Immagine
 Letto di L... di Carvelli
 
"
Qui l'attenzione raggiunge forse la sua più pura forma, il suo nome più esatto: è la responsabilità, la capacità di rispondere per qualcosa o qualcuno, che nutre in misura uguale la poesia, l'intesa fra gli esseri, l'opposizione al male. Perché veramente ogni errore umano, poetico, spirituale, non è, in essenza, se non disattenzione

Cristina Campo
"
 
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 28/10/2009 @ 10:37:28, in diario, linkato 803 volte)

Che piove non lo diremo a nessuno. Nessuno saprà che il cielo era gonfio di pioggia e che solo dopo un po' è arrivato il sole. Ognuno scopra da sé quanto impiega un maglione lana 100% ad asciugarsi senza che te lo sia sfilato. Che ognuno pensi che basta un piccolo impermeabile per salvarsi da un temporale per quanto breve. Sappiano da soli che uno starnuto è sempre due starnuti. Due starnuti tre. Tre quattro: una regola di marketing. Che il pelo dei cani è idrorepellente come all'inizio il maglione. Che sotto gli alberi è pericoloso ripararsi per via dei fulmini e degli uccelli. Che un giorno è uguale a un altro è una banalità che lasciamo ad altri. Ad altri e a domani. Oggi.

 
Di Carvelli (del 27/10/2009 @ 14:35:08, in diario, linkato 855 volte)
 
Di Carvelli (del 27/10/2009 @ 08:48:23, in diario, linkato 792 volte)

Finito di vedere Guida galattica per autostoppisti. E tre (tre volte che l'ho iniziato e che non riuscivo a finirlo causa sonno). Sono giorni che non farei altro che dormire. Notti, piuttosto. Non farei davvero altro. E senza il minimo senso di colpa. Sono capace di mettere insieme 10 ore 10 di sonno senza fare una piega (al cuscino). Una mia collega mi ha detto di aver sognato la mia casa. Non la mia mia. Una possibile mia: con giardini pensili. Forse il mio cedimento al sonno contagia i sogni altrui. Un qualcosa dio aborigeno, chissà. Tornando a Guida galattica: è un film che merita: divertente, spensierato, positivo e ottimista nelle debolezze che lavora di sistemi di mondi che penseremmo perfetti. Per chiosarla con lo strillo di presentazione, sarà bene tenere a bada il panico. Sempre.  

 
Di Carvelli (del 26/10/2009 @ 16:17:41, in diario, linkato 774 volte)

 

Giorni fa una mia amica si lamentava dell’amore e, ironizzando, mi coinvolgeva nel suo lamento “parlo anche per te” diceva. Un po’ pavidamente non me la sono sentita di dire nulla (un po’ perché è più facile sottoscrivere i lamenti altrui) ma poi ho pensato che non mi riconoscevo in quel lamento. Che non potevo sottoscriverlo. Ho avuto molto amore. Molto ancora ne ho. Non penso solo a quello che chiamiamo e definiamo “amore” in senso stretto. Compiuto. Concluso. Se devo rimproverare qualcosa a qualcuno preferisco rimproverarla a me. Ho dato meno di quel che ho ricevuto. Se ci penso bene penso di aver dato sempre meno di quello che ho ricevuto e spesso è ancora così. Così preferisco dire che vorrei ripromettermi invece di lamentarmi delle mancanze altrui di fare in modo che il futuro sia traboccante di una offerta riparatrice anche a perdere.

 

Ieri il mio gatto Google, rimproverato per aver finito la mia colazione – un uovo fritto (una distrazione può essere fatale con lui) – ha pensato di disobbligarsi stamattina portandomi sull’uscio di casa un pettirosso non vivo. Che pena vedere quel petto rosso tutto smagrito e l’occhio chiuso. Peccato che avrei preferito finirmi l’uovo fritto invece di immaginare qualsiasi fine alimentare del povero uccelletto.

 
Di Carvelli (del 26/10/2009 @ 10:07:45, in diario, linkato 449 volte)
 
Di Carvelli (del 26/10/2009 @ 09:22:28, in diario, linkato 458 volte)

Se pensi che mi hai
mi perderai
se pensi che mi hai perso
mi perderai
come sia
se pensi
hai già perso.

 
Di Carvelli (del 23/10/2009 @ 16:00:04, in diario, linkato 551 volte)
 
Di Carvelli (del 23/10/2009 @ 14:56:45, in diario, linkato 504 volte)

Gentile A.

 

grazie del suo apprezzamento che purtroppo è stato surclassato da contemporanei inviti alla leggerezza e all’allegria. Anche a me De Andrè piace e anch'io in genere preferisco il tormento a certe radiose mattine di primavera. Anch’io ho sempre pensato che da quelle parti succedessero cose più interessanti ma devo dire che spesso mi sono dovuto ricredere. La vita mi ha insegnato che sì è bello guardare in basso, in fondo, nel buio ma bisogna cercare di non farsi risucchiare dai crateri del mal di vivere che hanno bei colpi d'occhio verso il basso ma bordi scivolosi. Eccoci, siamo lì, inutile dire che l'atmosfera di quel magma di sotto è seducente. Bello fissare la lava infuocata. A guardarla si perde la dimensione del vuoto, del tempo (che passa). E' narcotica l'osservazione e deresponsabilizzante. Dolorosa ma avvincente. I tempi di ripresa da quel viaggio d’osservazione sono lunghi e sembra che in questa dilatazione sia vinta la battaglia con la fine. Diciamo che l’impressione della vittoria è accentuata dalla dilatazione che suona come una dilazione. Mi viene in mente Sherazade. Forse vincere la morte è ritardarla. Scacciarne la sensazione. Eppure sempre più spesso ho la percezione che il ritardo che realizziamo fissando quel punto vuoto lì in fondo sia solo il ritardo del tempo che percepiamo, non esattamente di quello in cui viviamo. Il ritardo vero lo mettiamo in piedi nello sforzo continuo di migliorarci, di migliorare gli altri, aiutare, compiere sforzi per il bene. Senza risparmio e senza attesa di premi. In denaro o in stima.

 
Di Carvelli (del 23/10/2009 @ 08:41:17, in diario, linkato 458 volte)

Ieri sera ho visto Tokio-Ga. Rivisto, meglio. Documentario del 1985 (ma girato nel 1983) di Wim Wenders. penso al 1983 in Italia e a oggi. provo, per ricavo, a immaginarmi come sarà cambiato il Giappone e Tokio. Miscelo il tutto con un po' di racconti di amici recentemente lì. Aggiungo qualche articolo e filmati tv, letture recenti e vado a dormire. Sogno me con capelli lunghie arruffati. Mi sveglio alle 5e30 sotto la pioggia che ticchetta dalla finestrella e mi riaddormento. Mi risveglio con la pioggia che ticchetta. Mi ritorna in mente l'immagine dell'attore di Ozu che Wenders intervista (qui nella copertina). La sua grande umiltà. Un'umiltà da imparare. L'immagine del bambino che si rifiuta di fare un passo e si butta a terra di continuo. la pazienza della donan che lo rialza senza mai sgridarlo. Un'ostinazione che non dovremmo mai perdere di fronte alle difficoltà prima di cercare soluzioni facili o scatti.

 
Di Carvelli (del 22/10/2009 @ 08:57:19, in diario, linkato 452 volte)
 
Ci sono 3809 persone collegate

< agosto 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020

Gli interventi pił cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie pił cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








06/08/2020 @ 00:54:25
script eseguito in 583 ms