Immagine
 letto di M e G a Lubriano... di Carvelli
 
"
Ne avevo viste troppe io di cose non chiare per essere contento. Ne sapevo troppo e non ne sapevo abbastanza.

Louis-Ferdinand Céline
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 13/09/2012 @ 15:21:47, in diario, linkato 649 volte)
Bichsel: Quella fede che ci rende lettori
di Alessandro Zaccuri
 
​Berretto in testa e gilet di cuoio nero, Peter Bichsel si presenta all’appuntamento con la prevedibile puntualità di un cittadino della Confederazione elvetica. Peraltro anche l’estro, l’indipendenza di giudizio, l’umorismo sottile e rivelatore appartengono alla tradizione letteraria della Svizzera tedesca, rappresentata da scrittori tenacemente "irregolari" come Dürrenmatt, per esempio, o Max Frisch, che di Bichsel fu amico fraterno. Oggi, all’età di 77 anni, l’autore di Quando sapevamo aspettare (tradotto un paio di anni fa da Comma 22, che ha da poco riproposto il classico Il lettore, il narrare nella nuova versione di Anna Ruchat) è forse il più anticonformista fra gli ospiti del Festivaletteratura. Uno che proprio non ce la fa a ragionare in termini astratti e per ogni domanda rilancia con una risposta in forma di storia.

«È vero, sono uno scrittore che si esprime attraverso testi brevi – dice quando lo si interpella sul suo stile –, ma anch’io mi sono cimentato in un grande romanzo. Avevo otto anni e non sono mai andato oltre le prime due pagine. Non si può chiedere a uno scrittore di agire contro se stesso. Sarebbe come pretendere che un violinista si metta a suonare la tromba, adducendo il pretesto che sempre di musica si tratta. Fosse per me, mi dedicherei alla poesia e nello stesso tempo ai romanzi fluviali, ma alla fine non posso fare a meno di scrivere quello che ho sempre scritto. In effetti sono un pigro e scrivo poco per assicurare a noi pigri il diritto di essere scrittori».

Lei non ha mai apprezzato le cosiddette "storie vere", ispirate a episodi reali…
«In letteratura è vero ciò che funziona dal punto di vista della lingua. E poi bisogna evitare la confusione fra realtà e verità. A Bali, molti anni fa, ebbi una conversazione che mi ha profondamente segnato. Il mio interlocutore voleva sapere come mai per noi europei fosse così importante essere certi dell’esistenza storica di Gesù. Il suo sospetto era che si trattasse di una mancanza di fede. Per lui, mi spiegava, era del tutto irrilevante che le vicende del Ramayana fossero storicamente documentate. Il fatto che quel poema fosse frutto di invenzione non toglieva nulla alla verità che esprimeva. La mia posizione personale è abbastanza simile: non sono sicuro che Dio esista, eppure credo in Lui».

Come mai siamo finiti a parlare di religione?
«I tre grandi monoteismi hanno a che vedere con il libro e con la lettura. Anche le prime scuole fondate dai missionari cristiani non avevano come obiettivo la promozione sociale, ma si basavano sulla convinzione che un credente dovesse anche essere un lettore. Ed è così, infatti. Sa, io ormai i lettori li riconosco facilmente, per quanto siano sempre più rari. I loro volti assomigliano a quelli dei fedeli in una chiesa, glielo posso assicurare».

Lei ha molto fiducia nei lettori.
«Sono convinto che meritino estremo rispetto. Tutti, senza distinzione. Quando viaggio in treno, mi capita spesso di incontrare donne immerse in un romanzo rosa o in una rivista comprata all’edicola della stazione. Nella loro concentrazione non c’è nulla di diverso rispetto all’attenzione esercitata da un lettore di Tolstoj. Non sono mai riuscito a trovare una documentazione scientifica adeguata, ma sono convinto che l’atto della lettura produca di per sé una trasformazione fisica nel nostro corpo. Una specie di sommovimento ormonale, legato in qualche modo alla componente femminile di ogni essere umano».

Scrivere invece è un’attitudine maschile?
«No, l’unica differenza sta nella fatica iniziale. Si comincia a leggere più facilmente di quanto si cominci a scrivere. Per quanto mi riguarda, però, è sufficiente superare l’ostacolo della prima frase, dopo di che la scrittura genera sensazioni identiche alla lettura».

Si tratta, in entrambi i casi, di attività solitarie.
«Che tuttavia richiedono la condivisione con gli altri. Ha presente la famosa domanda su quale libro ti porteresti su un’isola deserta? C’è chi sceglierebbe la Bibbia, chi un quaderno con le pagine bianche, su cui mettersi a scrivere. La mia convinzione è che entrambe le risposte non siano soddisfacenti. Si scrive e si legge, per poter parlare con gli altri di ciò che si è scritto e si è letto. Anche in questo c’è un’analogia con la fede: il credente vive in una meravigliosa solitudine, che però è contenuta in una dimensione comunitaria».

Che idea si è fatta del cosiddetto libro digitale?
«Non ho nulla contro il computer, lo uso perfino per giocare. Ma per me lettura e scrittura sono esperienze legate alla carta. Sono sempre stato affascinato dal fatto che un pastore evangelico, così come un sacerdote cattolico, non ripeta a memoria il rito della celebrazione liturgica e faccia invece ricorso al Messale. Che è un oggetto fisico, non solo un testo. Ho in mente certe beghine che da decenni leggono la stessa copia della Bibbia, le cui caratteristiche materiali quasi si confondono con il contenuto delle pagine. Gliel’ho già detto, no?, che i lettori si assomigliano tutti».

www.avvenire.it/Cultura/Pagine/quella-fede-che-rende-lettori.aspx
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 13/09/2012 @ 15:18:51, in diario, linkato 408 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 11/09/2012 @ 16:40:00, in diario, linkato 729 volte)

 

 

Catalogo dei giorni felici

Mangeremo dolci a colazione
e mentre cala il sole
attraverseremo il Tevere in battello
dici e mi baci due volte sulle guance.

No - noi lo sappiamo -
non torna questo appuntamento.
E' libero dai giorni, dalle ore.
Come il fiume settembrino
che ci passa accanto
trascinando via le foglie.

daniela d'angelo - catalogo dei giorni felici - salvatore sciascia editore 

www.ibs.it/code/9788882413897/d-angelo-daniela/catalogo-dei-giorni-felici.html

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 11/09/2012 @ 16:34:19, in diario, linkato 429 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 10/09/2012 @ 10:04:17, in diario, linkato 441 volte)

Con alterna chiave

Con alterna chiave
tu schiudi la casa dove
la neve volteggia delle cose taciute.
A seconda del sangue che ti sprizza
da occhio, bocca ed orecchio
varia la tua chiave.

Varia la tua chiave, varia la parola
cui è concesso volteggiare coi fiocchi.
A seconda del vento che via ti spinge
s'aggruma attorno alla parola la neve.


Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 10/09/2012 @ 09:58:40, in diario, linkato 422 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 07/09/2012 @ 09:16:40, in diario, linkato 571 volte)

Vedo dal buio
come dal più radioso dei balconi.
Il corpo è la scure: si abbatte sulla luce
scostandola in silenzio
fino al varco più nudo -al nero
di un tempo che compone
nello spazio battuto dai miei piedi
una terra lentissima
- promessa

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 07/09/2012 @ 09:15:21, in diario, linkato 519 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 06/09/2012 @ 09:19:21, in diario, linkato 444 volte)

C'era la neve
i cani latrati
gli uccelli caduti
i topi perduti
le pecore beeee.
Tu hai detto
sarà l'ultima volta.
C'era la neve,
non ricordo altro.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 06/09/2012 @ 09:15:21, in diario, linkato 441 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4
Ci sono 390 persone collegate

< gennaio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020

Gli interventi pił cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie pił cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








19/01/2020 @ 14:00:46
script eseguito in 453 ms