Immagine
 firenze... di Carvelli
 
"
Cosa cercano gli uomini nelle donne?/ il profilo del desiderio soddisfatto./ Cosa cercano negli uomini le donne?/ Il profilo del desiderio soddisfatto.

William Blake
"
 
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 10/05/2006 @ 15:03:53, in diario, linkato 812 volte)

Esistono cani che portano i padroni e padroni i cani. Difficile dire cosa sia più naturale. Dirlo con cognizione di causa, storia, eziologia. Esistono cani da tiro anche in certe mattine di sole e nuvole veloci su cieli molto celesti e non è da dirsi se il tirare sia voluta risulta di una notte troppo casalinga e di un necessario mingere ad ogni albero del circuito della casa. Uno dei due tira. A volte si fa un po' per uno. L'altro si fa portare. L'uno e l'altro non sono contenti delle stesse cose: quando quello si ferma quella tira. E viceversa. Alla fine ci si deve accontentare di un mordi e fuggi a coscia alzata e di un giro di palazzo preciso tipo quello che fanno quelli che ti mettono nella buca la pubblicità del tuo supermercato. Chi deve portare chi? Chi dovrebbe portare chi? E' comodo il guinzaglio? E' bastato il tempo del giro per scaricare la vescica? Da fuori certe domande non hanno risposta.

 
Di Carvelli (del 10/05/2006 @ 08:59:18, in diario, linkato 856 volte)

Il giorno 12 cioè dopodomani presento con l'autore Fabio Zanello il suo ultimo libro. Tutto questo avviene più o meno alle 18e30 e in Circonvallazione Casilina lato isola pedonale Pigneto. La libreria si chiama Interno4. Di che parleremo? Forse di televisione o forse di ipertelevisione. Di supertelevisione. Ma il libro è un libro e il titolo parla chiaro Le nuove brigate rozze. A mano armata contro la televisione.

Dunque parleremo di resistenza catodica, di vendetta mediatica, di nuove forme della sottomissione e del controllo come se essere narcotizzati da Costantino, assediati dalle Lecciso, ammaliati dalle Veline possa tradursi in una strategia della tensione (sia pure soporifera e ottundente) a cui rispondere con non-dimenticata fermezza e pari violenza in una analoga strategia della tensione (e colpo su colpo: sostituendo i braccianti delle scorte coi braccianti cameraman). Per farla breve: un altro mondo è impossibile se non si elimina il peggio del vecchio e Fabio Zanello sembra dirci che quel peggio è nella scatola che ci instupidisce day by day. 

 

Comunque, la trama:

Nell'epoca del terrorismo globale, una serie di delitti colpisce il mondo dorato della televisione, scompaginando l'ordine artificiale dei reality-show. Un sedicente gruppo di rivoluzionari senza scrupoli decide di rivolgere le armi della lotta di classe contro Il grande fratello, L'isola dei famosi, Amici e Domenica in. Disposti a tutto, questa accolita di borgatari autonominatisi Brigate Rozze, sequestra gli ospiti dei più importanti show televisivi, li accusa di essere traditori del proletariato e infine li processa in un Tribunale del Popolo. La polizia brancola nel buio e le Brigate Rozze agiscono indisturbate finché...

 

 
Di Carvelli (del 09/05/2006 @ 08:30:35, in diario, linkato 682 volte)
Una casa non è una nave. Semmai il contrario. Una casa non è un bosco come una donna non è il ricovero della propria sfortuna. Una casa è una casa. O è quello che dovrebbe essere. Non scendere a compromessi è un buon consiglio. Pulirla spesso è un buon consiglio. Liberarla dai fantasmi è una virtù. Ma dipende da chi: dai fantasmi e, certo, da chi li libera. Una casa è solo una casa. Ma "solo" non vuol dire poco. Può voler dire anche "tutto" se quelle mura sono il ricovero di sempre. Una casa è un buon punto da cui partire per iniziare a raccontare una storia.
 
Di Carvelli (del 08/05/2006 @ 08:55:04, in diario, linkato 740 volte)

Erri De Luca oggi. Alla Biblioteca Giordano Bruno in via Giordano Bruno a Roma. Alle ore 18. Una chiacchierata partendo e continuando dall'intervista inclusa in PERDERSI A ROMA.

 
Di Carvelli (del 05/05/2006 @ 15:32:10, in diario, linkato 1616 volte)

Da Antologia di Spoon River di Edgar Lee Masters (nella versione Pivano)

 Alexander Throckmorton

"Quand'ero giovane, avevo ali instancabili,/ ma non conoscevo le montagne./ Quando fui vecchio, conobbi le montagne/ ma le ali stanche non tenevano più dietro alla visione./ Il genio è saggezza e gioventù."

 
Di Carvelli (del 05/05/2006 @ 08:50:21, in diario, linkato 786 volte)
Nella dialettica delle forze a noi cara in questi giorni, nella problematica ricerca di coesione tra antipodi, quella parlamentare, quella famigliare, quella associativa, cooperativa...quella, insomma...ecco farsi largo il drammatico coesistere di due specie vertebrate bepedi e quadrupedi (anche se a pedi andrebbe sostituito il suffisso ruote). Diciamo qui della difficile contrapposizione tra rapidi scartatori e mastodontici occupatori. Il bicameralismo non aiuta, la democrazia nulla può...la lotta si va facendo ogni giorno che passa più feroce. Motorino mangia macchina dal punto di vista del traffico ma macchina mangia motorino dal punto di vista dell'ingombro. Questo che era un facile (perché visibile) assioma viene surclassato da un esuberante (e imprevisto) "macchina mangia motorino" dal punto di vista del traffico però. Ed è grave. Vuol dire trovarsi a essere scartati da mammut portapane o portagiornali e dover ingaggiare lotte nel breve (il breve che facilita il motorino) con questi corrazzatissimi detentori di spazio. Insomma una piccola follia biologica in cui il mammut gareggia in velocità con la mosca ma (e lo sa o lo immagina) vince solo se la schiaccia. Questa è la piccola guerra che si consuma ogni giorno senza per ora provocare altro che morti e sfortuna casuale. Non ancora selezione della specie. Non ancora un etos della convivenza. Neppure accordi bilaterali, alleanze, concertazioni. Su questo panno verde lanciamo i dadi di ogni giorno.
 
Di Carvelli (del 04/05/2006 @ 08:35:57, in diario, linkato 798 volte)

Esiste un tipo di sedia - tipo per uso non per fattura - che sorprende ogni volta la vista. Le versioni più semplici di questa epifania improvvisa sono: il benzinaio e la salita del garage. Insomma, c'è una sedia incatenata ad un cancello di una aurorimessa o a qualsiasi altro appiglio come in quei film polizieschi in cui l'ammanettato viene assicurato alla prima sbarra o al primo scarico di lavandino o tubo di termosifone (avete presente? che poi quello tira e i tubi cominciano a gettare acqua ovunque?). Insomma, c'è una sedia e spesso non c'è niente intorno come questa che vedo stamane su via Palmiro Togliatti. Chi aspetta? A beneficio di chi è stata abbandonata in questa linea vuota persino di sfasciacarrozze (sono prima), chi la calcherà in questa mattina come in un set dello zero assoluto periferico? Se ci fosse stato un benzinaio avremmo pensato che di giorno ci fosse qualcuno ad attendere tra una macchina e l'altra o di notte una prostituta ad aspettare i clienti (ma di solito le prostitute non attendono in piedi a mostrare la mercanzia?) ma il benzinaio non c'è. E se ci fosse una prostituta del viale: una sola, una sola sedia e magari pochi clienti (per cui la sedia)? E se invece non ci fosse uso ma solo abbandono, marginalità? E se fosse stata rotta? (E se non fosse stata una sedia?) Insomma, c'era una sedia e qui mi fermo. Una sedia abbandonata ad una funzionalità casuale, sbadata. Una sedia fuori contesto. E di questo volevo dire.

 
Di Carvelli (del 03/05/2006 @ 15:04:15, in diario, linkato 762 volte)

Era il titolo di un racconto pubblicato qualche anno fa su rivista e a cui sto rimettendo mano. Rielaborato ha trovato (trovato?) una casa nuova (nuova?). Ma questo è comunque futuro. Quindi: silenzio. E tempo. Nel passato c'era stata una piccola ricerca storica.

 
Di Carvelli (del 03/05/2006 @ 08:33:13, in diario, linkato 765 volte)
E' chiaro che alle volte le cose non vanno bene. E' chiaro che ci sono delle delusioni. Forse è proprio inevitabile. Letteralmente. Vedere cose che non ci tornano, leggere idee nostre svolte e sbandierate da altri. Il catalogo delle delusioni è infinito, sterminato. Ma è vero altrettanto che sfogliarlo non conviene a noi. Quindi non conviene punto. Meglio parlare di margherite così come si può parlare di un tempo sempre uguale, di un'inevitabilità del caso. Un caso naturale. Non perfetto ad orologeria ma vicino alla regolarità. Un anno, un altro. Una stagione, un'altra. Più fredda o più calda. Forse piovosa. Ma un prato di margherite sempre più o meno lì dove era l'anno scorso. Fa così. E pure noi conviene che facciamo così.
 
Di Carvelli (del 02/05/2006 @ 10:27:22, in diario, linkato 892 volte)
Mettete su un motore di ricerca "blobfish" e guardate in cosa vi accade d'imbattervi. E' un pesce? Dove si trova? In quali abissi? A quali profondità? E' incredibile quanto la fantasia del disegno spesso sia superata dalla spiazzante scoperta di un segreto naturalistico. Rivelato. A sopresa.
 
Ci sono 2044 persone collegate

< agosto 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020

Gli interventi pių cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie pių cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








04/08/2020 @ 10:36:49
script eseguito in 676 ms