ero davvero lì, che lì l'ho comprato, che era proprio del Tucano Urbano ecc ecc. Qualcuno obbiettera che lex è lex ma classe è classe. Mio fratello ha comprato degli scarponi da sci Tecnica che si sono rotti in modo che evidenziava difetto di fabbricazione e l'ha avuti sostituiti senza se e senza ma (stessa situazione: senza scontrino ecc). E attenzione: dopo tre anni (3, TRE, tve - per chi ha l'erre moscia). Come dire: questione di classe e di tecnica! Dunque? Inventiamo i catalogatori di scontrini visto che la classe...e la tecnica...lasciano spesso a desiderare.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 16/01/2008 @ 09:35:53, in diario, linkato 807 volte)

Metro1.

Arrivo tardi per scrivere e diffondere una caccia allo strumento. Felicemente tardi. Ieri un musicista che abita nel quartiere ha perso nella metropolitana il suo strumento. Lui si chiama Fabrizio Bosso e lo strumento (per molti sarà ovvio) è la tromba. Forse è la stessa tromba che ho sentito risuonare qualche domenica mattina dal giardino di casa. Forse quella è un'altra. Ma, quella o un'altra, lui l'aveva persa. Buon per lui che l'ha ritrovata: era una tromba di anni - suonata da anni - con un ricordo nella custodia eccetera. E' una bella storia. dal punto di vista suo lo è di più adesso. In genere lo era già da prima e lo sarebbe stata per un bel po'. Non troppo certo: giusto il tempo di una ricerca. Ma questa è letteratura.

Metro2.

Oggi mi sono tormentato sulla parola "sise". E' successo in metro vedendo una ragazza un po' grossa. Alta e grossa. Mi sono chieso se "sise" fosse la parola giusta per quel seno. Sise scese (come se il fatto che fosse in piedi davanti alle porte potesse avere conseguenze lingustico-anatomiche). Sise. Sise. Sise scese. Sise. Mi ha tormentato lessicalmente per qualche fermata. Finché non è scesa. Mi sono detto: ora controllo sul de mauro paravia (fatelo anche voi www.demauroparavia.it ). La sopresa è che non c'è. Mi è ronzata in testa una parola apocrifa, non ufficiale. Neanche gergale, volgare: come direbbe qualche annotazione. Eppure sono convinto che quella fisiologia attenda quelle quattro lettere. De Mauro mi perdoni l'intromissione.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 15/01/2008 @ 16:50:17, in diario, linkato 708 volte)
Vedi bene che... Mi piacerebbe iniziare un discorso così. Non ne ho molte occasioni purtroppo. Non devo spiegare cose ad alcuno. Capita di rado che ne sappia più di qualcun altro di alcunché. Tutto sommato non eccello in nulla - ma anche questa può essere alla lunga una risorsa. Dunque mi devo accontentare di immaginarmi, solo immaginarmi, alle prese con un "vedi bene che".
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 14/01/2008 @ 10:40:11, in diario, linkato 709 volte)

Continua il torneo dei libri. Nathan Englander "Il ministero dei casi speciali" (Mondadori) regge il campo. Un campo un po' ristretto. Da calcetto (rima involontaria). Libro cimiteriale e non dovrebbe essere il momento giusto. Libro di lapidi. Ma l'una e l'altra cosa mi affascinano. Mi incuriosisce la possibilità di una rimozione. Una rimozione forzata. Della memoria. Del passato. Ora, più che mai, mi piace l'idea di cancellare parentele sbagliate, filiazioni nocive. D'altronde si parte sempre da noi. Ma pur sapendolo forse non è male acclarare una rinascita con una cancellazione.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 183 persone collegate

< agosto 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020

Gli interventi pi cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie pi cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








12/08/2020 @ 11:23:38
script eseguito in 599 ms