Immagine
 Il letto di Reykjavìk... di Carvelli
 
"
Scopo ultimo dell'azione spirituale è non può non essere una realtà materiale, qualcosa di palpabile e apprezzabile da tutti, un oggetto insomma nella sua accezione più modesta e concreta, o un ordine forzato di fenomeni.

Tommaso Landolfi
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 08/04/2008 @ 14:55:45, in diario, linkato 523 volte)

Dunque? Dunque niente.
Come "niente"? Niente. Non mi piace "dunque", è una parola che odio. Mi costringe e per questo non mi piace.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 08/04/2008 @ 12:07:58, in diario, linkato 593 volte)

E' bello non è bello. Mi piace non mi piace. Che dire di un film di Wong Kar Wai? Che è un film di Wong Kar Wai e in quanto tale fa genere a sé con tutto quel talento un po' prezioso dell'immagine, del ralenti, del colore, delle luci ecc. Che dire poi dei temi? Che dire della direzione degli attori? Ecco, forse ci sarebbe da chiedere quanto e come faccia bene ad un attore essere parte di una tela d'autore. Eccezioni: Mastroianni e Fellini (chi altri con lui?). E con Ferreri? Ci sono registi che mangiano gli attori e registi che...come dire? Tutti li valorizzano, come no...ma in certi casi lo scambio simbolico è più forte e si perde qualcosa in ragione di qualcos'altro. Tempo fa sentii un'attrice rivelare che sì si sarebbe spogliata di nuovo al cinema ma per Wong Kar Wai... l'ovvio sottotesto è che se uno si spoglia per un regista così non si spoglia in quanto lei ma per quello stesso principio di scambio simbolico partecipa ad un'operazione di morte. Un suicidio? In un certo senso. In un altro è qualcosa che ricorda i bambini di satana o qualche setta sacrificale. Ecco la domanda: è giusto morire in cinema? Fino a che punto vale la pena eternarsi in pellicola?

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 07/04/2008 @ 09:31:33, in diario, linkato 602 volte)
Letto: Modi di morire (interessante anche se alla luce di qualche controversia), Necropoli di Pahor (bellissimo ma ne scriverò), La strada di McCarthy (straordinario). Letto anche ipotetica intervista a Murakami sul Corriere della Sera di sabato (troppo poco per dirla tale e troppo lunga per chiamarla recensione: succede spesso che il lampo faccia grande luce - addiritttura annuncio in prima pagina - a dispetto del tuono). Visto: a teatro Trilogia della villeggiatura di Goldoni con un bravissimo Servillo. Al cinema Onora il padre e la madre (bello, ma forse ne avevo già parlato), Nessuna qualità agli eroi, Non pensarci (per cui spendo ora qualche parola), Il petroliere (ne dirò in altri termini dopo, qui dico solo che mi è sembrato un non velato tributo a Kubrik). Non pensarci: non pensateci ed andatelo a vedere. E' una commedia ben diretta e ben recitata. C'è ovunque molta naturalezza, nessuna forzatura, nessuna pretenziosità (come a dire che non gioca con nessun clichè, non accende fumoni che nascondano la reale consistenza del soggetto: quello che è c'è e si vede e questo è importante al cinema cme in letteratura). Un Mastandrea a mia memoria alla sua prova più importante e tiene botta. Bravissimo come sempre Battiston. E, tradisco debolezza, bellissima e brava Anita Caprioli (ai cui danni ho fatto un piccolo furto che spero vedrà luce). Il petroliere: perché cambiare titolo sempre (annosa questione)? Soprattutto quando c'era un titolo inglese così bello e necessario? Dicevo di Anderson che accende incenso al Maestro col K. Un film sull'odio, sulle civiltà dell'odio, basate su. E sugli inganni. Mi ha fatto pensare a Flannery O'Connor. Ma non parlerò del film quanto di una sala parrocchiale che mi ha ridato elisir di lunga giovinezza. A ero il più giovane in sala (e a quarant'anni fa un suo piacere) B non c'era un posto uno libero 3 (A B e 3 è un mio modo di mettere sempre un refuso concettuale nelle elencazioni che mi è stato fatto notare e celebro con diritto) tre euro costava il biglietto. Vorrei che questo fosse un peana alle sale parrocchiali (hai perso un film e lo vedi, paghi pochi soldi, ti riconcili con un mondo che incontri poco. Mi ha fatto pensare alle sale da cinema studentesche o in area di studi. Qui come lì commenti in sala: 1876 (il pubblico ripete a voce la cifra sovrimpressa...perché? Per altri che non vedono?), "eh ma che carogna" (il pubblico partecipa alle sorti alterne dell'eroe). Pi all'improvviso si ricordano di una cosa da fare o rifare o fatta male e ne parlano come se stessero a casa. Shhhhh. C'è qualche appassionato cinefilo e quelli tacciono ma con rincrescimento. Intervallo: si allungano verso un botteghino dove lo stesso che ci ha fatto i biglietti vende gelati, pop corn e altri generi da cinema. Confortante. Da ripetere, nonostante tutto.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 04/04/2008 @ 14:33:50, in diario, linkato 617 volte)
A questo punto in teoria dovrei augurarmi la tua morte ben sapendo che è la seconda scelta. La mia ambizione più grande è che tu capisca. E' solo per l'inevitabile impossibilità che si cede al male minore.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 04/04/2008 @ 08:59:58, in diario, linkato 601 volte)
Riprendo dalla segnalazione di ieri. Ci sono foto di morte che hanno fatto il giro del mondo: Che Guevara per esempio. Ma la morte fotografata da Schels è una morte composta. Composta. Comporre. Si usa questo verbo qui: comporre un cadavere. Questa è l'espressione che si usa e contiene: vestire, chiudere gli occhi, chiudere con un fazzoletto la bocca e gli occhi con le dita. Poi vestire, incrociare le mani. Una composizione. Come un quadro. Come una foto posata. Come queste di Schels. Foto in cui non senti l'aria dentro o fuori quel corpo, in cui non distingui sonno da assenza, in cui vedi come la morte sia lieve e ammorbidisca i dolori. Ma è un fatto non solo scenico. La morte è davvero vita. La morte rinizia, riprende, rivuole e riottiene. Ma non ci si arriva per riflessione. E' questo il brutto della morte (che) il bello è in sé ma è ben celato. Tutti i lavori potrebbero essere lavori della e sulla morte. Tutti. Non solo quelli espliciti.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 03/04/2008 @ 14:56:53, in diario, linkato 696 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 03/04/2008 @ 13:13:18, in diario, linkato 690 volte)

Grazie, del pezzo che mi hai mandato. Lo metto qui. Proprio qui.

 

"Ehi..Ehi..mi senti? Dì qualcosa" disse Midori, la testa ancora sepolta nel mio petto.

"Che cosa?".

"Quello che vuoi, purchè sia qualcosa che mi faccia sentire meglio".

"Sei molto carina".

"Midori", suggerì lei, "mettici anche il nome".

"Sei molto carina, Midori", corressi.

"Molto quanto?".

"Tanto da far crollare le montagne e prosciugare i mari".

Lei sollevò la testa e mi guardò.

"Sai che le espressioni che usi tu sono assolutamente uniche?", disse.

"Solo tu mi capisci davvero", dissi ridendo.

"Dimmi qualcosa di ancora più carino".


"Mi piaci tanto, Midori".


"Tanto quanto?".


"Tanto quanto un orso in primavera".


"Un orso in primavera?", chiese lei sollevando di nuovo la testa, "come sarebbe un orso in primavera?".


"Un orso in primavera.. allora, tu stai passeggiando da sola per i campi quando ad un tratto vedi arrivare nella tua direzione un orso adorabile dalla pelliccia vellutata e dagli occhi simpatici, che ti fa: 'senta signorina, non le andrebbe di rotolarsi un po' con me sull'erba?'. Tu e l'orsetto vi abbracciate e giocate a rotolare giù lungo il pendio tutto ricoperto di trifogli per ore e ore. Carino, no?".
"Carinissimo".


"Ecco, tu mi piaci tanto così".

 

(Haruki Murakami)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ora
Di Carvelli (del 03/04/2008 @ 10:55:03, in diario, linkato 644 volte)

Ti racconto un segreto. Prometti di non dirlo a nessuno?

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 02/04/2008 @ 09:00:38, in diario, linkato 608 volte)
Quando perderai quella tua aria sdrucita, il tuo vittimismo innato, il lamentarti, il dolerti di ogni cosa, l'accusare gli altri, lo spostare continuamente le responsabilità. Quando perderai il rancore, il tormento. Quando ti lascerai alle spalle il gravame del tuo passato infelice. Quando ti libererai di quel prudente attendere che ti si chiami in causa per poi dire "non era compito mio, non toccava a me".
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 01/04/2008 @ 16:51:49, in diario, linkato 609 volte)

Da www.matteobblog.splinder.com/

LE LISTE: 1) COSE CHE MI PIACCIONO

LE LISTE: 1) COSE CHE MI PIACCIONO



Quando in macchina rallento per far passare un pedone o un’altra macchina e loro mi fanno un cenno di ringraziamento con la mano.



Camminare per la città di notte ascoltando musica con l’iPod.



Gli attimi appena precedenti a una registrazione televisiva, quando ancora non si sa come andrà la puntata e tutti sono tra l’ansioso e l’elettrizzato.



Parlare in collegamento video con Skype.



Stare tutta sera sul divano col mio fidanzato a vederci di seguito quattro o cinque puntate di una serie tv registrata.



Il terzo o il quarto giorno in cui mi trovo in una città straniera e percepisco che comincio a conoscerla, che riesco già a muovermi da solo.



Ricevere fra la posta, a sorpresa, un libro che non vedo l’ora di leggere.



Comprare ristampe in cd tra le offerte speciali quando il prezzo è così basso che non mi fa sentire in colpa per acquisti anche avventati.



Il momento in cui capisco che ho raggiunto il numero sufficiente di racconti per realizzare un nuovo numero di ‘tina.



Guidare per lunghi tragitti con la musica che sembra perfetta per quello specifico viaggio.



Conoscere i lettori nei luoghi più inaspettati.



Controllare la posta da tutte le mie varie caselle mail la mattina subito dopo aver fatto colazione.

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4
Ci sono 161 persone collegate

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








08/12/2019 @ 00:52:03
script eseguito in 500 ms