Immagine
 il letto a spighe di claus... di Carvelli
 
"
Ne avevo viste troppe io di cose non chiare per essere contento. Ne sapevo troppo e non ne sapevo abbastanza.

Louis-Ferdinand Céline
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 26/10/2005 @ 15:44:00, in diario, linkato 826 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 26/10/2005 @ 08:59:09, in diario, linkato 885 volte)

Camminava e guardava il cellulare. Camminava e sorrideva al cellulare. Ma non come si sorride ad una idea che ti viene in mente subitanea. Piuttosto come alla faccia di qualcuno. Come si ammicca alla battuta di uno. Camminava e rideva al cellulare facendo una specie di smorfia d'intesa, un "ci siamo capiti" detto ad uno schermo illuminato. E continuava ad andare come se il discorso non fosse finito lì e il dialogo attendesse risposte, riprese. Continuava ad andare con gli occhi al cellulare e sorridendo. 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 25/10/2005 @ 09:15:12, in diario, linkato 803 volte)
Una è mangiare. Lo scrivo dopo una fortunata cena da Felice. Fortunata e Felice. Tradendo i miei costumi ho prenotato. Ebbene sì. Ho chiamato e ho riservato un tavolo. E ci sono voluti quasi 38 anni e due o tre falliti tentativi. Il risultato parla da solo. Ma non lo scrivo. troppo complicato scrivere il piacere senza metterci la faccia, le espressioni, la mimica, l'aprire e chiudere delle palpebre.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 24/10/2005 @ 09:05:06, in diario, linkato 828 volte)
Mi è accaduto di pensarci questo finesettimana. A quei gesti di improvvisa confidenza. Gesti che non appoggiano su nessuna familiarità e per questo sorprendono. In certi casi è un fatto di naturalezza tipo quelli (io forse? io forse sì) che ti toccano mentre parlano. Che tu sia sconosciuto o no. O giocare con una cosa tua o prendere in mano una cosa tua. Inopinatamente. Mi è tornato alla mente un vecchio incontro-intervista con uno scrittore che pur non avendomi mai visto, non conoscendomi e avendomi dato appuntamento nella sua casa, nonostante tutto... Mi rendeva la testa tra le sue mani appoggiandomi le palme sulle orecchie per, scherzosamente, non farmi sentire l'indiscrezione politica che diceva ad una suo amico o conoscente o... Fui talmente sorpreso che non mi sorpresi (non feci in tempo a sorprendermi) né ci penso adesso a soprendermi e guardo ad ogni suo nuovo libro come a qualcosa di familiare, pur se da allora non l'ho più rivisto (no - un momento - due volte e una di esse casuale) e non direi mai che ci conosciamo se alla parola diamo tutto il significato che merita.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 21/10/2005 @ 09:25:43, in diario, linkato 749 volte)
C'è un momento nel cinema, quello in cui le luci si spengono e cala il buio di un attimo, che è uno dei momenti più belli in assoluto. Uno di quelli per cui di sicuro vale il prezzo del biglietto. Gli occhi impiegano qualche secondo per abituarsi e inizia il viaggio della pellicola. Dopo è tutto un confondersi, un lottare per trovare la posizione più comoda delle gambe (non esiste tormento peggiore nei cinema che la poca distanza dallo schienale), uno scansare le teste sovrastanti, trovare l'accordo dei braccioli con il vicino (alle volte è proprio una lotta), sentire il respiro e alle volte l'odore, la vita del vicino. Andare al cinema si dice. Del film si dice o non si dice. Si può o non si può dire. Andare al cinema. Ieri sono andato al cinema. Oggi vado al cinema. Spesso c'è gente che neanche chiede "a vedere cosa?" Ed è una incomprensibile elisione.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 20/10/2005 @ 09:15:19, in diario, linkato 862 volte)

Di questi tempi abbondano a Roma le cartoline dei papi. Nelle tabaccherie. Fuori dai bar, dalle edicole. L'ingordigia dei turisti è accontentata. C'è il papa vecchio e quello nuovo. Quello vecchio, vecchio e giovane. Quello nuovo, vecchio. I due insieme (uno seduto e l'altro - il nuovo,vecchio - inginocchiato). I due affacciati in due mezze foto che fanno una cartolina. In tutto ne ho contate otto o forse nove. L'indecisione delle cartoline, così si chiamava un racconto di Perdersi a Roma, chissà se soprende i fedeli in una difficile selezione iconografica.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 19/10/2005 @ 14:27:51, in diario, linkato 786 volte)
Un bar dell'emiciclo di piazza esedra. Il cameriere rientra nel locale dai tavolini ripetendo quasi in uno slogan ossessivo IO CONTRO I TURISTI IO CONTRO I TURISTI A ROMA IO CONTRO... (non si sente, fuori inquadratura)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 19/10/2005 @ 09:16:53, in diario, linkato 750 volte)
Esistono tipi che... che so...a lavoro...esistono tipi che parlano belli belli in gruppo. Tu li saluti. Due o tre ti risalutano e quello/a altro/a ti guarda e riprende a parlare. E' un particolare tipo di elisione. Un saluto di uno sguardo. Semplicemente questo. Come se fosse sufficiente. Come se bastasse una risposta. Come se il saluto degli altri fosse abbastanza o il suo sguardo chiudesse il cerchio. Poi quelle stesse persone, alle volte, ti vengono a cercare per confermarsi in tutto il loro vuoto (o no), per cancellare l'inconsistenza del loro sopravvivere (o no). Delle volte, insomma, ti tocca pure ascoltare le loro manifestazioni di mamme dimenticate, di mogli deluse, di amanti frustrate, di donne sole, sempre sole, solo sole. O no.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 18/10/2005 @ 09:01:15, in diario, linkato 682 volte)

Essere proprietari - o meglio - sentirsi proprietari è spesso un pessimo passaggio per l'attenzione verso le cose pensate o presunte proprie. Succede anche ai sentimenti. Ma, in fondo, cos'è che non succede (anche) ai sentimenti? Bene, c'è di peggio. E il peggio, ad esempio, è che ad una mia amica affittuaria la proprietaria ha fatto divieto (rende meglio l'idea di "ha vietato") di gettare nella tazza (nel bagno, nel cesso....lo scrivo in plurilinguismo per essere certo della comprensione di vossia) la carta igienica. La spiegazione su acque chiare e acque scure (non c'entra nulla Battisti) è fallace: da che mondo è mondo lo scarico del cesso salvo perversioni va nelle acque scure (le acque chiare convogliano i restanti scarichi). L'idea che questa mia amica nel futuro sarà costretta ad usare carta e poi stiparla in un cestino non mi sembra profumata per lei e per gli altri né raffinata per chicchessia. Ma si sa che uno alle proprie cose ci tiene. Forse troppo.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 17/10/2005 @ 09:28:41, in diario, linkato 846 volte)
E' tratto dalla raccolta LE PIACEREBBE ESSERE STATO MOZART? e si intitola I MIEI TRE BRAVI POLIZIOTTI. Bichsel, la trama dei cui racconti è spesso un ragionamento, qui si diffonde sul riconoscimento dei poliziotti, sul senso dello spionaggio e del segreto di Stato. Il pensiero è disarmante, limpido, efficace. C'è dentro l'evoluzione di tutto quello che una volta nella vita abbiamo pensato nel vedere persone fare con rigida meticolosità il gioco serio del nulla.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 5662 persone collegate

< settembre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
       
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020

Gli interventi pił cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie pił cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








29/09/2020 @ 09:32:05
script eseguito in 918 ms