Immagine
 Il letto-sveglia con yukata (Tokyo)... di Carvelli
 
"
Questo lillà perde i fiori. Da se medesimo cade e cela la sua antica ombra. Morirò di cose come questa.

Alejandra Pizarnik
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 02/05/2008 @ 19:06:06, in diario, linkato 593 volte)
"Metti ottocento lire". Mi è venuto in mente così all'improvviso causa motorino un po' vecchio per le strade di B la richiesta spiccia al benzinaio della miscela, contando monete. Contando monete.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 05/05/2008 @ 12:15:07, in diario, linkato 607 volte)
Piovono giorni e cose in arretrato. Mi riparo con l'ombrello del tanto poco da fare. D'importante. Pensando a cosa è davvero importante. Da fare. Cosa sì e cosa no. Per completezza: cosa sì e cosa no...serve, provoca benefici, ha conseguenze migliori eccetera eccetera eccetera
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 05/05/2008 @ 16:19:11, in diario, linkato 668 volte)
Oggi ti avrei detto buon compleanno. E sarebbe stato un giro di regali breve e senza soprese. Cose utili. Cose programmate. Già decise in uno spazio di opportunità ben assimilate. Dai gusti. Degli anni. Un altro anno. Senza le scosse di quegli eventi troppo attesi. Ma anche senza delusioni.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 06/05/2008 @ 17:35:45, in diario, linkato 625 volte)
Di quello che un tempo era il cervello, la prontezza, la voracità. Di quello che andava e veniva. Di quello che ancora era inatteso il ritorno ché la vita era avanti, avanti. Di quello, oggi, cosa resta?
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 06/05/2008 @ 17:40:06, in diario, linkato 619 volte)

Chi era più sorpreso io o te? Di vederci faccia a faccia quell'ora? Io in bici tu - a piedi dovrei dire? Chi? Io o te? Tu ti sei buttata nel verde (ma non subito) io ho continuato la mia pedalata. Nessuno era pericoloso per nessuno. Solo d'intralcio.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 07/05/2008 @ 09:16:02, in diario, linkato 722 volte)
Esco dalla lussuria.
M'incammino
per lastrici sonori nella notte.
Non ho rimorso o turbamento. Sono
solo tranquillo immensamente.
Pure
qualche cosa è cambiato in me, qualcosa
fuori di me.
Ché la città mi pare
sia fatta immensamente vasta e vuota,
una città di pietra che nessuno
abiti, dove la Necessità
sola conduca i carri e suoni l'ore.

A queste vie simmetriche e deserte
a queste case mute sono simile.
Partecipo alla loro indifferenza,
alla loro immobilità.
Mi pare
d'esser sordo ed opaco come loro,
d'esser fatto di pietra come loro.

Ché il mio padre e la mia sorella sono
lontani, come morti da tanti anni,
come sepolti già nella memoria.
Il nome dell'amico è un nome vano.

Tra me ed essi s'è interposto il mio
peccato come immobile macigno.
E se sapessi che il mio padre è morto,
al qual pensando mi piangeva il cuore
di essere lontano ora che i giorni
della vita comune son contati,
se mi dicesser che mio padre è morto,
sento bene che adesso non potrei piangere.

Son come posto fuori della vita,
una macchina io stesso che obbedisce,
come il carro e la strada necessario.

Ma non riesco a dolermene.

Cammino
per lastrici sonori nella notte.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 07/05/2008 @ 09:21:00, in diario, linkato 677 volte)

Vi segnalo un raccontino sul gioco dei corpi sull'ultimo numero di ZOE MAGAZINE che trovate qui.

E un'intervista anticonvenzionale sul fumo con Fincato, re delle pipe sul numero ultimo di Settestrade rivista ACI che credo però si riceva solo per abbonamento.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 08/05/2008 @ 13:04:54, in diario, linkato 600 volte)
Non so se sono gli occhialetti ma delle volte nuotando a rana vedo delle strane figure sott'acqua. Forse è solo un effetto dell'acqua che si è fatta più calda, minori i contrasti tra il prima e il dopo, tra il freddo e il caldo, l'asciutto e il bagnato. Fra un po' lanciarsi in acqua sarà solo una cosa salata e fredda, più o meno, preceduta da sabbia e sudore.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 08/05/2008 @ 14:47:11, in diario, linkato 653 volte)
E' morto Luigi Malerba. Di lui ricordo e conservo i primi sei libri oltre a Storie dell'anno Mille (scritto in collaborazione con Tonino Guerra).
  • La scoperta dell'alfabeto (1963)
  • Il serpente (1966)
  • Salto mortale (1968)
  • Le rose imperiali (1974)
  • Le parole abbandonate (1977)
  • Il pataffio (1978)
  • In particolare mi colpì il primo libro. I racconti della Scoperta erano qualcosa di nuovo eppure così antico e universale da meritare una lettura trasversale. Una cifra questa che avrei ritrovato in altri libri con un gusto ancora più smaccato e/o dichiarato. La poetica era quella: essere nel tempo e così essere del tempo, di un tempo universale dove tutto si rende possibile nella contemporaneità. Essere contemporanei della e nella letteratura universale: un discorso che mi sembrava meno freddo del borgesiano e più plausibile. Forse era il respiro della padanità (in senso stretto) a dettare questa trasfigurazione perfetta, non estrosa né fantascientifica. Non credo fosse un caso che amasse la letteratura che trasfigura il reale pur non seguendo linee addicted.  Del Salto mortale conservo una di quelle mitiche copertine Bompiani lunghe e strette, molto bianche e con disegni freddi, geometrici. Eccola è questa, fortuna di google.

    Tutta quella carta impressa (schiacciata e spessa) e il senso di straniamento che si respirava in quel libro. Se ora lo odoro penso alle bancarelle dell'usato, alla statua di Garibaldi, alla filatelia, a via IV novembre. Chissà perché mi viene in mente tutto questo? Voglio rileggerlo e vedere.

    Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
     
    Di Carvelli (del 09/05/2008 @ 09:53:05, in diario, linkato 1127 volte)
    Dunque è venerdì. In media c'è e ci sarà il sole (non credo trattarsi di ottimismo, è solo la stagione). La vespa funziona. Le gambe funzionano e anche la bici (quindi c'è anche un pianoB ciclistico). Dunque si può partire. O restare. Stamattina ho visto un cane-uomo (non viceversa). Si comportava come un essere umano. Abbracciava, piegava la testa in cenno di diniego o sussiegoso per ottenere glucosio. Poi si è rannicchiato modello feto. In tutto e per tutto sembrava un errore di natura. Con pelo.
    Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
     
    Pagine: 1 2 3 4 5
    Ci sono 484 persone collegate

    < dicembre 2019 >
    L
    M
    M
    G
    V
    S
    D
          
    1
    2
    3
    4
    5
    6
    7
    8
    9
    10
    11
    12
    13
    14
    15
    16
    17
    18
    19
    20
    21
    22
    23
    24
    25
    26
    27
    28
    29
    30
    31
             

    Cerca per parola chiave
     

    Titolo
    diario (3972)

    Catalogati per mese:
    Novembre 2005
    Dicembre 2005
    Gennaio 2006
    Febbraio 2006
    Marzo 2006
    Aprile 2006
    Maggio 2006
    Giugno 2006
    Luglio 2006
    Agosto 2006
    Settembre 2006
    Ottobre 2006
    Novembre 2006
    Dicembre 2006
    Gennaio 2007
    Febbraio 2007
    Marzo 2007
    Aprile 2007
    Maggio 2007
    Giugno 2007
    Luglio 2007
    Agosto 2007
    Settembre 2007
    Ottobre 2007
    Novembre 2007
    Dicembre 2007
    Gennaio 2008
    Febbraio 2008
    Marzo 2008
    Aprile 2008
    Maggio 2008
    Giugno 2008
    Luglio 2008
    Agosto 2008
    Settembre 2008
    Ottobre 2008
    Novembre 2008
    Dicembre 2008
    Gennaio 2009
    Febbraio 2009
    Marzo 2009
    Aprile 2009
    Maggio 2009
    Giugno 2009
    Luglio 2009
    Agosto 2009
    Settembre 2009
    Ottobre 2009
    Novembre 2009
    Dicembre 2009
    Gennaio 2010
    Febbraio 2010
    Marzo 2010
    Aprile 2010
    Maggio 2010
    Giugno 2010
    Luglio 2010
    Agosto 2010
    Settembre 2010
    Ottobre 2010
    Novembre 2010
    Dicembre 2010
    Gennaio 2011
    Febbraio 2011
    Marzo 2011
    Aprile 2011
    Maggio 2011
    Giugno 2011
    Luglio 2011
    Agosto 2011
    Settembre 2011
    Ottobre 2011
    Novembre 2011
    Dicembre 2011
    Gennaio 2012
    Febbraio 2012
    Marzo 2012
    Aprile 2012
    Maggio 2012
    Giugno 2012
    Luglio 2012
    Agosto 2012
    Settembre 2012
    Ottobre 2012
    Novembre 2012
    Dicembre 2012
    Gennaio 2013
    Febbraio 2013
    Marzo 2013
    Aprile 2013
    Maggio 2013
    Giugno 2013
    Luglio 2013
    Agosto 2013
    Settembre 2013
    Ottobre 2013
    Novembre 2013
    Dicembre 2013
    Gennaio 2014
    Febbraio 2014
    Marzo 2014
    Aprile 2014
    Maggio 2014
    Giugno 2014
    Luglio 2014
    Agosto 2014
    Settembre 2014
    Ottobre 2014
    Novembre 2014
    Dicembre 2014
    Gennaio 2015
    Febbraio 2015
    Marzo 2015
    Aprile 2015
    Maggio 2015
    Giugno 2015
    Luglio 2015
    Agosto 2015
    Settembre 2015
    Ottobre 2015
    Novembre 2015
    Dicembre 2015
    Gennaio 2016
    Febbraio 2016
    Marzo 2016
    Aprile 2016
    Maggio 2016
    Giugno 2016
    Luglio 2016
    Agosto 2016
    Settembre 2016
    Ottobre 2016
    Novembre 2016
    Dicembre 2016
    Gennaio 2017
    Febbraio 2017
    Marzo 2017
    Aprile 2017
    Maggio 2017
    Giugno 2017
    Luglio 2017
    Agosto 2017
    Settembre 2017
    Ottobre 2017
    Novembre 2017
    Dicembre 2017
    Gennaio 2018
    Febbraio 2018
    Marzo 2018
    Aprile 2018
    Maggio 2018
    Giugno 2018
    Luglio 2018
    Agosto 2018
    Settembre 2018
    Ottobre 2018
    Novembre 2018
    Dicembre 2018
    Gennaio 2019
    Febbraio 2019
    Marzo 2019
    Aprile 2019
    Maggio 2019
    Giugno 2019
    Luglio 2019
    Agosto 2019
    Settembre 2019
    Ottobre 2019
    Novembre 2019
    Dicembre 2019

    Gli interventi pił cliccati

    Titolo
    casa (8)
    diario (1)
    Letti di Amicizia (81)
    libri (7)
    Roberto (9)

    Le fotografie pił cliccate


    Titolo

     


    webmaster
    www.lorenzoblanco.it








    07/12/2019 @ 05:06:41
    script eseguito in 513 ms