Immagine
 rodi... di Carvelli
 
"
L'Amore è l'agire in modo piacevole di udito, tatto, vista, gusto e odorato, ciascuno nel proprio ambito, presieduti dalla mente congiunta con l'anima. Ma in particolare l'Amore è, di quest'ultima, l'adeguata sensazione, pervasa dalla gioia che viene dalla consapevolezza e ricca di risultati, in relazione a uno speciale contatto.

Vatsyayana
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 19/10/2004 @ 09:33:05, in diario, linkato 795 volte)
E' uno dei miei cinema preferiti. Come si sarà capito vado a vedere i film con una media imbarazzante. Anche se io ci andrei ancora più spesso. E' un fatto vizioso. Ieri VOLEVO SOLO DORMIRLE ADDOSSO. Con il mio amico e compagno di merende D. Dunque. Funziona così: mentre il film avanza, procede, la pellicola si svolge si capisce tutto dal grado di attenzione che conserviamo Io e D. Magari ci si guarda o si cambia continuamente posizione. Poi scappa una parola. Un assenso. Un dissenso. Insomma se un film ti piace oppure no si capisce. Il Quattro Fontane è bello c'ha i libri e li puoi sfogliare. E' bello avere qualcosa da fare prima di entrare in sala specie se sei solo (e capita) e lì c'è un'ottima selezione anche se poi spesso non compro perché ho gli sconti altrove e penso: lo compro senza sconti? NO, rispondo. Ma è bello. Per esempio ho pensato che andrebeb comprata la bio di Truffaut anche se costa 30euri. E l'ho capito prima di entrare. Forse se fosse stata aperta ancora la libreria un libro lo avrei comprato. Ma era tardi e avevano smobilitato. Così sono andato a letto. Punito. 
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 18/10/2004 @ 13:20:00, in diario, linkato 761 volte)
Perdersi a Roma

Roberto Carvelli

Edizioni Interculturali

“Quello che segue è una specie di Best of Roma. Un Best of personale. Una guida sbilenca, un percorso di paesaggi che non trova posto nell'ufficialità delle guide. Ma anche il tentativo di un libro-viaggio, come ti sarebbe piaciuto. L'avvicendarsi dei toni, dal confidenziale al giornalistico, dall'autobiografico all'introspettivo, è un procedere per tentativi inseguendo una definizione che non esiste se non nella perdita”



pubblicato il 18-Oct-2004
a cura di Luigi La Rosa

Non esiste una sola Roma. Ce ne sono cento, mille, infinite. Ci sono infiniti volti che si sovrappongono e tracciano stratigrafie dell’anima. Roma è questo e insieme qualcos’altro di diverso, di non ancora scoperto. Roma non la trovi, non la conquisti, non la domini mai del tutto. Mentre è qui, Roma è già altrove, e l’altrove che non raggiungerai mai. E’ la città che t’irretisce, che ti perde nei suoi poetici profili. Non sei tu a scegliere Roma, ma è la città a volerti, il labirinto a vincerti.
Ed è proprio questa intuizione a dominare le pagine di Perdersi a Roma, di Roberto Carvelli (edizioni Interculturali, pp. 293, euro 12.00). Un testo bellissimo, struggente, che si presta a differenti letture sociologiche e a più livelli d’indagine ermeneutica. Uno studio che parte dalla città, dalla sua toponomastica, dalle sue strade, dai suoi quartieri, dalle sue chiese, dai suoi monumenti. Un testo che parte dalla pietra, dalla polvere, dall’acqua, dal fuoco in qualche caso. Un testo che approda alla parola, la parola che sempre detiene il primato delle cose e che al tempo stesso ne incarna il simbolo, l’abaco primigenio.
Alla parola Carvelli affida il compito di recuperare, di ritrarre Roma, dove lui stesso vive e che ogni giorno cerca di scoprire sotto una luce differente. Ad accompagnarci in questo itinerario pittorico intinto nella tavolozza cromatica della più mediorientale delle capitali europee (ma anche nella più drammaticamente vera, umanamente nuda e profeticamente spietatamente) i racconti dei grandi artisti, le testimonianze dei massimi scrittori viventi, ma anche di quelli che hanno semplicemente scelto Roma come patria d’elezione.
Roma sembra fuoriuscire, d’improvviso, dalla sontuosa cornice architettonica dei secoli e dei millenni, per ritrovarci all’angolo di un baretto, nella luce declinante di un tardo pomeriggio, nella densità rosa di un cielo che sfiora le algebre dei terrazzi. Roma è questo ed è anche la culla del pensiero, del cinema, della cultura contemporanea. Roma è il nido che ciascuno di noi si porta dentro, l’architrave magica che ci consente di accedere alle leggi dell’eterno ritorno, l’Itaca che la scrittura misurata di Roberto Carvelli elegge a rifugio del vivere, del sentire, qualche volta del morire.
Un libro interessante per capire Roma e per lasciarsi capire da Roma. Anche gli scrittori che si raccontano nei vari capitoli danno più l’impressione di un delizioso mettersi a nudo che di cercare di analizzare realmente l’animus romano. E’ Roma che opera il miracolo e regala a questo libro il gusto di una ricerca raffinata e intelligente. Leggetelo, vi catturerà.

www.pickwick.it

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ma
Di Carvelli (del 18/10/2004 @ 11:29:29, in diario, linkato 763 volte)

 

Ieri ho visto questo spettacolo e mi sono commosso. Prima mani piedi voce come tamburo poi una storia che piove pensieri e li svuota e alla fine rimane questa leggerezza serena, svuotata. Un po' è Kureishi che ha questa abilità di toccare corde profonde parlando come una religione universale ai bisogni. Bello. Alberi che crescono e pensieri che scendono. A terra. E fanno il vuoto della mente lasciando pace. Un po' è l'India.

http://www.romaeuropa.net/festival/schede_compagnie2004/extensions_comp/07khan.htm

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 18/10/2004 @ 09:59:08, in diario, linkato 784 volte)
Uno degli ultimi segni della moderna comunicazione è l'avviso sul tuo cellulare TI HA CHIAMATO IL ... e il numero... Ebbene io questa suimpatica innovazione non ce l'ho. L'ho avuta due giorni poi mi sono perso il cellulare sotto la ruota di un autobus e da allora non l'ho più avuta. Traumatizzata. L'alterigia comunicativa spesso mi ha insegnato che la gente pensa: l'ho chiamato...losaiditim lo avrà avvisato. E invece no. Quindi...tornato da Creta non vorrei aver perso amicizie immolate alla presunzione. Se mi chiamate e il telefono è spento non lo saprò mai. Ebbene sì. Quindi bando a congetture!
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 14/10/2004 @ 07:17:21, in diario, linkato 670 volte)

"C'è un'isola, Creta, in mezzo al livido mare, 

bella e ricca, cinta dall'onde; e là uomini 

innumerevoli senza fine e novanta città..." 

(Omero, Odissea XIX,172-174).

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 13/10/2004 @ 09:15:31, in diario, linkato 871 volte)

Ieri poesia all'Auditorium. C'era Aldo Nove (il mio autore di culto secondo altri secondo me uno dei più geniali autori italiani) bravissimo in una inedita credo Odissea (tanto per non far rimpiangere alla divina struttura di Renzo Piano Baricco). F a n t a s t i c a. Ma non per tutti. Davanti a me qualcuno protesta alle frasi spezzate alle simonetorrette e simonepari, ulissi, bushi, ecc. Io lo trovo geniale e struggenti le altre poesie. Bravo e collaborativo Raiz che poi si spende anche per il grande Jalal Nuriddin, The granfather of rap che però svuota la sala: troppo tardi e ostico (anche se pregevole) il verseggiare a ritmo di congas in inglese e senza traduzione. Nel buio la gente abbandona anche perché è mezzanotte ed è un peccato. La lettura di da Carver non mi fa molto bravissimi Rava e Di Gennaro ma Cederna sbaglia toni secondo me. Ma Carver è Carver. Anzi Carver is not dead.

Risvolti umani e considerazioni a seguire. A sono simpatici alle volte i fidanzati delle tue amiche. Vorresti dir loro "oh mi raccomando trattala bene" ma sta male e così fai qualche domanda per avere lo stesso risultato e guardi con molta attenzione. B sono simpatiche le ragazze dell'auditorium, quelle che non si prendono sul serio. Una ci dice "non vi sedete lì che fa sciatto" ed è il suo modo di interpretare le sollecitazioni della direzione preoccupata di cotanto vuoto in sala.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 12/10/2004 @ 11:38:08, in diario, linkato 815 volte)

Mi sembra un'ottima recensione (di Rocco Caliandro) e un'ottima rivista bolognese che si trova nelle librerie con contributi notevoli sulla cultura dell'EST. L'ho vista al volo quindi ne parlerò meglio poi appena l'avrò comprata per ora www.daemonmagazine.it

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 12/10/2004 @ 09:00:01, in diario, linkato 887 volte)
Quasi ogni mattina il codice della strada mi consiglia una deviazione. E' il giro di un isolato di piazza Vittorio, prospiciente a. Via Mamiani e ti ritrovi subito d'angolo un fruttivendolo, poi a sinistra (Principe Amedeo?) poi a sinistra verso via Rattazzi. E' una deviazione, se volete anche una rottura di palle urbana, uno di quei divieti che uno (soprattutto in moto) se ne vorrebbe fottere. E invece tocca farlo. Per civismo. Per codice. ma è una deviazione allegra. A occhi a mandorla. A pelli scure nel cuore china dell'esquilino. C'è una specie di felicità operosa, fatta di carrelli che spostano merce, negozi aperti all'alba, passaggi di mani. Di soldi e passi, già tanti sul marciapiede verso il lavoro.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 11/10/2004 @ 09:09:05, in diario, linkato 761 volte)

1 Che "gioca con i fanti lascia stare i fanti" è un detto molto moderno e che il bel film di Pedro Almodovar LA MALA EDUCACION deve essere un gran film. Ma scomodo. E lo dico avendo dormito per buon tratto dello stesso ma che questo non inficia il mio giudizio e che anzi il regista spagnolo si conferma un mio tranquillante efficacissimo.

2 Che forse chi ti accompagna al cinema e ti vede assopirti penserà di essere non abbastanza motivante. Forse no. Ma che spesso sono i letti più improvvisati i latori del sonno migliore.

3 Che alla fine non è la morte altrui ma la paura della morte altrui a fare più danni.

4 Che gli appassionati di fumetti hanno spesso delle belle ragazze dall'aria annoiata che sono costrette a girare tra gli stand pur non avendo l'aria del menomo interesse. E questo l'ho capito al

5 Che i giochi di ruolo forse sono fatti per facce adolescenziali e pustole...ma lo stesso ROMICS mi ha contraddetto e mi ha insegnato che anche la discrepanza tra il coraggio e la sua rappresentazione, la sensualità e la sua rappresentazione possono diventare delle pericolose (ma ovvie) tautologie.

6 Che (ed è un pensiero di D) un tempo i ragazzi (noi ragazzi) avevamo il coraggio di chiedere le 1000 lire di pizza e che ora nessuno si sogna di scartocciare una banconotina (bisognerebbe dire una monetina ma di sti tempi!!) precisa precisa.

7 Che spesso i film tutti di azione come THE BOURNE SUPREMACY sono ben fatti e vale la pena vederli ma sei seduto vicino al pubblico tipo di questi film te la rischi grosso. Il pubblico tipo infatti è composto di gente casuale che è riuscita a mettersi d'accordo sul che fare e sono andati al cinema come sarebbero andati in pizzeria al teatro in una casa a giocare a risiko. Insomma un pretesto per stare insieme: una bassa motivazione per gli amanti delle sale. 

8 Che delle volte per vedere un bello spettacolo non bisogna spendere soldi e che bisognerebbe controllare quello che succede nei centri sociali e che c'è gente che fa arte di strada che non ha nulla da invidiare (a parte i soldi) a chi fa arte di televsione o di teatro o di cinema (che più di talvolta non la fanno) e ciò mi è venuto in mente dopo il festival del circo autogestito del CSOA ex SNIA Viscosa.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 11/10/2004 @ 09:06:20, in diario, linkato 887 volte)

Mi sbilancio. Kamasutra in smart - già il titolo di uno dei LETTI - sarà la mia prossima storia in libreria (da febbraio). Uscirà per Coniglio Editore (già LA COMUNITA' PORNO) è sarà un racconto di 64 pagine per al collana LEMMING. Lo scrivo oggi dopo l'ufficialità dei copertinari (ovvero le schede che servono alla distribuzione per avere gli ordini dei libri...le cui cifre si chiamano ORDINI ca va sans dire). E lo scrivo oggi dopo l'ennessima mattina di scrittura (ovviamente sono in corso d'opera... diciamo così). E dopo un tentato omicidio di un tipo all'incrocio che mi stava schiacciando con la sua...indovinate? Mi pregio di dire che ci saranno dialoghi, racconti di emozioni. Insomma uan vera e propria storia. Sembra incredibile no? Dopo tanti non-libri un libro. Ma sarò sincero? O meglio, non sarà solo una mia impressione?

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 967 persone collegate

< novembre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








25/11/2020 @ 08:55:57
script eseguito in 658 ms