Immagine
 Il letto a Takayama... di Carvelli
 
"
L'amore è come l'alcool, più sei impotente e sbronzo e più ti credi forte e scaltro, e sicuro dei tuoi diritti.

Louis-Ferdinand Céline
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 07/07/2006 @ 14:12:11, in diario, linkato 930 volte)

"Dopo di colpo capisco come la tenda del balcone/ dopo di me continuerà a battere contro il cemento./ Che gli alberi s'allungheranno sulla statale di Palmanova/ come le biglie colpite dalle biglie, le foglie contro il vetro./ E ci saranno sentieri nuovi sopra le nuvole,/ il cielo fisso di adesso ma non così immobile./ Diremo parole come pane, speranza, attimo, festa,/ parole come ciglia, labbra, mano, dita,/ sul vento che assorda e scuote la tenda."

Questa poesia è da LE COSE CHE DICO ADESSO di ALBERTO GARLINI. Un libro rubato (un sabato mi avevi letto COME DIRSI ADDIO, bella, ricordo) da una libreria non mia. E' bello scovare (in questo caso è lo scovare di uno scovare) un libro. Specie quando è piccolo e viene dalla persistenza, da un incontro casuale dove volere e non volere fanno un gioco di ombre. Ti domandi in quanti siete ad averlo (e come fare a farlo avere ad altri). Spesso si passa per qualche gentile redattrice di una casa editrice piccola. Il libro viene spedito in una busta che forse meriterebbe di essere conservata come la pagina di quel libro stesso. Quasi che la copertina abbia un appendice di carta gialla e francobolli.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 10/07/2006 @ 14:04:02, in diario, linkato 717 volte)
A due a due si salgono i gradini solo se miri ad un piano basso o se hai fretta. Ma fare sei piani a balzi lunghi se non è per ansia è per sport. E poi il fiatone, e poi il sudore. Non è stagione per simili cavalcate o bisogna essere allenati. O bisogna fare pause ai pianerottoli. Ogni tanto.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 12/07/2006 @ 21:28:28, in diario, linkato 703 volte)

Il blog è in pausa e segue (dal vivo) le avventure di www.campagnaromana.net

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 17/07/2006 @ 10:15:27, in diario, linkato 1016 volte)

L'arte di perdere s'impara presto;

tante le cose col segreto intento

di andare perse che non è un disastro.

Perdi una cosa al giorno. Con malestro

accetta chiavi perse, un'ora al vento.

L'arte di perdere s'impara presto.

Perdi di più, più in fretta; al peggio apprestati:

luoghi e nomi e dov'è che avevi in mente

di recarti. Non sarà mai un disastro.

L'orologio di mamma ho perso; e questa!

che è l'ultima di tre case nel niente.

L'arte di perdere s'impara presto.

Ho perso due città, belle. E, più vasti,

altri regni, due fiumi, un continente.

Mi mancano, ma non è poi un disastro.

Anche perdere te (la voce, il gesto

amato) non mi smentirà. È evidente:

l'arte di perdere fin troppo presto

s'impara, e sembra (scrivilo!) un disastro.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 17/07/2006 @ 15:39:14, in diario, linkato 719 volte)

Quello che è successo in questi giorni è un viaggio tra verde e cemento, laghi e fiumi organizzato da OsservatorioNomade/Stalker. Per saperne di più www.campagnaromana.net

In pratica trattasi di più di 100Km in avvicinamento a Roma, una piccola marcia - direi molto bonaria e molto democratica - di architetti, urbanisti, fotografi, stufenti, ambientologi. Quindi fatica, quindi sudore e sete ma anche l'idea di un territorio visto e appreso da sguardi e relazioni di prossimità. Forse seguiranno parole ad appunti e proiezioni o altro ma questo è un altro discorso. Futuro. Per ora il nostro bell'incontro e il serio proposito di riunire neuroni per fare qualcosa con quello che ci è venuto dietro (al fianco) in questi giorni. Non solo curiosità. Non solo potassio. Vedremo cosa sarà.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 18/07/2006 @ 09:40:27, in diario, linkato 781 volte)

Forse c'è o c'è stato un momento migliore, un tempo giusto. Un'intensità senza dolore. Una linea sconnessa su cui, comunque, non s'inciampava. Qualche sostegno di fortuna, tempo buono o un ombrello per ripararsi. Una casa di mura spesse a cui chiedere la salvezza dal sole. Una stretta di mano decisa, così decisa da parere l'offerta di una presa. Una parola detta bene, un colore che non sbatteva sul viso, un cielo da guardare all'infinito.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 18/07/2006 @ 14:09:17, in diario, linkato 1256 volte)
Ha camminato in Campagna Romana anche Marco Mantello di cui qui cito un brano uscito sull'antologia di Nuovi Argomenti Italville



(…)Odiavo quella gente, felice di avere gli occhi arrossati, che lanciava innocue bottiglie di plastica vuota davanti alle inferriate della zona rossa, scattando fotografie. Odiavo i sessantenni e le sessantenni di Pisa, Livorno e Recco, venuti lì dalla mattina con il pullmann organizzato dalla sezione locale di rifondazione comunista. Odiavo chi gridava: ‘Tre presente per il compagno Carlo!’. Odiavo Gad Lerner, arrivato di notte per fare il suo speciale; odiavo i ragazzi degli anni settanta, che parlavano per ore, su quel palco dove avevano raccolto una manciata di bozzoli di pistola. Ma soprattutto odiavo l’elicottero, che per tutta la notte aveva sorvolato piazzale Kennedy: ogni tre minuti un giro d’elica, e tutto quel rumore per filmare. Odiavo le divise schierate sul mare. E lo giuro sulle ceneri di Pasolini, che odiavo la natura di chi le indossava. Odiavo i brigadieri, i finanzieri, i forestali e i penitenziari, le loro facce di amici, con cui uscivo la sera, a diciassette anni, in un piccolo paese del salernitano: odiavo il loro pizzetto fascistoide, le loro fidanzate piò o meno eterne, dagli occhiali rifrangenti e gli stivali a mezza gamba; il loro stipendio da due milioni e quattro, che dai ventitre anni in poi gli avrebbe regalato una jaguar usata; odiavo il loro unico esame all'università -sociologia- fatto solo per avere il rinvio e provare il concorso di ammissione in un corpo dello stato. Odiavo quella voglia precoce di matrimonio, associata, in loro, a indipendenza; odiavo le loro famiglie; odiavo quando tornavano al loro paese, sulla spiaggia, nel sole di agosto e sudati, in divisa, solamente per farsi vedere in divisa, facevano le carezze ai cugini, ai nipotini. Odiavo le loro notti insonni, di scorta a un magistrato, le loro scurrili cacce all’immigrato, le loro missioni in medio oriente, non vietate da nessun parlamento, odiavo quando morivano e qualche stronzo, in parlamento, proponeva loro un monumento. Odiavo vedermeli adesso, lì davanti, schierati, con gli scudi, l'armatura e la loro dannata natura. Alcuni, dall’alto su Corso Italia, lanciavano lacrimogeni ancor prima che la manifestazione fosse iniziata. Facevano le prove, le divise, per vedere se i colpi arrivassero fino al marciapiede. Ci arrivavano. (..)


Da Grifonville di Marco Mantello: da Italville - Nuovi Argomenti, 2004
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 19/07/2006 @ 09:31:23, in diario, linkato 720 volte)

"Quando avevo la tua età, mio nonno mi comprò un braccialetto di rubini. Era troppo grande per me, e mi scivolava su e giù per il braccio. Sembrava una collana. In seguito mi disse che aveva chiesto lui al gioielliere di farlo così. Quella grandezza doveva essere il simbolo del suo amore. Più rubini, più amore. Ma non andava bene. Non me lo potevo mettere."

Leggo Jonathan Safran Foer. Molto forte, incredibilmente vicino. E mi tornano in mente i vestiti buoni. Quelli troppo belli per essere indossati fuori. Quelli troppo speciali per le occasioni comuni, che finivano per essere il tema di una sfilata domestica. Ora è estate e - si capisce - anni fa tutto questo era spazio di piccole fughe a volte solo mentali per improbabilità di uscite. Ecco: è come se stessi leggendo (il libro è) l'estate del non uscire, del non potere uscire. Quel caldo schermato, la televisione accesa e poi spenta, il libro aperto e poi chiuso. La spesa con la mamma. E poi un disargine fatto di calore, sudore e tempo dilatato, tempo da riempire e occupare. Che poi alle volte è vero che il troppo amore, come un vestito troppo buono, va bene solo per la domesticità. Non può essere socializzato, indossato all'aperto. E non è solo il timore di vederlo sporcato, la paura che l'aria lo consumi, che gli sguardi altrui logorino i suoi tessuti. Più è largo e più non si mette. Ché poi si perde, se no.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 20/07/2006 @ 09:24:09, in diario, linkato 701 volte)
Da qui a qui geografia, da lì a lì storia. Unisco puntini in un'immaginaria cartina dove disseminate stanno le persone che conosco. Quelle che amo. Quelle di cui ho bisogno. Quelle che sono state importanti per me (anche un solo giorno). Quelle di cui forse avrò bisogno. Quelle no (che non avranno bisogno di me né io di loro). Le persone conosciute per caso. Quelle nominate solo una volta. Quelle che hanno pronunciato il mio nome porgendomi un bicchiere, un piatto. Quelle che mi hanno detto in un appello (quelle che hanno sbagliato il cognome), citato in un discorso, pensato e omesso. Poi collego tutti questi punti. Da qui a qui segno una strada bianca. Da qui a qui una ferrovia. Da qui a qui un'autostrada. Da lì a lì una statale. Da lì a lì il tratteggio di un battello. Da qui a qui segno una provinciale. Rimangono sempre dei territori inesplorati.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 20/07/2006 @ 11:56:14, in diario, linkato 944 volte)
Carro decumano cattolicesimo punizione ascia veleno...senti come suonano queste parole? Non senti qualcosa che urta il nostro pudore, un bruciore, un colpo secco? E’ il suono? O è il significato? Neppure io lo so. Per esempio gesù erba comignolo mica fanno male. Mica ti schiantano dentro con la stessa durezza. Forse, allora, sarebbe il caso prima di parlare di fare l’analisi di quello che diciamo. Uno potrebbe, per esempio, parlare lento e dire, invece che “passami il coltello”, “facciamo delle listarelle?” Ma prima di parlare non abbiamo mai tutto questo tempo. O pensiamo di non averlo. E allora ecco qua, le parole. Comunque è dalle parole che nascono le guerre. E dalle guerre crescono vocabolari. Nuovi. Tutti pieni di “cannoni, calce, laido, tombe”. Dopo non è più questione di pescare nei sinonimi ma di riaffermare la lingua che parliamo. In guerra.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4
Ci sono 2993 persone collegate

< settembre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
       
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








28/09/2020 @ 05:21:56
script eseguito in 486 ms