Immagine
 Il letto cullacuccia di Edlin... di Carvelli
 
"
Avevo amato le donne con le quali ero vissuto. Tutte. E con passione. Anche loro mi avevano amato. Ma sicuramente con maggiore sincerità. Mi avevano dato un po' di tempo della loro vita. Il tempo è una cosa essenziale nella vita delle donne. Per loro, è reale. Per gli uomini, relativo. Mi avevano dato molto. E io, cosa avevo regalato? Tenerezza. Piacere. Felicità sul momento.

Jean-Claude Izzo
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 17/07/2007 @ 16:09:21, in diario, linkato 579 volte)
Negli uomini è più evidente. Nei maschi più o meno giovani. Nelle donne pure si nota. Parlo del passaggio tra l'essere e il sentirsi belli/e. Parlo di quando un ragazzo bello ma non consapevole della sua bellezza superata la soglia di un'età e forse di una maturazione prende a sentirsi addosso quella consapevolezza e a esercitarla. Succede anche nelle donne (spesso traguarda l'età matura fino ad allora vissuta nell'ombra della bellezza non percepita o ingenua), nelle ragazze, ma forse il ricordo più vivo ce l'ho su uomini che ho conosciuto. Racconterò magari, presto. Per ora volevo solo dirla questa specie di effervescenza un po' scomposta che prende. Un po' gigiona, un po' ragazzona. Avete presente? Non so perché ma mi vengono in mente certe facce di calciatori o sportivi. Gente cresciuta bene e sana lontano dal mito edonista di sé. Gente che prima poneva l'etica, anche un'etica semplice (ginnica, salutare), alla base di tutto e che a un certo punto rincretinisce (la parola è un po' forte), scopre che sotto (o sopra) c'era quell'estetica di cui si erano garantiti, senza saperlo magari, i vantaggi e che ora si apparecchiano e ruminano. Un po' scomposti e felici. Totalmente dimentichi di loro, del loro sé etico. Di una volta. 
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 17/07/2007 @ 09:23:13, in diario, linkato 540 volte)

Grazie a tutte quelle (e quelli?) che mi hanno mandato le foto dei loro letti. Li trovate qui nella sezione FOTOGRAFIE-LETTI DI AMICIZIA.

Continuate a mandarli. Vanno bene tutti i letti: i letti di fortuna o i letti di una notte. I letti in vacanza. I letti di una volta. Questo è il letto di Antonella (che mi segue da tempo), in Svizzera. Una specie di tana animale ma molto elegante.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 12/07/2007 @ 17:21:15, in diario, linkato 569 volte)

Sto leggendo Mavis Gallant "Varietà di esilio". Penso a cosa mi piace e mi viene l'idea di questo sguardo un po' freddo e non compromesso che sta bene alla voce e agli occhi di una signora. Quella nitida osservazione senza concessioni alla dolcezza che fa di una donna del secolo passato una specie di maestra di cerimonia del vivere. Non del saper vivere. Del vivere. Perché vivere non si può saperlo.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 12/07/2007 @ 09:11:29, in diario, linkato 566 volte)
Come va? Meglio. E' una risposta che mi piace. Lo dico lontano dall'autobiografismo. Quando la sento mi arriva l'odore di una caramella appena scartata o quello dello zucchero filato o dell'olio a friggere. Odori non per forza felici ma evocativi. Penso: meglio rispetto a cosa, a quando. E non so. Forse voleva dire che prima c'è stata una malattia o c'è ancora. Una separazione, un dolore. Ma anche un'influenza, un trasloco. Meglio e non va spiegato. Perché talvolta è brutto se segue una domanda, un "rispetto a cosa".
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 11/07/2007 @ 14:10:31, in diario, linkato 516 volte)
Non peggio e non meglio di tanti altri. Non più e non meno. Eccello in qualcosa. In altre faccio difetto. Certe volte riesco un po' certe volte manco del tutto. Mi solleva la tranquillità che da 0 a 1 passa molto ma da 0 a 0.000001 un salto può essere compiuto e non è più stasi. Guardo a questo piccolo risultato come ad un traguardo fatto con un handicap. Che, quindi, vale doppio. Ci lasciamo così.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 09/07/2007 @ 09:32:40, in diario, linkato 568 volte)
Ho aggiornato i taccuini. Avete presente quelle persone che vivono in una continua sfida pur manifestando ad uno sguardo più attento una involontaria comicità? Ecco, questo è il mio incontro della mattina.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 06/07/2007 @ 14:53:43, in diario, linkato 579 volte)
Da ieri mi sta in testa. Fisso. Principessa Mononoke. Mi sta in testa e non esce. Ogni tanto devo dirlo. Così, un po' a vuoto: principessamononoke. Neanche sapevo cosa significasse. Ora vedo qui di che si tratta ma non mi quieta. Devo dirlo ancora. Come uno scioglilingua o un mantra. Boh. Passerà. Se ha tutto un senso forse pure avere nella mente una manciata di lettere lo ha. Ma è anche che sono stanco. Un po'. Mi stanca dire sì e no. Ma mi stanca pure dire forse. Sto qui in silenzio mentre nella mia mente scorre questa manciatina di lettere: PrincipessaMononoke.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 05/07/2007 @ 08:40:02, in diario, linkato 771 volte)

Madre Morte

di Roberto Carvelli

Ognuno se ne va quando deve o quando può. Talvolta quando vuole. Suona ovvio dire “quando è ora” specie nei casi in cui, ad esempio, uno scrittore ha una carriera lunga e proficua, importante già da presto. Sembra il caso di Kurt Vonnegut che ha lasciato questo mondo il 12 aprile a New York. Aveva 84 anni e non c’è male. Non c’è male neppure a pensare cosa ci lascia. Libri che hanno il gusto del classico, quel gusto naturale che è sostanza non modo di dire o marketing. Un gusto che in molti casi è dato da una vita civilmente appassionata, una storia che ha avuto pagine importanti in vita prima che in carta. E quando appunto è diventata carta era già letteratura. I libri di cui bisogna parlare con questa enfasi sono diversi ma su tutti ci mettiamo Mattatoio n.5. Poi Ghiaccio-Nove e l’ultimo pubblicato dalla Feltrinelli (che ora detiene gran parte dei diritti di pubblicazione per l’Italia) Madre Notte (€ 7,50). Per chi scrive già questo è un lascito importante. Per altri – Vonnegut ha una schiera nutrita di appassionati divisa in parti uguali tra amanti di genere (la fantascienza su tutti di cui è considerato un erede importante della tradizione) e amanti della letteratura con felicità per chi cerca anche nella finzione posizioni sociali e politiche, un disegno del mondo, un progetto, verrebbe da dire una poetica larga – i titoli di riferimento o quelli amati sono altri a dimostrazione che lo scrittore di Indianapolis è un grande mare.  "Ho vissuto solo così a lungo che tutto quello che mi circonda è personale, privato. Non mi meraviglierei se non ci fosse più nessuno in grado di capire quel che dico". La grandezza di questo autore americano è stata spesso proprio questa: creare nuovi codici, aprire altre piste di comunicazione a volte vie buone solo per iniziati ed ecco la ragione di questa forte fidelizzazione. Ancora in Madre Notte: "Io ti capirò," disse con tenerezza. "Dammi solo un po' di tempo... e capirò tutto quello che dirai." Si strinse nelle spalle. "Ho anch'io un mio modo personale di scherzare..." "Da oggi in avanti..." dissi, "uniremo di nuovo i nostri codici privati e ricostruiremo un'intimità a due". Tutto concilia per far pensare a Vonnegut come ad un maestro, uno scrittore che ha avuto la capacità di aprire una forbice tra fiction e documento e uno che ha saputo nobilitare i generi coniugando l’importanza del gesto creativo con la sua naturalezza. In questa chiave pensiamo alla sua opera completa come ad un unicum complesso. Ma verrebbe da dire citandolo ancora nella pagine di Madre Notte che nella corsa è “la lepre della storia che raggiunge e sorpassa ancora una volta la tartaruga dell’arte”. Kurt Vonnegut aveva origini tedesche e in Germania aveva passato gli anni tristi della Seconda Guerra Mondiale, anni a cui ha dedicato pagine che rimarranno. Pensiamo a Dresda e al bombardamento che l’ha cancellata (lui c’era, come prigioniero). Pensiamo ai crimini nazisti di cui il libro ultimo uscito in casa Feltrinelli è intessuto. Mother Night questo il titolo nel suo originale del 1961 è un libro sorprendente dove la ragione dei buoni e quella dei cattivi fanno cortocircuito. Howard W. Campbell, protagonista del libro e voce della propaganda nazista di Goebbels per gli Stati Uniti, diventerà un idolo dei neonazisti a New York e una preda da safari per chi è a caccia di risarcimenti storici in una linea di unione tra razzismi a varie tonalità ed eroismi non voluti. Vonnegut era considerato un pacifista e il paradosso ricordato da Fernanda Pivano nel suo ricordo pubblicato sul Corriere della Sera il giorno dopo la morte dello scrittore americano è che fosse stato condannato a parlare di guerra e “non chiedermi di Dresda” suona come un saluto di default anticipato a mo’ di simpatico saluto alla critica genovese. Ma forse è l’attendibilità della presenza a dare a queste pagine una forza speciale. Forse è l’essere stato sotto, per fortuna ben più sotto, a dare al racconto di quelle 771 tonnellate di bombe l’impatto oltre che fortunato e torniamo alla premessa di questo saluto-ricordo. C’è una preghiera in Mattatoio n.5 ma forse citarla qui, adesso suona un piccolo risarcimento al dolore di questo addio e un consiglio per andare avanti da soli, come succede: “Dio mi conceda la serenità di accettare le cose che non posso cambiare, il coraggio di cambiare quelle che posso e la saggezza di comprendere sempre la differenza”.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 04/07/2007 @ 08:35:10, in diario, linkato 651 volte)
"Li mortacci tua": gli ha detto così dopo che l'ha riconosciuto al semaforo. Erano tutti e due in moto. Il primo ha dato una botta sul braccio dell'altro e questi "li mortacci tua" gli ha detto. E hanno iniziato un balletto di salti scomposti sulle selle e manate carnascialesche che - è corretto dirlo - sembravano inattesi per due quasi cinquantenni. A Roma è così: la stessa espressione è offesa e saluto. Un po' come succede per "figlio di puttana" che è complimento (arguzia, capacità di vita, saper fare) e offesa. Sarà che la parola puttana è in sé portatrice di valori sani e insani insieme. Ma tutto questo non suoni come offesa. Così, di primo mattino.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 03/07/2007 @ 16:03:44, in diario, linkato 677 volte)

Mi piace il suono delle parole che seguono. Anche solo vederle al bordo della strada mi fa felice come se ci fosse scritto LA VITA NON FINISCE o SAREMO PER SEMPRE FELICI o SIAMO DESTINATI ALLA STORIA E ALL'ALLEGRIA. E invece ci sono scritte queste due parole (una volta una e una volta l'altra, troppo spesso nessuna). le parole per la mia felicità (non solo automobilistica) sono:

COMPLANARE

CONTROVIALE

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3
Ci sono 260 persone collegate

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








06/12/2019 @ 04:47:09
script eseguito in 448 ms