Immagine
 letto scomodo di claus... di Carvelli
 
"
L'amore è come l'alcool, più sei impotente e sbronzo e più ti credi forte e scaltro, e sicuro dei tuoi diritti.

Louis-Ferdinand Céline
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 27/01/2005 @ 10:28:40, in diario, linkato 901 volte)
Il principio non lo so qual è. Il freddo? E il letargo? Non dovrebbero starsene lì buone con le loro provviste? E invece eccole. Invasione. Forse scendono dal terrazzo sovrastante, abbandonano l’intercapedine per la neve. Per la fame. Un piccolo esercito di migranti. L’asilo politico lo chiedono ai biscotti, allo zucchero. Metto tutto in frigo.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 27/01/2005 @ 09:28:50, in diario, linkato 773 volte)
Eccola. E' arrivata. Invocata, chiamata, desiderata, come un prova di idee più soffici, come una possibilità di pensieri più bianchi. La neve. Sul tetto qua di fronte. Sul tetto di questa piccola casa. In cima. Sul davanzale, sui legni in attesa di essere montati. la neve è arrivata e con lei la pace. la cancellazione di qualsiasi scossa di pochezza che ci diamo con le cose poco importanti che diciamo, che facciamo come se ne pretendessimo l'assoluto. La neve.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 26/01/2005 @ 16:22:25, in diario, linkato 865 volte)
A Natale mi è stato regalato un doccia-schiuma. Non da solo. Con altro. Del tipo DOCCIA THAILANDESE RINVIGORENTE all'Hibiscus. Buono e soprattutto comprato in tempi non sospetti. Nella targhetta c'era scritto "Esiste un mondo dove saggezza è saper pensare al corpo e ai sensi senza dimenticare lo spirito". La linea del prodotto era quella del Rituale del Sé (sic!). Che tempi profondi in cui viviamo.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 26/01/2005 @ 10:01:36, in diario, linkato 708 volte)
Oggi Roma è da neve. Non ieri. Oggi Roma sembra intirizzirsi nei calcinacci e nei platani, nei balconi, nelle vetrine dei negozi ancora chiusi, nelle pescherie lasciate pulite dal giorno prima, lavate con la pompa. Oggi Roma si chiude nel dolore del gelo anche se una ragazza tedesca in sandali e gonna leggera, senza calze, sembra fare ironia sui passi più coperti dei romani. Ora che non si può più fumare la gente fuma di più in strada, la bocca – solo la bocca – appena dischiusa dalla sciarpa e le mani coi guanti (credo di non avere mai fumato coi guanti o non ricordo).  I passi intirizziti e fasciati di giacconi e cappelli con le orecchie fanno fumo. Del corpo o nicotina. Se nevicherà si farà tutto bianco quello che ora è grigio.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 25/01/2005 @ 09:45:36, in diario, linkato 773 volte)
Merita attenzione la casa editrice Nottetempo  che rappresenta uno dei più interessanti esordi nel mondo editoriale. Interessante è il poco tempo che ha impiegato per avere una sua strategia, un suo piano editoriale, una sua visibilità. I libri sono belli. Ben scelti. Ma tutto questo non sorprende chi sa. Chi sa chi e cosa c'è dietro (nessun mistero, solo tanta conoscenza e pratica dell'editoria). Quello che trovo assolutaemnte favoloso (per la sua scarsa pratica), dignitoso e sano (oltre che sobrio) è la scelta. La scelta ad esempio di puntare e seguire i propri autori. Due Morelli e due Ottieri. C'è un procedere. Un andare avanti, una progressione, una fiducia ed è bello (e suona bene) per entrambi: editore ed autore.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 25/01/2005 @ 09:42:50, in diario, linkato 787 volte)
 
L'espresso

Abbonamenti | Mappa del sito | Scriveteci

Cerca con Google   
Cerca su L'espresso

HOMEPAGE | LE OPINIONI | BLOG | IL GIORNALE IN EDICOLA | NEWS | VOTA | NEWSLETTER

25-01-2005

Attualità | Mondo | Cultura | Economia | Borsa | Tecnologia | Salute | Società | Moda | Sport

Manda l'articolo a un amico Versione per la stampa



Aspettando Morfeo

Solo in Italia l'insonnia colpisce una persona su tre. I dati e le soluzioni della scienza per sconfiggerla. Perché dormire è importante. Anche per capire come siamo


di Monica Maggi



Dormire sembra essere diventata un'attività sempre più complessa. A Milano il 28 gennaio prossimo si terrà un congresso dal titolo esplicativo: "Movimenti patologici nel sonno: dalle parasonnie alle epilessie". Sono sempre più le persone che soffrono di disturbi del sonno: solo in Italia i dati parlano di una persona su tre, particolarmente colpite le donne.

Nell'insonnia vanno anche considerati i microrisvegli, che diventano preoccupanti se in numero eccessivo nell'arco di una sola notte. L'insonnia ha forti ripercussioni sulla nostra salute. Tra le complicazioni più immediate sono le sofferenze e i disagi diurni: stanchezza, sonnolenza, colpi di sonno ma anche mancanza di concentrazione, irritabilità, cali di rendimento e diminuita efficienza .

L'insonnia, recentemente, a causa della tv e degli eccessivi impegni diurni, sta colpendo anche i bambini. Avi Sadeh, del dipartimento di Psicologia dell'università di Tel Aviv ha tenuto sotto osservazione 77 bambini, registrando per cinque giorni l'ora di "nanna" e quella della sveglia, e ha misurato durante il giorno le loro capacità in test di prontezza e apprendimento. Dopo i primi due giorni lasciati ai ritmi naturali di ciascun bambino, nei successivi tre lo scienziato ha tolto o aggiunto un'ora di sonno per valutarne l'impatto. Alla fine si è scoperto che anche una sola ora di sonno in meno è in grado di alterare le capacità cognitive dei piccoli. Chi riposa di più è più sveglio e reattivo.

Per sconfiggere l'insonnia potrebbero bastare un paio d'occhiali. Un'equipe di esperti dell'università di Adelaide, in Australia, ha messo a punto lenti speciali che funzionano a batteria e proiettano una luce blu. La teoria sostenuta è che il colore possa riassestare l'orologio del corpo. La luce del sole, infatti, ha effetti benefici sul cervello e la fototerapia è comunemente usata per trattare i disturbi d'umore stagionali. "La sperimentazione clinica - ha riferito il prof. Donald Duthy che ha guidato il progetto - indica che indossare per un paio d'ore i foto-occhiali è sufficiente per prendere sonno serenamente". L'oggetto miracoloso dovrebbe entrare in commercio prossimamente, a un costo approssimativo che varierà dai 55 ai 110 euro.

Al di là delle difficoltà il sonno rappresenta per molti un momento sacro e sul web non mancano piccoli templi dedicati al dio Morfeo. Tra i pià curiosi i Cacciatori di materassi ovvero i cybernauti che contribuiscono ad arricchire il nutrito database di www.streetmastress.com . Fondato il 27 giugno 2001 da due ragazzi, Noonan e Adam, il sito raccoglie più di 1.200 fotografie solo ed esclusivamente di materassi. Le foto migliori sono premiate per categorie: bambini, donne, mercati, strade.

In rete c'è anche chi si esalta a bearsi della vista di signore e signorine che riposano. Un certo Allan ha messo on line un sito dedicato solo ed esclusivamente a donne dormienti: sleeping-beauties.com . "La mia è una fantasia innocua - dice, per spiegare il suo voyeurismo- Le modelle e le attrici che hanno partecipato a questo progetto si sono divertite molto". Si va dai 31 dollari e 95 centesimi per il filmato più economico, ai 49 dollari e 95 per quello più caro. Il catalogo comprende ben 22 titoli.

C'è invece chi ha raccontato la propria e l'altrui vita di letto in letto. E' Roberto Carvelli che nel suo "Letti" narra come cambia l'esistenza cambiando, appunto, giaciglio. E ancora: si può capire molto da chi ci dorme accanto. Basta osservarlo mentre si gire e si rigira nel letto, e intuire cosa nasconde nella sua psiche. Perché il nostro corpo, dice una recente ricerca, parla anche quando ci abbandoniamo tra le lenzuola, rivelando senza censure alcuni lati del carattere. Ad affermarlo è uno scienziato britannico che sostiene di poter interpretare i tratti più salienti della personalità di una persona, dal modo in cui si abbandona nelle braccia di Morfeo. Lo studio, condotto dal professor Chris Idzikowski, individua alcune posizioni chiave. "Siamo tutti consci del linguaggio del nostro corpo quando siamo svegli, ma questa è la prima volta che siamo riusciti a determinare che cosa dice di noi la nostra posizione subconscia", ha dichiarato Idzikowski. Dalla ricerca è anche emerso che si tende ad adottare sempre la stessa posizione nel sonno, e che solo il 5% delle persone sperimenta ogni notte posizioni diverse.

LA POSIZIONE FETALE
La posizione più diffusa è quella fetale. Il 41% delle persone infatti si addormenta rannicchiato su un fianco e a scegliere questa posizione sono soprattutto le donne, il 51% delle quali non riuscirebbe a chiudere occhio se dovesse adottare una posizione diversa. Ad assumerla di norma sono persone che nonostante le apparenze, sono molto sensibili e timide.

LA STELLA MARINA
Chi dorme "a stella marina", ovvero sul dorso con braccia e gambe spalancate, tende ad essere una persona che sa ascoltare, ha facilità a fare amicizia e non ama essere al centro dell'attenzione.

LA CADUTA LIBERA
La posizione "a caduta libera", propria di chi giace sulla pancia dando le spalle al mondo, è la meno frequente delle sei considerate. Solo il 6,5% la indica come quella preferita. Chi l'adotta ha spesso un atteggiamento spavaldo e socievole, ma in realtà nasconde una personalità nervosa e di solito ha difficoltà ad accettare osservazioni critiche dirette alla propria persona.

IL SOLDATO
Il "soldato", che come "la stella marina" dorme sul dorso ma con le braccia lungo il corpo e le gambe dritte, è di norma una persona silenziosa e riservata che esige molto da sè..

IL TRONCO
Il "tronco", che dorme su un lato con gli arti a piombo, è spesso un individuo socievole, rilassato anche se talvolta può essere considerato un po' credulone.

IL BRAMOSO
Infine, il "bramoso", il quale ha una posizione simile a quella del "tronco", ma è un po' curvo con le braccia allungate in avanti, è di norma un soggetto ambiguo, cinico e con un approccio molto razionale alla vita.

Delle sei posizioni, quella "a caduta libera", nonostante nasconda personalità difficili, è quella che facilita la digestione, mentre "le stelle marina" e il "soldato" hanno maggiori probabilità di avere sonni difficoltosi e di russare. La stragrande maggioranza della gente infine ama addormentarsi lasciando una gamba o un braccio fuori dalle lenzuola.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 24/01/2005 @ 16:42:55, in diario, linkato 882 volte)

Con queste foto. Di Francesca Woodman. Belle.

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 24/01/2005 @ 10:41:25, in diario, linkato 739 volte)
ricerca
home
archivio
frequenze
condizioni
dependance
ascolta
redazione
consigli ascoltatori
recensioni ascoltatori
interviste
salto dello squalo
forum
merchandising
cerca
Segnala il servizio ad un amico Scrivi un commento sul servizio Visualizza i commenti degli utenti (0 commenti inseriti) Visualizza la versione stampabile

21/01/2005 - UNA VITA A LETTO: L’AUTOBIOGRAFIA SDRAIATA DI CARVELLI.

Il libro che leggiamo questa sera è un libro di narrativa ma abbastanza atipica, ibrida. Sono brani brevissimi, che hanno una natura di racconto, ma sono anche in qualche misura poetici. Si tratta di una narrazione autobiografica che passa per un elemento fondamentale delle giornate di tutti noi, al quale molto spesso non si pensa, cioè il letto. Il libro si intitola LETTI ed è di Roberto Carvelli, di cui abbiamo parlato a DISPENSER a proposito del suo saggio sul mondo del porno. Anzi, a dire la verità l’abbiamo proprio intervistato e volendo andando su dispenseronline.it potete trovarla nel settore interviste e ascoltarla. Evidentemente il letto occupa almeno un terzo delle nostre esistenze, e delle stesse condivide gli stati d’animo e le fasi della vita. Non c’è modo, visto che a letto si praticano soprattutto il sonno e il sogno, scollegare il riposo dal resto. Anzi, è un po’ il momento in cui le sostanze disciolte nelle giornate, che noi lo vogliamo o no, si depositano sopra di noi, nel momento in cui non possiamo scappare, nel bene e nel male. Un piccolo libro originale da non leggere troppo velocemente. Facendo così finisce subito. E’ più una cosa da sbocconcellare quando capita. Una pagina alla volta, piano piano. Leggiamo un brano che riguarda il terzo letto, un letto fondamentale per la crescita personale di ognuno, quello della prima indipendenza. Roberto Carvelli – Letti.

ROBERTO CARVELLI
LETTI
VOLAND
LIBRI PICCOLI
E10

Abbiamo sentito un libro che parla di letti ed è impanato in quella nostalgia particolare che ti prende quando ripensi ai letti, un sentimento d’altri tempi, un po’ da tende di velluto. A questo proposito risentiamo un gruppo retrò interessante che sono i NON VOGLIO CHE CLARA. Ma parliamo della casa discografica, che si chiama AIUOLA e che ha anche pubblicato gli strainteressanti BABALOT. La copertina del disco dei NON VOGLIO CHE CLARA è una fotografia, attenzione, scattata da Matteo Colombo, noto traduttore dall’inglese che conosciamo bene e che nominiamo spesso perché traduce sempre più figate tipo Palahniuk o David Sedaris. Il soggetto della foto invece è la fidanzata del proprietario della casa discografica. E questo per fornire un servizio completo a un’etichetta che ha come slogan “etichetta pop piccola ma curata”. Questi sono i “Non voglio che Clara” il disco si chiama Hotel Tivoli e questa è la canzone che apre il disco: “Quello con la telecamera”.

NON VOGLIO CHE CLARA - QUELLO CON LA TELECAMERA

Matteo "Ferrato" Bordone

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 24/01/2005 @ 10:15:35, in diario, linkato 764 volte)
L'altro giorno (domenica/Repubblica) bel pezzo-intervista a Gerard Depardieu da cui si evince: smart, passione per la cucina, italiana in particolare, piemontese (tartufi in particolare), ma soprattutto sua relazione con la Bouquet. Ebbene, sono certo di aver udito e di aver replicato la seguente notizia: Depardieu da alcuni masi sta con Fanny Ardant. Imbarazzato vorrei ricordare a chi e quando abbia inoltrato questo pettegolezzo errato. Mi era già capitato con un analogo riferito a Nanni Moretti. Me ne ero fatto superficiale latore. Ora dico basta. Un mio basta. O meglio provo a tagliarmi fuori da questa corsa al privato, alla familiarità con persone ed eventi in primo piano. E' un gioco terribile di cui non capisco le cause precise: vanagloria, arroganza, complicità, sicurezza... Un mix terrificante comunque sia.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 21/01/2005 @ 14:59:11, in diario, linkato 711 volte)

Guardate qui

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 1060 persone collegate

< agosto 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








05/08/2020 @ 04:26:41
script eseguito in 600 ms