Immagine
 letto scomodo di claus... di Carvelli
 
"
“Ascolta. Più sono gli uomini che hai avuto e più ti amo. Capisci quel che voglio dire?” “Perfettamente”. “Odio la purezza, odio la bontà! Voglio che la virtù non esista in nessun luogo, e che tutti siano corrotti fino al midollo”. “E allora, caro, dovrei essere proprio il tipo che fa per te, perché io sono corrotta fino al midollo”. “Ma ti piace? Non sto solo dicendo se ti piaccio io, voglio sapere se ti piace fare l’amore in quanto tale”. “L’adoro”.

George Orwell
"
 
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 12/07/2004 @ 09:18:14, in diario, linkato 876 volte)
 Dannette Lee  Colleen Richter  Aaron Connolly  Allen Cartwright
 Allen Cartwright      

Gonzalo Flynn 

Robin Robison

Queste sono solo alcune delle mail delle quali ogni giorno mi tocca fare ripulitura. Ma in effetti le pulizie andrebbero fatte con tutti. Anche le mail dei presunti amici, sedicenti tali, opportunisti o svoltaserate, persone che ti chiamano o ti scrivono solo per occupare un vuoto in agenda. Poi che fai? Ci esci e ti fai due coglioni ad ascoltare battute idiote e stronzate varie. La simpatia (presunta!) si fa grave forse proprio per la valutazione personale e dimentica dell'altro. Poi torni a casa e dici ho perso tempo e una e due e tre alla fine è difficile che ci ricaschi. Ieri visto monologo belllissimo sul G8 del giovane attore Riccardo Lestini Era la presentazione di questo libro qui  della Bartesaghi "Genova, il posto sbagliato. La Diaz, Bolzaneto, il carcere: diario di una madre" con uno di Amnesty e Lorenzo Guadagnucci autore di NOI DELLA DIAZ (è uno dei giornalisti plurifratturato nell'irruzione terapeutica ordita dal nostro governo ad interim del Cile) e di un bel libro di recente uscito per la Feltrinelli sul commercio equo e solidale che straconsiglio. Questocopertina  
 
Di Carvelli (del 11/07/2004 @ 08:17:11, in diario, linkato 700 volte)

Eh Lole che bel personaggio invisibile. E che scrittore Izzo. Per dire: io non ricordo trame, al limite accenni...Il tutto non è nel disegno ma nei colori. Ognuno scappa da quel che può. Per me oggi l'alba è in cima alla casa con i due lettini (acquisto di ieri) messi IN DIREZIONE DELLA LUNA E DELLE STELLE. E leggo Peixoto...strana lettura. Bella ma... E' incredibile coem ogni scrittore abbia un suo mondo di immagini e di parole, una sua andatura, un passo congeniale, persino per noi che gli siamo altro. Persino noi, dicevo, abbiamo la facoltà, la possibilità o l'impossibilità di camminargli a fianco o di rimanercene indietro o di dire "io rimango qui, non mi muovo". E' estate...potrebbe essere la più bella estate degli ultimi anni...un sole fresco e io che mi sono iscritto ad un master sulla vita (metafora) facendo avanti e indietro tra ospedali per capire quanta storia mi sono vissuto, vita da vivere, affetti inamovibili. Che fortuna (alle volte solo alle volte ma sempre un poco) un po' di sofferenza!

 
Di Carvelli (del 10/07/2004 @ 13:00:14, in diario, linkato 729 volte)
Bellissima serata al Centro Anami. E pubblico d’eccezione…Oltre alla Gambino c’era Costa, l’autore di Se piango, picchiami che mi sembra assolutamente interessante per tecnica di scrittura e senso della storia…e una scrittrice della casa editrice pugliese Manni, interessantissima fucina di nuove scritture. Una lunga chiacchierata sulla scrittura con a seguire pizzata e nuove chiacchiere. Un grazie speciale a Luigi e a Chiara ottima padrona di casa… Ritorno a casa alle 3!!! Quindi coma totale. Ci sono stati anche letti d’altri…non solo i miei… belli davvero. A cominciare dal moderatore Luigi La Rosa …li aspetto qui nel sito. Ma ora mi dedico a Moody che devo recensire…
 
Di Carvelli (del 09/07/2004 @ 12:17:59, in diario, linkato 670 volte)
In una bella intervista Michael Cunningham autore pluridecorato e trasposto annuncia così e teorizza la scrittura del mattino..."Quel che è certo per me è che riesco a scrivere solo appena sveglio, passando solo direttamente dal sogno alla fantasia, senza rompere l'incantesimo della mia immaginazione. Se parlo con qualcuno, se faccio qualsiasi cosa oltre bere caffè e fumare sigarette, ciò che sto scrivendo mi pare tutta una finzione, inutile da portare avanti." Condivido. Sostituisco solo sigaro a sigarette anche se al mattino... Chiaramente vivo solo...ca va san dire... Dopo parla del momento della scoperta del tutto brutto di quello che stai scrivendo...ceh se non lo sai butti....prima di scoprire che qualsiasi cosa avrà quella rivelazione e che scrivere è il mestiere di quella raffinazione che supera la scoperta del brutto. Condivido..sapendo che spesso il brutto migliora ma solo poco...Qusto è il genio..rispetto al mestiere sia pure buono.
 
Di Carvelli (del 09/07/2004 @ 09:33:37, in diario, linkato 692 volte)

copertina grande

Mi affascina questa biografia per temi di Pat Reid su quello che per me è stato uno dei miti dell'adolescenza. Chi scrive è mio coetaneao con vantaggi inglesi e scava in quella fascinazione di allora e in quella USA di oggi che vede tanti ispanoamericani a venerare il culto di Morrissey e degli SMITHS che furono. Ma chi erano? Quale meccanismo come scrive Reid di resistenza alla delusione amorosa e lirismo solipsistico faceva di quel groupismo una filosofia di vita? Ardue domande...e risposte. E musiche indimenticabili con vinili di importazione consunta da Rough Trade. Reid scava nel mito, nel minimito morrisseyan con osservanza ma senza sbrodolamenti...bellissimo...

 
Di Carvelli (del 08/07/2004 @ 09:02:16, in diario, linkato 714 volte)

Una su Railibrohttp://www.educational.rai.it/railibro/articoli.asp?id=488

  e una su un settimanale siciliano Centonove http://www.centonove.it/arretrati/2004/25/ (Poster/p.32)

 
Di Carvelli (del 07/07/2004 @ 09:29:02, in diario, linkato 807 volte)

Che bello svegliarsi con al voce di Elizabeth Frazer, sound 4AD, che fine avrà fatto? Leggo Carver Per favore, non facciamo gli eroi (minfax). Prose saggi recensioni ecc. Mi colpisce e mi entusiasma la recensione di Brautigan, cioè non l’ultimo e l’esaltazione che Raymond fa dell’editor. C. dice – ce l’ha con la disuglianza delle prose di B. – “C’è per caso un editor in sala? Ovvero, c’è qualcuno che ama questo scrittore sopra ogni cosa, qualcuno a cui lui, a sua volta, vuole bene e di cui si fida, che gli si possa sedere accanto e dirgli che c’è di buono, anzi di ottimo, in questa farragine di frammenti e quello che è invece troppo leggero, roba semplicemente stupida che è meglio lasciare da parte o al massimo nei taccuini d’appunti?”

Mi preme dire che condivido anche se obtorto collo. L'editor serve. Soprattutto se lavora con rispetto e se la fiducia non è ONE WAY. Serve. Anzi è esiziale. Il rischio è che gli editor impongano un loro master, una cifra totalizzante e indistinta. Allora: libri uguali, autori appaittiti intorno a degli stili comuni: la morte. In Italia ce n'è di bravi. I migliori Laura Lepri e Canalini per dirne due ma se ne stanno formando di bravi/e. E spero che si continui la tradizione di questa formazione...con distinzione...spero.

Ma ecco una poesia per stare bene insieme attorno alle parole di Raymond:

“Agosto. In sei mesi/ non ho letto un libro/ a parte una cosa intitolata La ritirata da Mosca/ di Caulaincourt./ Comunque sono contento,/ vado in macchina con mio fratello,/ beviamo una pinta di Old Crow./ Non abbiamo in mente nessuna meta,/ andiamo e basta./ Chiudessi gli occhi per un momento/ ecco, sarei perduto, ma/ potrei stendermi e dormire per sempre/ sul ciglio della strada./ Mio fratello mi dà di gomito./ Tra un minuto, chissà, accadrà qualcosa.” BEVENDO E GUIDANDO  mi sembra un buon titolo per la patente a punti. no?
 
Di Carvelli (del 07/07/2004 @ 09:05:18, in diario, linkato 788 volte)

In oro Bianca Garavelli e Marco Beretta in quadrettato celeste. Un letto di Silvia Levenson con Silvia e Giovanna Fiorenza (a destra) la gallerista. La vetrina di Feltrinelli.

 

 

qui c'erano delle foto che però non si vedono nonostante multipli tentativi....immagination...

 
Di Carvelli (del 06/07/2004 @ 09:23:50, in diario, linkato 783 volte)
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

venerdì 9 luglio 2004 – ore 21.30
Centro Anami

Borgo Vittorio 87 - Roma

all'interno del laboratorio di
scrittura creativa
Luigi La Rosa discute con
Roberto Carvelli di Letti

ingresso libero

“Ovunque.
È il letto di Francesca.
Uno spazio infinito.
Un piccolo libro dei letti
scritto sulla sua pelle.
Mille stazioni di una via crucis
non dolorosa
dove dormire e allocarsi
hanno una simultaneità
che molti non conoscono.
Invidiano.
L’abilità è avere sonno.
Appoggiarsi e dormire
sarà un tutt’uno naturale
che coincide con ogni superficie.
Spiaggia, aghi di pino, fachiri,
tavole, panchine, rocce, scogli,
asfalto, pavimento.
Beata lei.” 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Di Carvelli (del 05/07/2004 @ 17:18:40, in diario, linkato 955 volte)

Ormai è ufficiale si dice Peiscioto...ed è da sapere che lunedì prossimo è a Roma, alla libreria dell'auditorium con Filippo La Porta e Agnese Nano a presentare il suo libro edito da La Nuova Frontiera http://www.lanuovafrontiera.it/ Ed è una notizia per groupies...Intanto rubo da Monicuzza

Arte poetica.Peixoto.

La poesia non ha nulla più del suono del suo senso,
la lettera p non è la prima lettera della parola poesia,
la poesia è una scultura dei sensi e questa è la sua forma,
poesia non si legge poesia, si legge pane o fiore, si legge erba
fresca e le tue labbra, si legge sorriso disteso su mille
alberi o cielo irto di pugnali, minaccia, si legge paura e brancolare
di ciechi, si legge mano di bambino o tu, madre, che dormi
e che mi hai fatto nascere da te perchè fossi parole che non
si scrivono, si legge Paese e mare e cielo dimenticato e
memoria, si legge silenzio, sì tante volte poesia si legge silenzio,
luogo che non si dice e che ha senso, silenzio del tuo
sguardo dolce di ragazza, silenzio la domenica tra le chiacchiere,
silenzio dopo un bacio o un fiore di troppo, silenzio
tuo, padre, che sei morto dappertutto per esistere solo in questo poema
silenzioso, chi lo può negare?, che scrivi sempre e sempre, in
segreto, dentro di me e dentro tutti quelli che soffrono per te.

La poesia non è questa penna con l'inchiostro nero, non è questa voce,
la lettera p non è la prima lettera della parola poesia,
la poesia è quando potevo dormire fino a tardi nelle vacanze
estive e il sole entrava dalla finestra, la poesia è dove io
sono stato felice e dove sono morto tanto, la poesia è quando io non
conoscevo la parola poesia, quando io non conoscevo la
lettera p e mangiava pane tostato sul fuoco della cucina della
fattoria, la poesia è qui, quando sollevo lo sguardo dalla carta
e lascio che le mie mani ti tocchino, quando so, senza rime
e senza metafore, che ti amo, la poesia sarà quando i bambini
e gli uccelli si ribelleranno e, fino ad allora, sarà sempre e tutto.

la poesia sa, la poesia si conosce e, tra sè non si chiama mai
poesia, tra sè non si scrive mai con la p, la poesia dentro di
sè è  profumo ed è fumo, è un bambino che corre in un frutteto per
abbracciare il suo papà, è spossatezza e la libertà che si sente, è tutto
quello che voglio imparare se quello che voglio imparare è tutto
é il tuo sguardo e quello che ne immagino, è solitudine e pentimento,
non sono biblioteche che bruciano di versi risaputi perchè quello sono
biblioteche che bruciano di versi risaputi e non è la poesia, non è la
radice di una parola che crediamo di conoscere perchè solo possiamo
conoscere quello che possediamo e non possediamo nulla, non è una
zolla di terra che canta inni e stende muraglioni tra
i versi e il mondo, la poesia non è la parola poesia
perchè la parola poesia è una parola e la poesia è la
carne salata dentro, è uno sguardo perduto nella notte sui
tetti all'ora in cui tutti dormono, è l'ultimo
ricordo di un annegato, è un incubo, un'angoscia, speranza.

la poesia non ha strofe, ha corpo, la poesia non ha versi
ha sangue, la poesia non si scrive con lettere, si scrive
con granelli di sabbia e baci, petali e momenti, grida e
incertezze, la lettera p non è la prima lettera della parola poesia,
la parola poesia esiste per non essere scritta come io esisto
per non essere scritto, per non essere compreso, nemmeno da
me stesso, anche se il mio senso è in  tutti i luoghi
in cui sono, la poesia sono io, le mie mani sui tuoi capelli,
la poesia è il mio viso, che non vedo, e che esiste perchè lo
guardi, la poesia è il tuo viso,io, io non so scrivere la
parola poesia, io, io so solo scrivere il suo senso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Ci sono 482 persone collegate

< ottobre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








27/10/2020 @ 21:35:31
script eseguito in 648 ms