Immagine
 Letto L3... di Carvelli
 
"
"Ho vissuto solo così a lungo che tutto quello che mi circonda è personale, privato. Non mi meraviglierei se non ci fosse più nessuno in grado di capire quel che dico". "Io ti capirò," disse con tenerezza. "Dammi solo un po' di tempo... e capirò tutto quello che dirai." Si strinse nelle spalle. "Ho anch'io un mio modo personale di scherzare..." "Da oggi in avanti..." dissi, "uniremo di nuovo i nostri codici privati e ricostruiremo un'intimità a due". "Sarà molto carino," disse. "Ancora uno stato a due," dissi. "Sì," disse.

Kurt Vonnegut
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 27/10/2011 @ 14:31:38, in diario, linkato 743 volte)

Assaggi&Paesaggi su SETTE del Corriere della Sera (27 ottobre 2011):
Assaggi&Paesaggi di Roberto Carvelli. Un viaggio tra le regioni italiane per riscoprire i sapori e le eccellenze della cultura enogastronomica del nostro Paese. Insieme a citazioni, fotografie e consigli pratici: una guida da tenere sempre con sé.

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 27/10/2011 @ 09:04:15, in diario, linkato 1086 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 27/10/2011 @ 08:53:46, in diario, linkato 869 volte)

Ho trovato un bellissimo racconto nella raccolta Il percorso dell'amore di Alice Munro. Si intittola Miles City, Montana. Ne cito un brano:
"Quanto a me, mi appagava la sensazione di lasciarmi ogni cosa alle spalle. Adoravo partire. Anche in casa mia, mi sembrava di essere spesso alla ricerca di un nascondiglio - a volte dalle bambine, ma più sovente da tutti i lavori da sbrigare e dal telefono che squillava e dai vicini troppo socievoli. Volevo nascondermi così da potermi dedicare alla mia vera occupazione: una sorta di corteggiamento a distanza di certe parti remote di me. Vivevo in stato di assedio, con l'ossessione continua di perdere ciò che volevo trattenere".
Nella Munro c'è un costante senso del pericolo. Una minaccia incombente. Spesso piccola ma foriera di conseguenze temute. Ma preventivate. Come se il personaggio vedesse altro, anticipasse. Eppure, nel narrare, si mette dalla parte del comune spettatore che quel pericolo non vede e trasmette un senso di tranquillità che poi verrà rotto da un accadimento. Solo insinuato dalla sensibilità del narratore. Lo stile della scrittura è preciso, non lezioso. E questo rende il racconto raffinato ma non altezzoso. Anche se - e questo conferma le mie difficoltà da lettore talvolta superficiale quale sono (talvolta) - tanta precisione e tanta naturalezza senza l'acume della sensibilità possono risultare ostiche o noiose.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 25/10/2011 @ 10:14:01, in diario, linkato 629 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 25/10/2011 @ 09:10:21, in diario, linkato 627 volte)
Di Claudio Piersanti tutti abbiamo apprezzato finora e apprezziamo alcuni di noi la grazia del racconto. Ma forse da qualche tempo. Da dopo Luisa e il silenzio per essere più chiari. Da qualche tempo, dicevo, qualcuno tende a fargli pagare lo scotto dell'abbandono della provincia. Forse corrispettivo di un passaggio biografico. Eppure anche s rimaniamo affezzionati a quel libro - la sua cosa migliore insieme ai racconti de L'amore degli adulti e al romanzo Gli sguardi cattivi della gente - non possiamo non apprezzare il coraggio de Il ritorno a casa di Enrico Metz e di questo ultimo I giorni nudi. Due testi che affrontano con lucidità e verità un pezzo di storia italiana (il post tangentopoli, il passaggio dal tutto al nulla di un potente che poi nulla non è) e di un cambiamento dei costumi (sto volando basso). L'ultimo libro, in particolare, ha la forza del faccia a faccia con quegli amori tardivi (ma perché chiamarli amori e perché tardivi se l'amore rimane cinicamente agganciato a una paura e a un nichilismo di cui molti sono vittime, compreso il suo protagonista?). In particolare Piersanti forse per la prima volta dà spazio alla sessualità non accontentandosi di rappresentarla ma impegnandosi a significarla. Ed è già un merito. Non si discute che L'appeso e Charles possano essere dei testi incompiuti (il primo oserei pensare per scelta, il secondo per giovinezza di scrittura - era un testo più antico?) ma i libri successivi a Luisa e il silenzio meritano di essere considerati come un coraggioso percorso di ricerca fatto di scarti e spostamenti da un centro asseverato (la provincia, le storie intimiste e solitarie) e anche questo è meritorio. Forse noi a un autore chiediamo sempre di non cambiare, di serializzarsi, di ridarci quel che già ci ha dato (e a pensarci bene tutto ciò spiega il successo di autori come Camilleri e Carofiglio ma forse anche un De Luca, successi di pubblico più che di autori senza nulla togliere agli scrittori in questione). Siamo lettori cronici o cronicizzati? Spero nessuno dei due. E spero che neanche i critici cadano nel tranello dell'atteso.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 24/10/2011 @ 14:55:01, in diario, linkato 669 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 24/10/2011 @ 14:41:13, in diario, linkato 422 volte)

Ricordate Baroncelli? Quello di Mosche d'inverno? Perché lasciarlo impolverare? Cito ancora uno dei morti per anzianità. E, in questo caso, c'è da morire d'invidia. Quella di Walser che già spesso ho qui commentato e linkato.

Robert Walser

"Beati quelli che possono godere della disperazione"
R. WALSER

Herisau, 25 dicembre 1956. Di passeggiate è vissuto, e di passeggiata muore. E' uscito come sempre e non ritorna. E' uscito nel parco spopolato dal Natale, dove spera di sentire l'eco dei suoi passi. Dove era diretto? Lo trovano imbiancato dalla neve, su cui ha lasciato quell'illegibile stenografia di orme.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 21/10/2011 @ 11:44:47, in diario, linkato 364 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 21/10/2011 @ 11:34:29, in diario, linkato 382 volte)


"La gente non ha pazienza con questo genere di struggimento, e perché dovrebbe del resto? Chi ne soffre deve fare a meno della comprensione altrui, rinunciare alla dignità, contenere i danni. E come se non bastasse, qualcuno si prenderà pure la briga di farti sapere che il tuo non è vero amore. Questi accessi di desiderio e dipendenza, venerazione e attaccamento morboso, queste trasformazioni terrificanti sebbene auspicate non sono vero amore".

Ci ho riprovato. Con Alice Munro. Una delle più straordinarie autrici di racconti a cui arrivo però sempre con poco fiato. Ecco, lo dico, con questa scrittrice canadese non riesco a spezzare il fiato. Come nella corsa arrivo a venti minuti e mi fermo. Devo prendere fiato. Riposare. Non vado avanti. Mi è successo con Il sogno di mia madre, libro caldeggiato da una mia amica. Ora, con Il percorso dell'amore (da cui ho citato Lichene - non vi do spiegazione del titolo, trovatela da soli) supero il limite personale e godo della grandezza dlla sua scrittura. Ma devo respirare molto.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 21/10/2011 @ 08:59:41, in diario, linkato 332 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 601 persone collegate

< ottobre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020

Gli interventi pių cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie pių cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








31/10/2020 @ 19:39:47
script eseguito in 575 ms