Immagine
 lanzarote-letto... di Carvelli
 
"
"Ho vissuto solo così a lungo che tutto quello che mi circonda è personale, privato. Non mi meraviglierei se non ci fosse più nessuno in grado di capire quel che dico". "Io ti capirò," disse con tenerezza. "Dammi solo un po' di tempo... e capirò tutto quello che dirai." Si strinse nelle spalle. "Ho anch'io un mio modo personale di scherzare..." "Da oggi in avanti..." dissi, "uniremo di nuovo i nostri codici privati e ricostruiremo un'intimità a due". "Sarà molto carino," disse. "Ancora uno stato a due," dissi. "Sì," disse.

Kurt Vonnegut
"
 
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 02/02/2005 @ 09:56:40, in diario, linkato 803 volte)
Oggi Corsera TerzaPagina. Da leggere. Si parte dal giudizio della Benedetti e si prosegue. Interessante Ferretti (che ricorda come un autore Einaudi era una volta differente da uno Mondadori) e Belardinelli (che modera e stempera in un dirimere le opere letterarie dai fenomeni sociologici). Anche il più pop-positivo Sanguineti dice la cosa giusta perché in fondo chiede alla critica di essere "al presente" ma immagino che non voglia consigliare sudditanze di giudizio in ossequio alle vendite. Da seguire. (vedi Nazione Indiana)
 
Di Carvelli (del 02/02/2005 @ 09:08:02, in diario, linkato 777 volte)
Mi raccontano una storia. La riracconto. Due escono da un ristorante e si vanno a fumare una sigaretta (un ragazzo e una ragazza). Non si conoscono. Prima di fumare la sigaretta. Al termine di quella pidduistica fumata invece fanno amicizia e... La racconto e me ne ritornano varianti adultere e licenziose. Leggende metro(politane)? Magari sono fantasie ma magari diventano verità. Mi sembrerebbe possibile e direi in certi casi anche auspicabile. Circolano varianti di clienti fuggitivi senza aver pagato... da cui direi che fumare forse alla fine conviene. O no?
 
Di Carvelli (del 01/02/2005 @ 09:06:46, in diario, linkato 783 volte)
Orazianamente mi concedo una piccola riflessione su questa strana sorte umana che fa lamentare dell’infelicità e non ci fa provvedere alla felicità. Mi viene spesso a male leggere queste interviste in cui sobri intellettuali o musicisti o poeti o… si mettono a dissertare incompletamente o incompiutamente sulla Felicità. Sono gli stessi che se ne tengono a distanza e che mettono alla porta chi prova ad avvicinarsi. Poeticamente piace riconoscere che quella via – la via della felicità – è una via semplice ma guai a provarsi a proporre una via semplice. Piuttosto il filosofo suicida, piuttosto l’insegnamento della Terra, di un’agreste concordia con la Natura (che poi non applicherà). La via semplice li incuriosisce ma chi la propaganda o la insegue li irrita. Li irrita se quella detta semplicità è a portata di una mano. Se è in un altrove di Nirvana o Arcadia passi. Ma non qui. Non ora. La Felicità deve costare cara e deve essere d’elite.
 
Di Carvelli (del 31/01/2005 @ 09:39:25, in diario, linkato 761 volte)
Mimmo Cuticchio con i suoi pupi e soprattutto l’arte del racconto (del cunto). Momenti di poesia e malia. Per il modo di tenere il palco e l’attenzione attraverso la voce. Più dei pupi e della perfetta arte di farli volteggiare alla Zhang Ymou è questo che trattiene. Lacrime: per chi continua un’ossessione d’arte a dispetto delle convenienze e del tempo che alle volte passa male.
 
Di Carvelli (del 31/01/2005 @ 09:18:32, in diario, linkato 928 volte)
Ieri ho visto LA NIÑA SANTA e mi è piaciuto. Molto. È un film sul peccato e sul perdono. Sulla santità e sulla perversione. Un film sull’udito e sulle conseguenze delle azioni come il rimbalzo multiplo e lento delle palle da biliardo fino a che una, dopo molti rimbalzi, entra in buca e conclude un determinismo rallentato ma inevitabile. Credo che molti dietro e davanti fossero delusi durante la proiezione e credo che questo dipenda anche da dove un  film viene proiettato. E questa è una sala del pieno centro, via del Corso, la strada più di periferia di Roma, pur essendo in centro. Il film è vera poesia. Da vedere, nella sua rarefazione, nel suo continuo comporsi attraverso scarti minimi, ritardi, ed elusioni. Poi alla fine tutto tragicamente e banalmente ad un tempo va in buca. Il doppiaggio della donna (col chicco in bocca) mi sembra intelligente: le consegna un’aria un po’ buffa da divorziata fatale senza fato.
 
Di Carvelli (del 31/01/2005 @ 09:04:21, in diario, linkato 915 volte)
113 mail e tutte spam. Un utile Weekend per i commercianti di viagra ed altre amenità
 
Di Carvelli (del 28/01/2005 @ 16:38:36, in diario, linkato 841 volte)
Che è il prossimo libriccino carvelliano in uscita volevo sollecitare su questo tema della disposizione dei libri nelle librerie. Per lettera. Per editore. Che poi nel suddetto KIS è una delle riflessioni del protagonista (un non-lettore che diventa lettore, non un lettore forte no). Come vanno messi i libri nelle librerie di casa? E nei negozi? Quale è il modo migliore per cercarli, per trovarli? Il modo più pratico? Quello più logico?
 
Di Carvelli (del 28/01/2005 @ 10:29:59, in diario, linkato 856 volte)

1 Un bel racconto di Alan Bennett (uno scrittore che ancora non ho capito se mi piace oppure no) sui cinema e l'infanzia. Bellissimo. (repubblica cultura pagina centrale)

2 Un occhiello della prima pagina della Cultura (sempre Repubblica) Intervista/Parla Mahasweta Devi, scrittrice bengalese, che vince domani il Nonino.

E' corretto scrivere così?

 
Di Carvelli (del 27/01/2005 @ 18:03:09, in diario, linkato 903 volte)

Anche se ha qualche luna merita per la semplicità della sua scrittura e l'essenzialità delle sue premesse.

FABIO GALLUCCIO

"I LAGER IN ITALIA. La memoria sepolta nei duecento luoghi di deportazione fascisti"

Prefazione di Carlo Spartaco Capogreco, Saggistica, seconda ed. marzo 2003, 230 pagine, 13 euro



















Un viaggio nella memoria, in una storia non raccontata e rimossa. Una scoperta in cui l'autore snocciola come un rosario laico uno dopo l'altro i campi di internamento italiano durante il fascismo in un attonito viaggio in un'Italia spesso sconosciuta, straordinariamente bella e affascinante.

Il viaggio inizia casualmente a Ferramonti in Calabria, dove l'autore scopre proprio sotto un cavalcavia dell'autostrada Roma-Reggio Calabria, all'uscita di Tarsia, un campo di concentramento deturpato dall'autostrada, ma recuperabile, con le garitte e le baracche ancora in piedi. Da lì si avventura in un labirinto, dove ogni campo scoperto è una crudele sorpresa per le parole non dette e la memoria non recuperata. Fino ad arrivare ad un numero di oltre cento campi, cosciente, alla fine, di averne trovato solo la metà. Un racconto che si snoda come un giallo scritto da chi non si occupa di storia, ma da un un cittadino come tanti che si indigna di fronte all' occultamento, alla non verità.

Campagna, Alatri, Farfa Sabina, Anghiari, Roccatederighi, Civitella del Tronto, Urbisaglia, Pollenza, Carpi, Risiera di S.Sabba, sono alcune delle tappe nel buco nero della storia italiana. Dove l'autore spesso si muove in una panorama onirico da incubo, quasi a voler dimostrare a se stesso che non è vero, non è possibile. Ma il risveglio è più amaro della realtà.

I campi furono istituiti con decreto del 4 settembre 1940, n.439 e dovevano ospitare inizialmente soltanto cittadini stranieri dei paesi belligeranti con l'Italia, ma diventarono ben presto campi per ebrei stranieri, slavi, zingari, oppositori politici e omosessuali. Da circa 40 campi iniziali si arrivò ad un numero che, secondo lo storico Luciano Casali, professore di storia contemporanea all'Università di Bologna, ammonta a 259. L'autore ne ha catalogati 113 in Italia e 22 nei territori occupati dall'Italia. Alcuni furono campi provinciali istituiti durante la Repubblica Sociale Italiana. Pochissima la letteratura sulla materia e pochi gli storici che se sono occupati : tutto rende il tema più misterioso e affascinante, ma anche più terribile.

I campi non furono campi di sterminio, se si esclude quello della Risiera di San Sabba, ma soprattutto nei campi del centro-nord dove gli alleati arrivarono più tardi, i deportati furono prelevati dai nazi-fascisti e portati in Germania per la soluzione finale. In tutto questa storia appare, come un'ombra, la presenza della Chiesa che sorveglia, dietro le quinte, che il regime non superi certe efferatezze.

Il libro è anche l ' occasione per ripercorrere un periodo storico dalle leggi razziali del 1938 alla fine della guerra, dove la maggioranza degli italiani visse con leggerezza e superficialità quegli orrori senza accorgersi responsabilmente di quello che stava accadendo. Ma anche un severo monito a coloro che fondarono la democrazia e cercarono di cancellare con un colpo di spugna quello che era avvenuto. La storia non perdona chi dimentica e i fatti e la cronaca di questi giorni nel nostro Paese ce lo ricordano con severità e ci ammoniscono degli errori passati e, purtroppo, presenti.

UNA RECENSIONE DEL LIBRO

Uno storico non accademico decide, dopo anni di ricerche archivistiche, di mettersi in viaggio e di dare la caccia alle tracce dei luoghi di deportazione che furono istituiti dal regime fascista dopo l'entrata in guerra, sulla scorta delle leggi razziali.
È la storia del libro di Fabio Galluccio, edito da Nonluoghi Libere Edizioni, che sarà presentato martedì 22 ottobre a Roma, alla sala della Stampa estera (via dell'Umiltà, 83/c). Interverrà il professor Giuseppe Tamburrano, presidente della Fondazione Nenni. Introdurrà Eric Jozsef, corrispondente di Liberation e presidente dell'Associazione Stampa Estera. Saranno presenti l'Autore e il direttore editoriale, Zenone Sovilla.

"I lager in Italia. La memoria sepolta nei duecento luoghi di deportazione fascisti" di Fabio Galluccio (Nonluoghi Libere Edizioni, settembre 2002, p. 226, euro 13) è un libro sui generis: più che un saggio storico un diario di viaggio nella memoria tragica delle leggi razziali e nel territorio che ha ospitato i luoghi della vergogna. Luoghi nella gran parte dei casi dimenticati: caserme, ex conventi, ville fatiscenti, sedi di vari istituti oggi non ricordano neanche con una misera targa l'orrore che si consumò tra quelle mura.

Ma nemmeno dei campi che Mussolini fece costruire ad hoc la Repubblica democratica ha conservato la memoria, salvo rare eccezioni come Ferramonti di Tarsia (Cosenza) che prima fu sovrastato dall'autostrada e offeso dai suoi viadotti, ma in un secondo tempo divenne oggetto dell'impegno di una Fondazione guidata dallo storico Carlo Spartaco Capogreco, autore della prefazione al libro di Galluccio.

Ad Alatri, vicino a Roma, per esempio, le baracche sono ancora in piedi e al visitatore si presenta una visione spettrale il cui significato non è indicato da nessuna targa, come ha spiegato l'autore presentando in anteprima il libro alla Fiera dei piccoli editori a Belgioioso.
«Ho girato l'Italia ha raccontato Galluccio alla ricerca di questi luoghi che oggi sono quasi sempre difficili da individuare, sia nei paesini sperduti tra le montagne sia nelle città. Ho parlato con la gente, ho cercato di ricostruire la storia e la vita di questi lager; ma è una memoria in buona parte rimossa. Ho cercato i sindaci, i parroci, ho chiesto che almeno si pensasse di mettere un cartello per ricordare quei fatti orribili di sessant'anni fa. Per ricordare che in quei luoghi furono rinchiuse migliaia di persone. Ebrei, dissidenti politici, zingari, stranieri, omosessuali. Molti da quei luoghi furono trasferiti ai lager e ai campi di sterminio nazisti e non tornarono mai a casa».
Galluccio riapre una pagina inquietante della storia italiana, una pagina vergognosamente coperta dall'omertà storiografica e politica nel dopoguerra, quando l'Italia doveva rifarsi una verginità, evitare i tribunali internazionali e alimentare la leggenda degli "italiani brava gente". Il libro di Galluccio racconta il crescendo propagandistico razzista, le leggi del '38 e la loro applicazione dalle prime discriminazioni alle deportazioni verso i campi che ogni prefetto avevfa ordine di istituire e l'autore cerca di indagare e ricostruire e le condizioni di vita in una parte di queste prigioni per innocenti.

Dopo la guerra, fu minimizzata la responsabilità del popolo italiano e persino quella del regime fascista: si tentò di accollare ai nazisti anche la responsabilità dei lager in Italia. Eppure, come confermò lo stesso De Felice, erano centinaia (per il noto storico del fascismo 400, comprendendo però anche i luoghi di confino) i campi di concentramento voluti da Mussolini. Galluccio, nel suo libro, ricostruisce il percorso che condusse all'orrore: mette a nudo non solo la cinica crudeltà degli uomini del regime (ministri, sottosegretari, prefetti...) ciecamente asserviti alla ragion di Stato, ma anche l'ambiguità della Chiesa cattolica (presente in molti campi forse per evitare le efferatezze che invece si tolleravano altrove, come in Germania e in Polonia) e più in generale la connivenza di una società che assistette senza reagire all'apoteosi razzista, celebrata per anni sulle prime pagine dei giornali "ariani" che avevano costruito ad arte l'idea collettiva del "pericolo del diverso".
L'Autore, nel corso di due anni, ha girato l'Italia, dall'Alto Adige alla Calabria, per un'indagine che ha avuto quasi sempre come unico sostegno documentale delle pubblicazioni locali sconosciute ai più, opera di storici dilettanti. Il diario di questo percorso fa da contrappunto alla ricostruzione storica e accompagna nella lettura, pagina dopo pagina, sviscerando fino in fondo la doppia colpa di un popolo che prima ha sbagliato e poi, diversamente da quanto hanno fatto i tedeschi, ha preferito sorvolare e rimuovere tutto. Con rischi sociali che si proiettano anche sul presente.

Le centinaia di lager istituiti in tutta Italia (e in ex Jugoslavia e Albania), infatti, secondo l'Autore, sono una pagina che va indagata sia per onorare le vittime di quell'orrore sia per
comprendere fino in fondo i meccanismi che lo resero possibile. Sessant'anni fa tutto avvenne quasi sfuggendo alla percezione collettiva dei più; eppure i giornali per anni scrissero nelle prime pagine - con toni agiografici - delle leggi razziali, della loro applicazione, dell'istituzione dei lager e di altre nefandezze compiute nel nome della "Legge" e contro il pericolo straniero, ebreo, comunista, americano...
Per questa ragione, come spiega l'autore, il libro di Galluccio vuole essere anche un monito sul rischio che anche nell'Italia di oggi si mettano in atto iniziative legislative, con la complicità di un'opinione pubblica addomesticata o vile, che con forme nuove e molto più striscianti e inafferrabili calpesti la dignità degli esseri umani - oltre che ogni principio di giustizia e di Diritto naturale - siano essi immigrati stranieri o zingari.

Sia pure evitando azzardati e fuorvianti parallelismi storici, l'Autore invita a riflettere sul rischio che il formarsi di una percezione collettiva di "pericolo" proveniente da un'idea del "diverso" alimentata dalle istituzioni politiche e amplificata dai mass media, possa assecondare la codificazione di norme apparentemente "difensive" e obbligate da fenomeni preoccupanti, ma in realtà invasive e contrastanti con i principi universali del rispetto della persona umana.
Il rischio di morte civile per qualche gruppo sociale, in altre parole, è sempre in agguato, anche se i suoi strumenti e le sue forme cambiano radicalmente nelle varie epoche. Questo sembra dirci un libro che copre, con un grido, un vuoto storiografico e si propone come spiega Galluccio di fungere da stimolo agli storici accademici affinché il tema dei lager italiani venga indagato e fatto riemergere per consegnarlo al dibattito collettivo e rendere possibile un tentativo di rielaborazione della colpa. Il che non sarebbe poco, data l'aria che tira per vari gruppi sociali deboli anche nell'Italia di oggi.

Fabio Galluccio, nato a Messina il 13 luglio del 1954, laureato a Roma in giurisprudenza con una tesi su "La libertà nelle prospettive politico-giuridiche di Karl Jaspers", ha studiato in particolar modo la colpa del popolo tedesco durante il nazismo.

Scrive per Nonluoghi.it il diario, "Le Berluscate", sulle malefatte del governo di destra. È uno studioso di Gobetti e del mondo liberal-socialista. Al suo primo libro storico-narrativo. Il suo lavoro è nell'ambito della comunicazione attraverso i nuovi media.

 

 
Di Carvelli (del 27/01/2005 @ 14:53:27, in diario, linkato 837 volte)

Ho aggiunto nei link

di cui non sapevo nulla da un po' e credevo in pausa. Invece scopro essere ancora in linea (per quanto nell'irregolarità di uscite d'altronde professata sin dagli albori) e con un forum ricchissimo. E' una delle riviste di racconti più interessanti in circolazione. Con in testa due ottimi autori Marco Drago (leggetevi il suo L'AMICO DEL PAZZO- Feltrinelli e CRONACHE DA CHISSA' DOVE - minimum fax) e Matteo Galiazzo.

 
Ci sono 1594 persone collegate

< ottobre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








01/10/2020 @ 18:21:20
script eseguito in 666 ms