Immagine
 Il letto di aegina... di Carvelli
 
"
Non esistono terre pure o terre impure di per sè, ma solo la bontà o la malvagità della nostra mente.

Nichiren Daishonin
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 27/02/2004 @ 12:03:45, in diario, linkato 1005 volte)
Ieri serata "stupendissima" che si apre con calze corte a gambaletto a strisce sotto acqua a catinelle. Andiamo con macchina variopinta (dentro, fuori zozzissima) di personalità multiformi (oddio ieri davvero non ce n'era uno/a uguale) verso Distillerie Clandestine dove si vedrà mostra di fumetto. Naturalmente uno di sti locali dove paghi l'aria che respiri e dove alla fine non gliene frega un cazzo di fumetto e arte ma ce lo mettono così...tanto per dire che...se capitasse uno/a che...noi siamo aperti a questi discorsi ( sic!!!! ). Beh la serata ad essere sinceri ha avuto momenti dubbi...tipo UNO SU MILLE CE LA FAI cantata a squarciagola da... E offese personali (personali a me) e tutta una terapia (ma poi utile?) di aumento dell'autostima che forse proseguirà...vediamo...Alla fine tutto 'stupendissimo'...condivido.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 26/02/2004 @ 08:18:15, in diario, linkato 936 volte)
La mia vita senza me. E’ un film irritante che pensa gggggiovane, girato ggggiovane con cliché tipichi dell’essere ggggiovani e con un pensiero femminile oddddddddddddddiiiiiiiiooooooooooo. Soldi sprecato per un altro deliquio sulla morte (Invasioni barbariche, 21 grammi…ma anche Primo amore a sto punto) con tormenti di anima giovane. Film freddo fatto solo di piccolezze (ma è bella l’idea dlla nota di cose da fare prima di morire). Delirio di onnipotenza in punto morte, harmony della correttezza politica. Film da ragazzette e per ragazzette, pensato per loro, pensato da loro (nessuna offesa è solo che per fare una donna da una ragazzetta bisogna aggiungere talmente tanti ingredienti che è meglio lasciar perdere). Tempo e soldi persi… anche quelli di Almodovar che produce e da imprimatur… A che scopo?
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 26/02/2004 @ 08:16:54, in diario, linkato 10888 volte)
Edizioni e/o “In culo oggi no”. Così, tanto per rimasticare l’assonanza che ha reso ilare il mio Capo. E’ un libro di Jana Cerna, la figlia della famosa Milena di Kafka, nata 1928. Un librino sull’amore del corpo di tono alterno sull’alterno dei materiali narrativi. Alla fine si salvano le poesie tra le quali quella che ispira il titolo della raccolta che mischia intimità e quotidianità, stima e adesioni: “In culo oggi no/ mi fa male/ E poi vorrei prima chiacchierare un po’ con te/ perché ho stima del tuo intelletto/ Si può supporre/ che sia sufficiente/ per chiavare in direzione della stratosfera.” O: “Le fiche si cuciono su misura/ e al sarto gli si dice/ Mi ci metta una fodera di seta/ e non metta bottoni/ Tanto la porterò slacciata/ Si cuciono quindi così/come la biancheria da uomo.” Si salva ance la “Lettera” di Honza che termina con un repertorio invidiabile di affezioni del corpo ma principia con un invito alla non ragionevolezza (“difendetemi dalla peste dal tifo e dalla ragionevolezza”). E ora “L’amore molesto”.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 25/02/2004 @ 14:26:47, in diario, linkato 879 volte)
Delle volte ti capita di entrare in un ex-cinema - non dico dei bingo... e chi ci va!? ma magari di un supermercato - e ritorni in un posto in cui hai memoria di film bellissimi o di film punto. Ti muovi come per riconoscere la sala che fu. Alle volte lo fai anche con le mutisala. E ti domandi: questa è la metà di quella? la sua parte superiore? Vorresti risentire l'odore dei popcorn, ritrovare il buio e la luce della maschera (e magari sei l'ultima generazione a ricordare quelle lucette basse che si muovevano a passo di donna e tacchi), il passo fosco che guidava ai bagni, le tende di velluto (quasi sempre rosse come se fosse cliché) pesante o le porte a saloon, quei lampadari che c'erano (e ci sono ancora ma raramente) e i biglietti strappati a formato autobus. Ti sembra di risentire frasi, dialoghi battute. Magari è tutto ancora lì, nell'aria dei capi delicati, delle offerte speciali, dei banchi pesce. magari no, magari sono solo voci che senti tu, magari stai male ed è bene andarsi a far vedere da uno bravo. O no. Meglio andare al cinema e non pensarci.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 25/02/2004 @ 07:59:35, in diario, linkato 917 volte)

Sabato su TTL Stampa, un articolo recensione sugli odori firmato da Mirella Serri. Dritte di lettura che ci porteranno in libreria a sperperare denaro: la saggistica è diventata davvero troppo cara (vedi Feltrinelli per capire, con la sua serie rossa all’apparenza economica e poi da salasso). Riguardo agli odori alla deodorizzazione dei tempi moderni, alla perdita dei grandi profumi culinari del mattino, quello delle famiglie di una volta e qui – nella mia zona – trasferito nelle famiglie non-italiane ci sarebbe tanto da dire.

E dico questo asserragliato dall’odore del cloro trai polpastrelli del mio ritorno pur docciato dalla piscina, l’odore del sigaro della casa già dal primo mattino, così, una specie di allarme-disincentivo amicale e dall’altra un piacere riservato. Ovviamente l’articolo metteva in risalto la pur facile identificazione odore/sesso, la qual cosa viene naturale come con il cibo. Ma anche l’odore dei soldi: carta speciale che infatti non ritrovi da nessun’altra parte. E carta per carta ecco il libro, acquistato con la mente e con gli occhi (ah le copertine!!!) e poi conosciuto con l’olfatto. E il giornale di primo mattino. Da oggi ho ripreso la caffettiera dopo un black-out da bollitore elettrico e the al bergamotto solidale. Se ne sarà accorto qualcuno, lungo le scale della nostra mancata casa comune? Forse no, si saranno accorti solo che l’antico toscano regna ancora e la casa comune stenta ancora. Perciò.

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 24/02/2004 @ 11:55:40, in diario, linkato 919 volte)

Vorrei trovare un motivo qualsiasi per dire che sabato io e il mio fratello genovese non abbiamo perso tempo e soldi ma non lo trovo. Ci provo ma non lo trovo. Perché davvero abbiamo perso soldi, davvero abbiamo perso tempo. Davvero. E abbiamo perso soldi (noi e altre sei persone) per essere andati a vedere "La rivincita di Natale". Un film che non si può consigliare nonostante sia figlio (e seguito) del bellissimo "Regalo di Natale". Un film assurdo con una visuale della vita, della donna, dell'amicizia mortificanti. Non sono io che devo fare lezioni di bon ton... no no... ma certe femministe scatenate potrebbero sprecare strali per questi film non per altri magari che fanno oggetto una donna di oggettività... ma è così che alla fine la visuale mortificante di cui sopra è anche abbastanza ingenua e coglionciona e quindi di che strali parli? a cosa sprecarli? Che cosa potevamo fare invece che buttare euri in minchiate bolognesi (s'intende Bologna non è oggetto del mio dissenso), opportunismi stantii... davvero ora mi sembra tutto... magari anche andare a vedre un Verdone che tutto sommato magari ti tira fuori due battute divertenti... Comunque alla fine siamo stati insieme dopo mesi e fa piacere così... Certo l'irritazione era tanta alla fine ma dopo stavamo in una casa molto famigliare con bimba piangente, universi sconosciuti alle pareti domestiche mie. Certe volte è bello essere in questi altrove in cui ti senti altro ma tutto sommato stai bene. Una sensazione di condivisione molto generica che ti fa dire ecco, questo è un tipo di vita che esiste, che c'è, che è così ed è bella perché ha queste caratteristiche qui. Forse alla fine di tutto quello che c'è resta la maggiore o minore giustificazione. Il fatto che tutto sia in tono, che abbia un senso armonico. Ecco, in fondo, questa è l'armonia che ti fa approvvare apprezzare applaudire vite tanto diverse sollevandoti dal sospetto di indecisione, incertezza.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 23/02/2004 @ 09:50:57, in diario, linkato 866 volte)
Sì io c'ero. Davanti alla tv dico. Ieri sera, intendo. Con Mister B. a straparlare - ma peggio sono stati i deferenti giornalisti mazzettari che lo lasciavano disarginare. C'ero e non sapevo se piangere o se ridere come succede da sempre da quando Mister B. ci delizia con barzellette e trastulli vari. C'ero e ridevo come si ride di un ragazzino che fa lo spiritoso senza rendersi conto delle implicazioni. C'ero e mi sono gelato adavnti alla telefonata dell'Annunziata che è stato come un secchio d'acqua gelata sulla superficialità adolescenziale che ci faceva dire ma guarda questo. E' stato il fratello maggiorie, la sorella, l'adulto che ci diceva...ma vi siete accorti? No, non ci accorgiamo. Molti neppure ora. Eppure la gravità deborda. Ecco il problema dei ruoli. Ecco l'incompatibilità delle cariche. Delle cariche in apparenza alienate da sé e invece... Siamo alle corde... alle corde mentali di questo processo di consenso assoluto, di assenso preventivo che chiamare regime è poco, perché evoca scenari diversi, troppo diversi. E troppo più chiari. Qui siamo alle corde e sono corde diverse, quelle dello spegnimento del cervello a cui tanto aiuta il mezzo televisivo. Sulla deferenza altro da dire ma...
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 22/02/2004 @ 22:34:46, in diario, linkato 2990 volte)

Il fatto è questo. Che un po’ per curiosità e un po’ perché carnevale è e ce lo dice la mitica banda del circo prenestino, itinerante per Pigneto che si va a Teatro. Che è un fatto ahimè raro per me (essenzialmente il costo, essenzialmente perché prima lavoravo di notte e quindi…) insomma si va a teatro. E si va a vedere la Cescon, fondamentalmente. E fondamentalmente perché se abbiamo pensato che “primo amore” tutto sommato era un bel film era per lei, non per la sola bella fotografia. E a teatro è vero è brava. Molto. E anche il suo coprotagonista Malosti (anche adattatore e regista dello spettacolo).

 

Bravi due. Ma il fatto è che il teatro più dl cinema è il luogo della tradizione e a cinque “succhiacazzi” e “stronza” una signora anziana nel buio ha detto “gli stronzi siamo noi che rimaniamo invece di andarcene” e doveva sentircisi pure tanto è vero che è rimasta fino alla fine. Un’altra per dire se n’è andata e alla fine davanti a noi quattro signorette che si sono sbellicate (invece) hanno contato cinque. Cinque defezioni. Noi invece non si sapeva dove guardare. Se sul palco di INVERNO di Jon Fosse o nella platea del Piccolo Eliseo dove era in scena la irritabilità e la simpatia. Ci siamo un po’ divisi dando voti alti agli attori e alle signore prospicienti e un po’ meno al testo che comunque oltre il turpiloquio e grazie ad esso aveva tante cose da dire. Tornando alla Cescon, il tesoro si è davvero dimagrita e verrebbe da mandargli teglie invece di fiori nel camerino. Le gradirebbe?

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 20/02/2004 @ 08:13:01, in diario, linkato 799 volte)
Mi sembra banale dire (ma finora non l'ho sentito da nessuna parte e leggerò oggi i giornali per verificare) che la posizione del riformatore Kathami ora pesce in barile, sia in crisi di slancio democratico essenzialmente per la politica estera USA. Non credo che in un paese mussulmano oggi come oggi sia facile incoraggiare alle riforme. Dopo bombe, attacchi preventivi o presupponenti (atomica ecc.). Se c'era una speranza ad oriente forse ora non ci potrà più essere e temo che qualcuno abbia responsabilità senza che se le senta. Scenari di guerra e marcia indietro.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 20/02/2004 @ 08:07:53, in diario, linkato 746 volte)

Stamattina facciamo colazione insieme...

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 397 persone collegate

< novembre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








24/11/2020 @ 22:27:00
script eseguito in 638 ms